11°

Capodanno

Molestie di gruppo a Colonia: denunce in altre città

Polizia, i 1.000 aggressori forse una rete
Ricevi gratis le news
30

Non solo Colonia: salgono a 70 le denunce sporte da donne che hanno raccontato di aver subito molestie sessuali ad Amburgo durante la notte di San Silvestro. In 23 casi le vittime delle aggressioni hanno riferito di essere state anche derubate, e sono due le denunce per lesioni corporali.

 Le aggressioni sono state compiute per lo più lungo il famoso Reeperbahn, la notissima zona 'a luci rossè, nel tratto denominato «Grosse Freiheit» (Grande libertà), luogo centrale della vivacissima vita notturna del quartiere St Pauli.
La polizia di Amburgo al momento «non ha alcun indizio per affermare che vi sia un collegamento con i fatti di Colonia», ha spiegato all’ANSA un portavoce. «Anche perchè fino ad oggi non vi è stato alcun fermo, e le indagini sono ancora in corso». Tuttavia anche nel caso delle aggressioni avvenute nella città anseatica, le donne hanno denunciato di essere state molestate da persone che avevano un background migratorio, ha aggiunto la fonte. E il numero delle denunce arrivate fino ad oggi fa pensare comunque a un fenomeno «nuovo», qualcosa di inedito nelle proporzioni.

Aggressioni sessuali paragonabili a quelle di massa perpetrate a Colonia sono avvenute la notte di San Silvestro anche a Zurigo. Anche in Austria diverse donne hanno denunciato di aver subito aggressioni sessuali nella notte di San Silvestro, gran parte di queste a Salisburgo.

Violenze a Colonia: si tratta di una rete?

La polizia di Colonia ritiene che gli aggressori che a Capodanno hanno molestato o anche stuprato decine di donne alla stazione fossero organizzati, fossero almeno mille e che abbiano agito in piccoli gruppi, che circondavano donne isolate anche con lo scopo di rapinarle. Tre di loro sono stati identificati, ma non ancora arrestati.

Nell’annunciare le novità il ministero dell’Interno del Land Renania-Vestfalia e la polizia hanno aggiunto che nessuno è ancora stato arrestato e che si sta indagando su una rete criminale proveniente dalla vicina città di Duesseldorf, che dista una quarantina di chilometri.
L’aggressione di massa in Germania sta dividendo gli animi e ha scatenato anche polemiche dai toni accesi sull'immigrazione e l'accoglienza dei rifugiati dopo che alcune delle vittime hanno riferito di aggressori dall’apparenza «araba o nordafricana». Almeno una delle circa 90 donne che hanno sporto denuncia ha denunciato di essere stata violentata.
Il tipo di incidenti, secondo la polizia, è simile ad altri avvenuti, su scala minore, a Duesseldorf, dove in passato delle donne sono state distratte con violente molestie sessuali mentre venivano derubate. Le polizie delle due città renane stanno collaborando da alcune ore su questo caso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    08 Gennaio @ 12.27

    LA POLIZIA TEDESCA E' STATA TRAVOLTA ! Gli agenti che tentavano di intervenire sono stati aggrediti , respinti e sbeffeggiati . Uno dei teppisti ha detto "Sono Siriano ! Dovete trattarmi bene perché sono stato invitato qui dalla signora Merkel ! " . Un altro ha strappato il suo permesso di soggiorno davanti ai poliziotti , dicendo : "Tanto domani me ne faccio fare un altro ! ". Queste sono le povere vittime della guerra e della fame che ci portiamo in casa ! Questi sono quelli per i quali non facciamo il Presepio e non cantiamo le canzoni di Natale nel timore che si offendano ! Del resto , cosa volete aspettarvi da gente che porta bambini di due o tre anni ad annegare su un gommone ? INTANTO IL GOVERNO ITALIANO STA PER EMETTERE UN DECRETO LEGGE COL QUALE DEPENALIZZA L' IMMIGRAZIONE CLANDESTINA , IN ALTRE PAROLE CANCELLA L' IMMIGRAZIONE CLANDESTINA COME REATO ! Ricordo agli immancabili smemorati di comodo che il Ministro degli Interni è il noto comunista Alfano.

    Rispondi

  • Bastet

    08 Gennaio @ 09.43

    feccia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Uccio

    08 Gennaio @ 01.44

    Dove sei Michelotto? Non dai la colpa a Pizzarotti anche per questi fatti come fai di solito? Come sostenevo nei commenti dei giorni scorsi, l'aumento della criminalità a Parma come in tutte le città italiane ed europee, deriva da molto lontano: dai politici di Roma di cui qualcuno si arricchisce con l'immigrazione esagerata, ed anche per colpa della UE che manca di politiche comuni lungimiranti. La sicurezza è e resta, comunque, di pertinenza del governo centrale e del ministero degli Interni che ha il potere di decidere quanti agenti di polizia, carabinieri e mezzi dislocare sul territorio, quali strategie intraprendere e quanti migranti far entrare (con o senza prendere le impronte e documenti).

    Rispondi

  • marirhugo

    08 Gennaio @ 01.10

    Siriani, scappati dalla guerra ma soprattutto da Assad, simpatizzanti dell'isis? si, senza cincischiare troppo sul fatto che non tutti le migliaia sono colpevoli di qualcosa, Ci penseranno le autorita' tedesche e di tutti paesi in cui sono accadute cose analoghe, E poi uomini,e poi maschi. Ma non da espellere, da mettere in carcere e per molto tempo. Qulche ergastolo come buon esempio. Quelle donne hanno corso dei rischi "femminicidi" si sarebbero chiamati. E chi ne e'capace che faccia un serio e anche spietato discorso sulla religione,l'islam che solo quando finalmente verra' sconfitta e confinata dentro la Mecca con lo stuolo di principi, imam,aiatollah, ulema e compagnia,,riuscira' a mandare il suo messaggio di pace e fratellanza.

    Rispondi

  • Filippo

    07 Gennaio @ 23.19

    Mala tempora currunt... Per colpa di governanti inetti, ci prepariamo alla presa di potere di movimenti razzisti: ce lo meritiamo e chissà che non tutti i mali vengano per nuocere.

    Rispondi

    • jeffroy

      08 Gennaio @ 11.16

      i mala tempora che currunt sono questi dell'UE, caro annebbiato ! Da un "estremista" non temerei di essere asslatato in casa, di vedere spaccio di droga sotto casa, o di vedere stuprate o messe in pericolo delle donne. Questi sono solo i pretesti che il sistema euronazicomunista propina per autoconservarsi, anche grazie alle distorsioni interpretative come le sue. L'UE è un piano per distruggere le autonomie e questi politichetti che abbiamo rappresentano Bruxelles in Italia, non l'Italia a Bruxelles. Tutto è manipolazione mediatica; se le piace bersela, faccia pure, ma non ci faccia credere che le destre sono l'impero del male. Si sono capovolti i ruoli, caro signore. Lei cosa sa della mentalità degli arabi e di come è stata formata da secoli di religione oscurantista, misogina, sessuofobia, assolutista e primordiale ? Guarda caso là, in quei paesi ci sono solo due tipi di governo: la teocrazia o la tirannia ereditaria laica. Si documenti un po' meglio o viaggi un po' di più ...

      Rispondi

      • Filippo

        08 Gennaio @ 19.22

        Lei secondo me deve imparare a leggere, o perlomeno a capire quello che legge. Per mia fortuna ho molti più visti sul passaporto di quante idee lei ha in testa, visto che il mio commento dice in maniera più civile gran parte di quanto dice lei. E di destra non vuol dire necessariamente razzista, malgrado quanto tende a far credere l'ultima parte del suo commento.

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS