22°

32°

maternità surrogata

E' nato Tobia Antonio, il figlio di Vendola e del compagno

L'evento in Canada con tecnica dell’utero in affitto

Nato il figlio di Vendola e del compagno Testa
Ricevi gratis le news
28

Con la tecnica dell’utero in affitto è nato in Canada il figlio dell’ex governatore della Puglia Nichi Vendola e del suo compagno Ed Testa. Al piccolo è stato dato il nome di Tobia Antonio. La notizia è stata confermata da persone vicine all’ex presidente della Regione Puglia.
Testa, che è il padre biologico del bimbo, è canadese e in quel Paese è possibile avere figli con la tecnica dell’utero in affitto. Grande gioia, si è saputo, è stata manifestata dai diretti interessati e da famigliari e amici della coppia. La notizia della nascita del bimbo era stata anticipata oggi da alcuni quotidiani e da tempo si era a conoscenza che Vendola e Testa avevano compiuto tutti i passaggi, anche burocratici, per avere un figlio.

Le reazioni sul web

Chi condanna, chi esulta e chi ci scherza su (»...ma Tobia che nome è?"): sta dividendo il web la notizia della paternità dell’ex presidente della Regione Puglia e leader di Sel, Nichi Vendola, il quale, attraverso la maternità in surrogato negli Usa, da parte di una donna caloforniana, ha avuto un figlio, Tobia Antonio, con il suo compagno canadese Ed Testa che ne sarebbe il padre biologico.
Su Twitter l’hastag '#Vendola" è di tendenza da tre ore. E i commenti sono i più disparati. C'è chi scrive «Ciao, sono Vendola, volevo un regalo e ho comprato un bambino"; e chi aggiunge: «ma una volta i comunisti non li mangiavano bambini? Ora li comprano». E ancora: «Ma ci rendiamo conto? Generare con i soldi un bambino da una sconosciuta solo per dire sono papà. Egoismo assoluto».
Sono in tanti, però, a essere felici per lui: «Tanti auguri ai neo genitori ed al piccolo"; «Moralisti da social smettetela, Nichi sarà un padre dolcissimo"; e ancora: «Le bestialità che scrivete su Vendola mi fanno capire perchè questo Paese è in rovina, basta!».
Infine, non mancano gli ironici. Come chi, prendendo di mira l'eloquio 'vendolianò, scrive: «L'unico problema per il figlio di Vendola è che la ninna nanna durerà 3 ore». Per altri, invece, il fatto che «Vendola e il compagno siano diventati papà dimostra che nulla è impossibile, tranne avere una sinistra unita». E infine chi proprio non si fa un ragione per il nome scelto: «Nessuno ha inquadrato il vero problema della questione: ma perchè lo ha chiamato Tobiaaaa?».(ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    29 Febbraio @ 16.42

    R E N Z

    Un figlio, è figlio di sua mamma. Non di uno che si chiama Vendola e che c'entra come il due di coppe se c'è sotto bastoni.

    Rispondi

  • Elena

    29 Febbraio @ 12.08

    Niente, vorrei dirvi che non solo le coppie omosessuali fanno ricorso - all'estero - alla surrogazione di maternità (si chiama così, non utero in affitto). Così come tante coppie etero che non possono avere figli (ma hanno i mezzi) si recano all'estero per intentare procedure di procreazione assistita che in Italia non sono consentite (fecondazione eterologa). E vorrei ricordare a chi ha suggerito ai due l'adozione di un bambino "usato", che nemmeno questo è loro consentito dalla legge (italiana, perchè in molte parti del barbarico nuovo mondo dei senza dio l'adozione è consentita anche alle coppie omo). Vorrei inoltre far presente al "signore" che sostiene che Vendola non sia il padre del bambino perché non ha legami di sangue con lui, che sta offendendo milioni di genitori e figli adottivi, di patrigni, matrigne e fratellastri/sollastre.

    Rispondi

    • Medioman

      29 Febbraio @ 18.55

      Signora Elena, anche a me è capitato di avere un "patrigno", ma, pur avendo un buon rapporto, non mi sono mai sognato di chiamarlo "papà", e neppure lui lo ha mai preteso. Per quanto riguarda i figli adottivi, mi risulta che uno dei desideri più diffusi sia proprio quello di incontrare i "genitori naturali". A me sembra che sia lei, ad offendere i "cuccioli umani", trattandoli come animali da compagnia.

      Rispondi

      • Elena

        01 Marzo @ 09.22

        e per quale motivo dovremmo utilizzare la sua esperienza di vita personale come regola universale? "Mi risulta" ha lo stesso valore: è una sua opinione personale, anzi, un'impressione, forse (a pensar male) tratta da qualche telefilm. Ma poi, quindi lei è contrario alle adozioni in genere? Perchè anche i figli adottivi di coppie etero immagino avranno lo stesso desiderio di cui parla. Alla fine trae conclusioni anche sulla mia persona e sul mio modo di intendere il rapporto genitori-figli, cosa sulla quale non ho espresso opinioni: ho solo elencato una serie di fatti. Un giorno forse la smetterà di voler appiccicare al prossimo le sue visioni personali e prenderle come verità rivelate, e ammetterà che è possibile pensarla (e vivere) diversamente da lei senza per questo meritare meno rispetto.

        Rispondi

        • Medioman

          01 Marzo @ 18.06

          La mia esperienza personale è simile a quella di tanti altri miei conoscenti i cui genitori si sono separati, o hanno divorziato. Se ne conosce qualcuno, provi a chiedere loro se chiamano "papà" o "mamma" il nuovo compagno del genitore. Per quanto concerne le adozioni, conosco diverse famiglie che vi hanno fatto ricorso; solitamente, si sono dovuti rivolgere all'estero, perché pare che in Italia ci sia carenza di "offerta". Io non sono contrario, anzi, però può capitare che ci siano problemi ulteriori oltre ai soliti "conflitti genitoriali". Ovviamente, le mie opinioni (che non sono regole universali) dipendono dalle mie esperienze personali, e penso che sia così per chiunque non sia uno studioso specifico del problema. Un'ultima cosa: il fatto stesso che io le risponda, per me, è un segno di rispetto nei suoi confronti (al di là di eventuali battute), però ribadisco: i figli non sono animali da compagnia!

          Rispondi

        • Elena

          02 Marzo @ 10.47

          [segue]Conosce la donna che ha portato in grembo il bambino, la sua storia, le sue motivazioni, il rapporto che ha con la famiglia adottiva? Sa quali sono i progetti per il percorso educativo del bambino che i genitori intendono portare avanti, se sarà amato e seguito a sufficienza? Non si sanno queste cose, eppure si è subito pronti a scagliare slogan da 4 soldi e indignazione nei confronti di una persona solo perchè è “famosa” (le ricordo che sono innumerevoli le coppie, anche etero, che ricorrono all’estero alla maternità surrogata, nel silenzio dell’opinione pubblica) o perchè fa scelte che a noi di primo acchito sembrano assurde, ma che se ci si fermasse un attimo a riflettere, tanto assurde poi non sono. E infine le assicuro che, come madre, l’ultima cosa che penso è che i figli siano animali da compagnia.

          Rispondi

        • Elena

          02 Marzo @ 10.45

          Guardi, io conosco persone provenienti da realtà familiari di tutti i tipi. C'è quello che è cresciuto in una famiglia ipertradizionale, c'è quello che è cresciuto con la madre perchè il padre è sparito, c'è quello che è cresciuto coi nonni perchè i genitori non potevano esserci, c'è quello rimasto orfano di padre in tenera età che non ha conosciuto altra figura paterna se non quella del (amatissimo e amorevole) patrigno; c'è quello coi genitori divorziati e risposati che si è ritrovato con una famiglia allargatissima di parenti acquisiti. E ognuno di loro ha fatto i conti con la propria realtà affrontandola al meglio che ha potuto. Qualcuno ha faticato di più, qualcuno di meno, ma ognuno a modo suo ha superato le problematiche proprie dei rapporti con la famiglia. Il fatto, vede, è che la realtà dei rapporti familiari è talmente complessa e articolata, che trovo incomprensibile come si possa dare dei giudizi a priori in base a dei preconcetti. [segue]

          Rispondi

        • Medioman

          02 Marzo @ 12.50

          Io, invece, conosco situazioni, ai Caraibi, dove spesso il "marito" è un optional; ho visto ragazzine di quindici anni con due figli per mano. La "famiglia tradizionale" è tipicamente matriarcale (mamma, nonna, bisnonna). Però, il legame è strettissimo. E questo può portare a situazioni "anomale", a fare cose "contro la morale comune" perché.... lo fanno per la mamma! Anche vendere il proprio corpo, oppure vendere una funzione del proprio corpo. Può capitare anche in Italia, ma non mi pare che sia il caso di incoraggiare questo fenomeno. Capisco una "donazione di organi", o una "maternità surrogata" tra persone con legami famigliari, o legami affettivi molto stretti, ma non mi piace pensare che ci possano essere interessi puramente economici, come invece capita in tanti altri Paesi.

          Rispondi

  • la rivolta di atlante

    29 Febbraio @ 00.42

    la rivolta di atlante

    TOBIA, FIGLIO IN LABORATORIO DI UN CANADESE CON UNA CALIFORNIANA E CONCEPITO E PARTORITO DA UNA INDOCINESE MA MANTENUTO DA UN PUGLIESE CON I SOLDI DEI CONTRIBUENTI ITALIANI. POTEVANO CHIAMARLO FRANKENSTEIN BONIFICO VENDOLA.QUESTA E' EUGENETICA SPERIMENTALE DI INFIMO ORDINE ... AVREMO UN BIONDO , ALTO E SOLARE SURFISTA ... TUTTO SUO PADRE . NON ERA MOLTO PIÙ UMANO DARE TUTTI QUESTI QUATTRINI A DEGLI ORFANI DELLA ILVA DI TARANTO.

    Rispondi

  • Indiana

    28 Febbraio @ 22.25

    Indiana

    Nessun animale al mondo separa un piccolo dalla sua mamma.L'uomo è riuscito anche in questo,negando ai bambini il loro diritto primario ed essenziale:avere una mamma. Quando comincerà a farsi domande,il povero Tobia,cosa chiederà? Chi era e dov'è sua madre? A quanto è stato comprato? Perché perfino i topi hanno la mamma e lui no? Ma la sinistra non pensa ai diritti dei bambini? Solo perché non votano e non possono ancora parlare? Eppure sono persone,cuccioli da proteggere e tutelare,non oggetti di lusso per ricchi egoisti!

    Rispondi

  • antonio

    28 Febbraio @ 21.58

    E' veramente vergognoso, non commento i suoi sentimenti, ma che un figlio sia condannato a non avere una mamma è diabolico, esca dal parlamento e smetta di vivere con i nostri soldi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rochetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

viabilità

E' tempo di nuove partenze: traffico rallentato in A1 e Autocisa Tempo reale

INCENDI

Vasti focolai sulle colline di Reggio Emilia. Squadre anche da Parma

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti