16°

31°

iniziative

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis nel libro con la Gazzetta

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis  nel  libro  con la Gazzetta
Ricevi gratis le news
0

Il Califfato – anzi il sedicente Califfato, come vedremo – si chiama in molti modi. Il nome più usato, perlomeno in Italia, è Isis. Si tratta di un acronimo che corrisponde a «Islamic State of Iraq and Syria», vale a dire, in italiano, a «Stato islamico dell’Iraq e della Siria». Ma in precedenza l’Isis era conosciuto come Isil, cioè «Islamic State of Iraq and Levant», cioè «Stato islamico dell’Iraq e del Levante».
Volendo essere sofistici Isis può anche significare «Islamic State of Iraq and al-Sham», dove «al-Sham» non è altro che il nome arabo della Grande Siria («Bilad al-Sham») che non corrisponde alla Siria attuale, ma piuttosto al Levante che abbiamo ricordato prima. Ma non è finita: molti ormai – e i militanti dell’Isis per primi – si riferiscono a questo «quasi-stato» con la sigla «Is», cioè, molto semplicemente, «Islamic State», in italiano «Stato islamico».
Per complicare le cose, c’è anche l’acronimo arabo, cioè «Daesh» (o, in altre traslitterazioni, «Daiish») che corrisponde ad «ad-Dawla al-Islāmiyyafī al-ʿIrāqiwa al-Shām». Appunto, tradotto in italiano, «Stato Islamico dell’Iraq e della Siria». Ma perché usare l’oscuro, per le nostre orecchie, acronimo arabo si chiederà il lettore che ha avuto la pazienza di arrivare fin qui? Per il semplice motivo che in questo modo si evita, in nome della correttezza politica, di accostare l’aggettivo islamico a un’organizzazione terroristica. Anche se, come abbiamo visto, l’aggettivo islamico è presente nella sigla, solo che è in arabo e quindi meno evidente.
E poi c’è un altro particolare: «Daesh» suona molto simile ad alcuni termini dispregiativi arabi. Per esempio è quasi identico a «dahes», «seminatore di discordia» e a «daes», «calpestatore». Per questo nei territori occupati dall’isis è vietato usare questa accezione, e la pena per chi trasgredisce è la fustigazione o il taglio della lingua.
A questa e a tante altre curiosità e domande risponde il libro «Isis. Le cento domande che tutti si fanno» di Giancarlo Carlotti e Andrea Franchini con la collaborazione Dario Jovane e Luca Montecchi. Il volume – che ha una postfazione di Fulvio Palmieri – è edito da Due A Editori, e sarà venduto, in abbinamento alla «Gazzetta di Parma», da sabato 30 gennaio a 5 euro più il prezzo del quotidiano.
Non si tratta di un saggio di geopolitica, di un’analisi accademica o di un approfondito reportage giornalistico. Semplicemente gli autori si sono poste le domande che tutti ci facciamo quando guardiamo le atrocità, i successi e gli insuccessi dell’Isis in televisione e hanno provato a dare, nel modo più chiaro e succinto possibile, le risposte. Magari semplificando un po’, ma d’altronde il testo non si propone di essere esaustivo, ma di far capire meglio il fenomeno e, magari, stimolarci a ulteriori letture.
Meno schematicamente il libro si compone di sei capitoli più un’appendice che raggruppa tutte le parole da sapere per parlare con proprietà del fenomeno Isis. Un rapido dizionario che parte da «Abu Alaa al-Afri» (uno dei vice di Abu Bakr al-Baghdadi, il capo dell’Isis) per arrivare a «Zaslon» (un altro acronimo: questa volta indica le unità speciali per le operazioni occulte del Cremlino che pare operino in Siria).
Nel primo capitolo sono raggruppate le domande sulla nascita dello Stato Islamico; il secondo tratta del Califfato, la cui autorità è riconosciuta solo da una minoranza di musulmani e quindi in realtà è un sedicente Califfato; il terzo dell’apparato militare dell’organizzazione; il quarto della comunicazione, un marketing della paura che forse è l’arma più affilata dell’Isis; il quinto delle finanze dello Stato islamico e infine il sesto dei legami tra l’Isis e l’Islam o, meglio quella versione rigorista dell’Islam sunnita che è conosciuta come wahabismo.
In mezzo ci sono risposte a parecchie curiosità come il significato della bandiera nera dell’organizzazione, il ruolo delle donne nell’Isis, i rapporti, molto conflittuali, con al-Qaida, i mutevoli confini geografici dello Stato Islamico oppure l’odio iconoclasta che porta alla distruzione di qualunque monumento archeologico e che, tra l’altro, dà modo ai jihadisti di rifornire, con lauti guadagni, il fiorente mercato delle opere d’arte trafugate. P.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

3commenti

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

Irlanda

Il bodybuilder al supermarket è uno show

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti