19°

29°

Bruxelles

Kamikaze, anche l'Olanda avvertì del pericolo. Fbi coinvolta nelle indagini

Ecco i punti deboli delle indagini in Belgio

Kamikaze, anche l'Olanda avvertì del pericolo. Fbi coinvolta nelle indagini
Ricevi gratis le news
0

Il Belgio, nel mirino per le falle nel funzionamento dell’intelligence e dell’azione degli investigatori, ha accettato un maggior coinvolgimento degli Stati Uniti nella conduzione delle indagini sugli attentati di Bruxelles. Lo riporta il Wall Street Journal che, citando fonti dell’amministrazione Usa, parla dell’invio nella capitale belga di un ulteriore task force di agenti dell’Fbi.
Proprio l’Fbi - racconta ancora il Wsj - avrebbe avviato delle proprie indagini sul posto non appena si è avuta notizia della presenza di americani tra le vittime dell’attacco all’aeroporto di Zaventem. Ma ora gli investigatori belgi ed americani avrebbero cominciato a scambiarsi più informazioni rispetto ai giorni scorsi. In particolare, i primi avrebbero fornito agli agenti federali copia delle memorie recuperate nei computer e nei telefonini finora sequestrati.
«Ora gli investigatori del Belgio sono più aperti all’assistenza - afferma un funzionario statunitense - hanno cominciato a capire che hanno bisogno di aiuto». 

KAMIKAZE: LA POLIZIA OLANDESE INFORMO' QUELLA BELGA PRIMA DEGLI ATTENTATI. L’FBI ha trasmesso alla polizia olandese informazioni sui precedenti criminali ed estremisti di due kamikaze, Ibrahim e Khalid El Bakraoui, il 16 marzo, sei giorni prima degli attentati di Bruxelles. Il 17 marzo è stato anche stabilito un contatto diretto tra la polizia olandese e quella belga, ha detto il ministro olandese della giustizia, Ard van der Steur davanti al Parlamento dell’Aja. 
Nei giorni scorsi era emerso che anche la polizia greca aveva contattato i colleghi del Belgio prima degli attentati. 

DALLA METROPOLITANA A CHEFFOU, ARRESTATO E RILASCIATO: ERRORI E DUBBI SULLE INDAGINI DEI BELGI. 
(ANSA) - Polizia e intelligence belga sempre più nella bufera dopo l’ennesima clamorosa gaffe della liberazione di Faycal Cheffou, per giorni considerato il terzo terrorista, "l'uomo col cappello", e rilasciato per mancanza di prove. Ma questo è solo l’ultimo insuccesso di una lunga serie. Prima, dopo, e perfino durante le stragi di martedì scorso sono state tante le falle, gli errori, le incertezze, i ritardi registrati nell’azione di lotta al terrorismo delle autorità belghe, additati ormai al livello internazionale come simbolo di inefficienza e inettitudine. Accuse già scoppiate all’indomani delle stragi di Parigi del 13 novembre, pianificate a Molenbeek. E che nei giorni prima del 22 marzo si erano placate, solo per qualche ora, grazie all’arresto di Abdelslam Salah. Ma che ora, alla luce degli ultimi sviluppi, stanno riprendendo vigorose.
Di seguito una breve galleria delle mancanze più clamorose.

* "L'UOMO CON IL CAPPELLO", TUTTO DA RIFARE - Appena due giorni dopo le stragi, viene fermato un giornalista free-lance, Faical Cheffou. Dopo i primi interrogatori, il giorno dopo, venerdì, il suo fermo viene trasformato in arresto, grazie alla testimonianza chiave del tassista che ha portato i due kamikaze e lui a Zaventem. L’accusa è gravissima: aver partecipato ad attività terroristica in relazione agli attentati. Rimane dentro sabato e domenica. Oggi la svolta: libero per mancanza di prove. La polizia riparte da zero e rilancia la caccia all’uomo con un video sul web;

* CRITICHE DA TURCHIA E GRECIA - Ankara nei giorni scorsi ha fatto sapere di aver in passato informato Bruxelles dell’espulsione di Ibrahim El Bakraoui, il 'foreign fighter' fermato dai turchi vicino al confine con la Siria lo scorso giugno ed espulso verso il Belgio, via Schipol-Amsterdam, a luglio. E’ uno dei kamikaze di Zaventem: al momento del suo rientro in Olanda non era stato preso in custodia nè dagli olandesi né dai belgi. «Incompetenti», ha tuonato il presidente Recep Tayyip Erdogan. Oggi ancora imbarazzo, ma con la Grecia. Atene aveva comunicato al governo belga, già a gennaio 2015, di aver trovato mappe dell’aeroporto di Zaventem nell’appartamento dove Abdelhamid Abaaoud, la "mente" di Parigi, aveva vissuto in quel periodo. Anche quella segnalazione è caduta nel vuoto;

* METRO, PERCHE' NON S'E' CHIUSA? - Dopo un batti e ribatti durato giorni, resta l’ennesimo giallo tra il ministro dell’Interno, Jan Jambon, che dice di aver dato l’ordine di evacuazione alle 8.50 (comunque 52 minuti dopo le bombe a Zaventem) e il portavoce della Metro, che nega tutto. Per questa vicenda e altre gravi disfunzioni, sia lui, sia il suo collega alla Giustizia, Koen Geens, hanno offerto le proprie dimissioni, respinte dal premier Charles Michel. Al lavoro una Commissione d’inchiesta parlamentare;

* SALAH, PERCHE' COSI' POCHI INTERROGATORI? - Per mesi è stato la "primula rossa" del terrorismo islamico, l’uomo più ricercato al mondo. E una volta catturato vivo, ben prima del 22 marzo, viene interrogato pochissimo. Le Monde ha rivelato che dopo 125 giorni di caccia all’uomo, Salah è stato ascoltato solo due volte, per un’ora ciascuna, perché stanco e ferito. Appena 120 minuti, che secondo molti non sono stati abbastanza nemmeno per tentare di sventare le stragi di Bruxelles.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

curiosità

Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti