19°

anniversario

Buon compleanno cinema! 120 anni fa la prima proiezione

Il 28 dicembre a Parigi i corti da ridere dei Lumière

Buon compleanno! 120 anni fa la prima proiezione

Cinematographe Lumiere (Museo del cinematografo di Colorno)

0

Ancora poche ore e il mondo del cinema potrà alzare i calici per un anniversario che precede di poco i tradizionali brindisi di Capodanno. Il 28 dicembre scoccheranno infatti i primi 120 anni del cinematografo, un’invenzione che fu rivoluzionaria, che ha cambiato la nostra percezione della realtà e il nostro modo di vedere. E che oggi, forse, è alla vigilia di un’altra rivoluzione, altrettanto storica e imprevedibile.
Era già buio, quella sera del 28 dicembre 1895 a Parigi, quando tutte le luci nel seminterrato del Grand Cafè al numero 14 di Boulevard des Capucines si spensero per mostrare un’antologia dei brevi film girati e impressionati dai fratelli Louis e Auguste Lumière. Al Salon Indien (questo l’esotico nome del locale, ricavato nello stesso stabile dell’hotel Scribe) gli spettatori paganti si spaventarono come se il treno che sullo schermo entrava nella stazione di La Ciotat potesse travolgerli; risero alla farsa dell’"Arroseur arrosè», videro meravigliati i lavoratori delle fabbriche Lumière uscire al termine del turno e fecero a gara per confrontarsi con quelle immagini effimere, tanto più grandi di loro. Nasceva in quel momento, proprio come nella caverna di Platone con le ombre proiettate sul muro, il mito moderno del cinema, anche se i filmati erano stati già girati nella primavera precedente. Il Boulevard des Capucines era una strada d’elezione della buona borghesia parigina: Victor Hugo ci aveva aperto la redazione del suo giornale, c'erano caffè storici che ospitavano scrittori e intellettuali, a pochi passi prosperava da anni un laboratorio fotografico, ci abitavano personaggi illustri come l’artista e fotografo Nadar, vi avevano esposto pochi anni prima gli Impressionisti, c'erano teatri e perfino un Georama, meraviglia della tecnica che illustrava in una sfera di 14 metri l’intero globo terrestre. Facile immaginare che la notizia della prima proiezione pubblica si diffondesse a macchia d’olio e si imponesse come la novità del momento, in un periodo in cui le meraviglie della tecnica erano viste come moderni prodigi, conferme che da Parigi partiva il rinnovamento della nuova società industriale.

I fratelli Lumière venivano dalla provincia; erano figli di un fotografo di Lione che solo pochi anni prima si era ritirato lasciando loro in gestione il mestiere di famiglia. Con spirito inventivo e sana attitudine imprenditoriale, i due si buttarono a capofitto nella ricerca di nuovi brevetti poichè era nell’aria ormai da tempo l’idea dell’immagine in movimento e la concorrenza americana si era fatta importante dopo il kinetoscopio di Thomas Alva Edison, il brevetto della pellicola a 35 millimetri di Dickson, la fabbricazione della pellicola Kodak inventata da George Eastman.
In questo periodo di pionieri e affaristi impegnati a superarsi l’un con l’altro, c'è spazio anche per un oscuro mistero che - poco noto - getta un’ombra contraddittoria sulla reale data di nascita del cinematografo. Sette anni prima infatti - nel 1888 - un francese naturalizzato inglese,
Augustine LePrince riusciva nell’impresa di girare un breve filmino (appena tre secondi ma di impressionante modernità e fluidità) nel giardino di casa alla periferia di Leeds, ottenendo lo stesso naturalismo dei primi film Lumière e impressionando la pellicola con uno scorrimento di 16 fotogrammi al secondo: la stessa velocità che diventerà norma dopo il 1895. Il suo nome resterà però sconosciuto ai più e il suo esperimento presto dimenticato.
Il 16 settembre 1890 infatti LePrince parte per la Francia con destinazione Parigi, forse per mostrare al mondo la sua invenzione. Scomparirà senza motivo apparente sul treno tra Digione e Parigi e a nulla varranno le inchieste della polizia e le ricerche promosse senza sosta dalla vedova. 12 anni dopo, a New York, morirà ucciso suo figlio Alphonse che cercava di affermare il primato di suo padre. Delitto, crisi depressiva, fuga d’amore? Ogni leggenda è fiorita su LePrince e difficilmente ormai la storia potrà accertare la verità. Il successo del Cinèma Lumière aveva oscurato per sempre gli sforzi dei rivali e l’invenzione principale dei due lionesi (uno stesso apparecchio in grado di girare dal vero e di proiettare su uno schermo la pellicola impressionata) aveva generato una fiorente industria con reporter ai quattro angoli del mondo (ci sono filmati dalla Cina e da Venezia, dai Balcani agli Stati Uniti) e un solo nome prima dei titoli di testa: quello di Louis e Auguste Lumière.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

3commenti

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

7commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Droga

San Leonardo ostaggio dei pusher: ecco come funziona "il rito"

21commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

3commenti

tg parma

Giornate del Fai: 3 tappe per celebrare la storia parmense Video

Fiere di Parma

MecSpe, il cuore del salone è l'Industria 4.0

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

4commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

1commento

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Tg Parma

Distretto Sud-Est, parte il progetto Staff per assistenza agli anziani Video

I FUNERALI

L'addio a Fadda. «Giovanni adesso è insieme a Dio»

Carcere

Pagliari interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Il senatore replica alle accuse del sindaco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

Lutto

Addio a "monnezza": è morto il grande Tomas Milian Gallery Video

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery