15°

iniziative

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis nel libro con la Gazzetta

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis  nel  libro  con la Gazzetta
0

Il Califfato – anzi il sedicente Califfato, come vedremo – si chiama in molti modi. Il nome più usato, perlomeno in Italia, è Isis. Si tratta di un acronimo che corrisponde a «Islamic State of Iraq and Syria», vale a dire, in italiano, a «Stato islamico dell’Iraq e della Siria». Ma in precedenza l’Isis era conosciuto come Isil, cioè «Islamic State of Iraq and Levant», cioè «Stato islamico dell’Iraq e del Levante».
Volendo essere sofistici Isis può anche significare «Islamic State of Iraq and al-Sham», dove «al-Sham» non è altro che il nome arabo della Grande Siria («Bilad al-Sham») che non corrisponde alla Siria attuale, ma piuttosto al Levante che abbiamo ricordato prima. Ma non è finita: molti ormai – e i militanti dell’Isis per primi – si riferiscono a questo «quasi-stato» con la sigla «Is», cioè, molto semplicemente, «Islamic State», in italiano «Stato islamico».
Per complicare le cose, c’è anche l’acronimo arabo, cioè «Daesh» (o, in altre traslitterazioni, «Daiish») che corrisponde ad «ad-Dawla al-Islāmiyyafī al-ʿIrāqiwa al-Shām». Appunto, tradotto in italiano, «Stato Islamico dell’Iraq e della Siria». Ma perché usare l’oscuro, per le nostre orecchie, acronimo arabo si chiederà il lettore che ha avuto la pazienza di arrivare fin qui? Per il semplice motivo che in questo modo si evita, in nome della correttezza politica, di accostare l’aggettivo islamico a un’organizzazione terroristica. Anche se, come abbiamo visto, l’aggettivo islamico è presente nella sigla, solo che è in arabo e quindi meno evidente.
E poi c’è un altro particolare: «Daesh» suona molto simile ad alcuni termini dispregiativi arabi. Per esempio è quasi identico a «dahes», «seminatore di discordia» e a «daes», «calpestatore». Per questo nei territori occupati dall’isis è vietato usare questa accezione, e la pena per chi trasgredisce è la fustigazione o il taglio della lingua.
A questa e a tante altre curiosità e domande risponde il libro «Isis. Le cento domande che tutti si fanno» di Giancarlo Carlotti e Andrea Franchini con la collaborazione Dario Jovane e Luca Montecchi. Il volume – che ha una postfazione di Fulvio Palmieri – è edito da Due A Editori, e sarà venduto, in abbinamento alla «Gazzetta di Parma», da sabato 30 gennaio a 5 euro più il prezzo del quotidiano.
Non si tratta di un saggio di geopolitica, di un’analisi accademica o di un approfondito reportage giornalistico. Semplicemente gli autori si sono poste le domande che tutti ci facciamo quando guardiamo le atrocità, i successi e gli insuccessi dell’Isis in televisione e hanno provato a dare, nel modo più chiaro e succinto possibile, le risposte. Magari semplificando un po’, ma d’altronde il testo non si propone di essere esaustivo, ma di far capire meglio il fenomeno e, magari, stimolarci a ulteriori letture.
Meno schematicamente il libro si compone di sei capitoli più un’appendice che raggruppa tutte le parole da sapere per parlare con proprietà del fenomeno Isis. Un rapido dizionario che parte da «Abu Alaa al-Afri» (uno dei vice di Abu Bakr al-Baghdadi, il capo dell’Isis) per arrivare a «Zaslon» (un altro acronimo: questa volta indica le unità speciali per le operazioni occulte del Cremlino che pare operino in Siria).
Nel primo capitolo sono raggruppate le domande sulla nascita dello Stato Islamico; il secondo tratta del Califfato, la cui autorità è riconosciuta solo da una minoranza di musulmani e quindi in realtà è un sedicente Califfato; il terzo dell’apparato militare dell’organizzazione; il quarto della comunicazione, un marketing della paura che forse è l’arma più affilata dell’Isis; il quinto delle finanze dello Stato islamico e infine il sesto dei legami tra l’Isis e l’Islam o, meglio quella versione rigorista dell’Islam sunnita che è conosciuta come wahabismo.
In mezzo ci sono risposte a parecchie curiosità come il significato della bandiera nera dell’organizzazione, il ruolo delle donne nell’Isis, i rapporti, molto conflittuali, con al-Qaida, i mutevoli confini geografici dello Stato Islamico oppure l’odio iconoclasta che porta alla distruzione di qualunque monumento archeologico e che, tra l’altro, dà modo ai jihadisti di rifornire, con lauti guadagni, il fiorente mercato delle opere d’arte trafugate. P.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Clooney "Avere figli? Sarà un'avventura"

cinema

Clooney "Avere figli? Sarà un'avventura"

David: i candidati ai premi per attori e attrici

cinema

David: ecco chi sarà in corsa

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

È il momento di rinnovare casa sfruttando le agevolazioni fiscali

COSTRUIRE ARREDARE

Agevolazioni fiscali: è il momento di rinnovare casa

Lealtrenotizie

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

3commenti

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

2commenti

giudice

Parma a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

4commenti

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

2commenti

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

Corsa contro il tempo per comunicare le spese di ristrutturazione e di risparmio energetico

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

alimentare

Barilla, nuovi contratti per il grano duro al Sud

Accordi triennali per l'acquisto di oltre 200mila tonnellate. In Campania crescono i volumi di grano Aureo: +30% nei prossimi 3 anni

quartieri

Ventuno progetti per Parma

Le proposte dei consigli dei cittadini volontari

1commento

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

5commenti

carabinieri

Lite tra vicini, donna esplode colpi in aria a Boretto

E' stata denunciata, ha usato una scacciacani

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

3commenti

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

8commenti

ITALIA/MONDO

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

il caso

Killer del catamarano: De Cristofaro è scomparso dal Portogallo

SOCIETA'

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti