-5°

iniziative

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis nel libro con la Gazzetta

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis  nel  libro  con la Gazzetta
0

Il Califfato – anzi il sedicente Califfato, come vedremo – si chiama in molti modi. Il nome più usato, perlomeno in Italia, è Isis. Si tratta di un acronimo che corrisponde a «Islamic State of Iraq and Syria», vale a dire, in italiano, a «Stato islamico dell’Iraq e della Siria». Ma in precedenza l’Isis era conosciuto come Isil, cioè «Islamic State of Iraq and Levant», cioè «Stato islamico dell’Iraq e del Levante».
Volendo essere sofistici Isis può anche significare «Islamic State of Iraq and al-Sham», dove «al-Sham» non è altro che il nome arabo della Grande Siria («Bilad al-Sham») che non corrisponde alla Siria attuale, ma piuttosto al Levante che abbiamo ricordato prima. Ma non è finita: molti ormai – e i militanti dell’Isis per primi – si riferiscono a questo «quasi-stato» con la sigla «Is», cioè, molto semplicemente, «Islamic State», in italiano «Stato islamico».
Per complicare le cose, c’è anche l’acronimo arabo, cioè «Daesh» (o, in altre traslitterazioni, «Daiish») che corrisponde ad «ad-Dawla al-Islāmiyyafī al-ʿIrāqiwa al-Shām». Appunto, tradotto in italiano, «Stato Islamico dell’Iraq e della Siria». Ma perché usare l’oscuro, per le nostre orecchie, acronimo arabo si chiederà il lettore che ha avuto la pazienza di arrivare fin qui? Per il semplice motivo che in questo modo si evita, in nome della correttezza politica, di accostare l’aggettivo islamico a un’organizzazione terroristica. Anche se, come abbiamo visto, l’aggettivo islamico è presente nella sigla, solo che è in arabo e quindi meno evidente.
E poi c’è un altro particolare: «Daesh» suona molto simile ad alcuni termini dispregiativi arabi. Per esempio è quasi identico a «dahes», «seminatore di discordia» e a «daes», «calpestatore». Per questo nei territori occupati dall’isis è vietato usare questa accezione, e la pena per chi trasgredisce è la fustigazione o il taglio della lingua.
A questa e a tante altre curiosità e domande risponde il libro «Isis. Le cento domande che tutti si fanno» di Giancarlo Carlotti e Andrea Franchini con la collaborazione Dario Jovane e Luca Montecchi. Il volume – che ha una postfazione di Fulvio Palmieri – è edito da Due A Editori, e sarà venduto, in abbinamento alla «Gazzetta di Parma», da sabato 30 gennaio a 5 euro più il prezzo del quotidiano.
Non si tratta di un saggio di geopolitica, di un’analisi accademica o di un approfondito reportage giornalistico. Semplicemente gli autori si sono poste le domande che tutti ci facciamo quando guardiamo le atrocità, i successi e gli insuccessi dell’Isis in televisione e hanno provato a dare, nel modo più chiaro e succinto possibile, le risposte. Magari semplificando un po’, ma d’altronde il testo non si propone di essere esaustivo, ma di far capire meglio il fenomeno e, magari, stimolarci a ulteriori letture.
Meno schematicamente il libro si compone di sei capitoli più un’appendice che raggruppa tutte le parole da sapere per parlare con proprietà del fenomeno Isis. Un rapido dizionario che parte da «Abu Alaa al-Afri» (uno dei vice di Abu Bakr al-Baghdadi, il capo dell’Isis) per arrivare a «Zaslon» (un altro acronimo: questa volta indica le unità speciali per le operazioni occulte del Cremlino che pare operino in Siria).
Nel primo capitolo sono raggruppate le domande sulla nascita dello Stato Islamico; il secondo tratta del Califfato, la cui autorità è riconosciuta solo da una minoranza di musulmani e quindi in realtà è un sedicente Califfato; il terzo dell’apparato militare dell’organizzazione; il quarto della comunicazione, un marketing della paura che forse è l’arma più affilata dell’Isis; il quinto delle finanze dello Stato islamico e infine il sesto dei legami tra l’Isis e l’Islam o, meglio quella versione rigorista dell’Islam sunnita che è conosciuta come wahabismo.
In mezzo ci sono risposte a parecchie curiosità come il significato della bandiera nera dell’organizzazione, il ruolo delle donne nell’Isis, i rapporti, molto conflittuali, con al-Qaida, i mutevoli confini geografici dello Stato Islamico oppure l’odio iconoclasta che porta alla distruzione di qualunque monumento archeologico e che, tra l’altro, dà modo ai jihadisti di rifornire, con lauti guadagni, il fiorente mercato delle opere d’arte trafugate. P.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

12commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto