14°

anniversario

Buon compleanno cinema! 120 anni fa la prima proiezione

Il 28 dicembre a Parigi i corti da ridere dei Lumière

Buon compleanno! 120 anni fa la prima proiezione

Cinematographe Lumiere (Museo del cinematografo di Colorno)

0

Ancora poche ore e il mondo del cinema potrà alzare i calici per un anniversario che precede di poco i tradizionali brindisi di Capodanno. Il 28 dicembre scoccheranno infatti i primi 120 anni del cinematografo, un’invenzione che fu rivoluzionaria, che ha cambiato la nostra percezione della realtà e il nostro modo di vedere. E che oggi, forse, è alla vigilia di un’altra rivoluzione, altrettanto storica e imprevedibile.
Era già buio, quella sera del 28 dicembre 1895 a Parigi, quando tutte le luci nel seminterrato del Grand Cafè al numero 14 di Boulevard des Capucines si spensero per mostrare un’antologia dei brevi film girati e impressionati dai fratelli Louis e Auguste Lumière. Al Salon Indien (questo l’esotico nome del locale, ricavato nello stesso stabile dell’hotel Scribe) gli spettatori paganti si spaventarono come se il treno che sullo schermo entrava nella stazione di La Ciotat potesse travolgerli; risero alla farsa dell’"Arroseur arrosè», videro meravigliati i lavoratori delle fabbriche Lumière uscire al termine del turno e fecero a gara per confrontarsi con quelle immagini effimere, tanto più grandi di loro. Nasceva in quel momento, proprio come nella caverna di Platone con le ombre proiettate sul muro, il mito moderno del cinema, anche se i filmati erano stati già girati nella primavera precedente. Il Boulevard des Capucines era una strada d’elezione della buona borghesia parigina: Victor Hugo ci aveva aperto la redazione del suo giornale, c'erano caffè storici che ospitavano scrittori e intellettuali, a pochi passi prosperava da anni un laboratorio fotografico, ci abitavano personaggi illustri come l’artista e fotografo Nadar, vi avevano esposto pochi anni prima gli Impressionisti, c'erano teatri e perfino un Georama, meraviglia della tecnica che illustrava in una sfera di 14 metri l’intero globo terrestre. Facile immaginare che la notizia della prima proiezione pubblica si diffondesse a macchia d’olio e si imponesse come la novità del momento, in un periodo in cui le meraviglie della tecnica erano viste come moderni prodigi, conferme che da Parigi partiva il rinnovamento della nuova società industriale.

I fratelli Lumière venivano dalla provincia; erano figli di un fotografo di Lione che solo pochi anni prima si era ritirato lasciando loro in gestione il mestiere di famiglia. Con spirito inventivo e sana attitudine imprenditoriale, i due si buttarono a capofitto nella ricerca di nuovi brevetti poichè era nell’aria ormai da tempo l’idea dell’immagine in movimento e la concorrenza americana si era fatta importante dopo il kinetoscopio di Thomas Alva Edison, il brevetto della pellicola a 35 millimetri di Dickson, la fabbricazione della pellicola Kodak inventata da George Eastman.
In questo periodo di pionieri e affaristi impegnati a superarsi l’un con l’altro, c'è spazio anche per un oscuro mistero che - poco noto - getta un’ombra contraddittoria sulla reale data di nascita del cinematografo. Sette anni prima infatti - nel 1888 - un francese naturalizzato inglese,
Augustine LePrince riusciva nell’impresa di girare un breve filmino (appena tre secondi ma di impressionante modernità e fluidità) nel giardino di casa alla periferia di Leeds, ottenendo lo stesso naturalismo dei primi film Lumière e impressionando la pellicola con uno scorrimento di 16 fotogrammi al secondo: la stessa velocità che diventerà norma dopo il 1895. Il suo nome resterà però sconosciuto ai più e il suo esperimento presto dimenticato.
Il 16 settembre 1890 infatti LePrince parte per la Francia con destinazione Parigi, forse per mostrare al mondo la sua invenzione. Scomparirà senza motivo apparente sul treno tra Digione e Parigi e a nulla varranno le inchieste della polizia e le ricerche promosse senza sosta dalla vedova. 12 anni dopo, a New York, morirà ucciso suo figlio Alphonse che cercava di affermare il primato di suo padre. Delitto, crisi depressiva, fuga d’amore? Ogni leggenda è fiorita su LePrince e difficilmente ormai la storia potrà accertare la verità. Il successo del Cinèma Lumière aveva oscurato per sempre gli sforzi dei rivali e l’invenzione principale dei due lionesi (uno stesso apparecchio in grado di girare dal vero e di proiettare su uno schermo la pellicola impressionata) aveva generato una fiorente industria con reporter ai quattro angoli del mondo (ci sono filmati dalla Cina e da Venezia, dai Balcani agli Stati Uniti) e un solo nome prima dei titoli di testa: quello di Louis e Auguste Lumière.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Parma espugna 1-0  Salò

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

pacciani commenta

"Parma poco brillante: ma contano i tre punti" Video

1commento

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

10commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia