SANITA'

Un medico per 16 ore al giorno. 7 giorni su 7

Un medico per 16 ore al giorno. 7 giorni su 7
Ricevi gratis le news
6

E’ una vera e propria rivoluzione quella che avverrà, a breve ed a tutto vantaggio dei cittadini, negli studi dei medici di famiglia: l’assistenza sarà infatti garantita h16 e 7 giorni su 7 con gli studi aperti dalle 8 alle 24, mentre nelle ore notturne entra in campo il 118. Ma soprattutto, a regime niente più file per pagare ticket e prenotare visite: si farà tutto direttamente nello studio medico.

La nuova organizzazione è prevista nell’Atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale, che il Comitato di settore Governo-Regioni ha approvato oggi.

Mai più file estenuanti al pronto soccorso, dunque, perché il medico di fiducia non c’è. E presto anche niente attese per pagare il ticket o prenotare una visita: operazioni che bypassando il Cup (Centro unico di prenotazione) si potranno fare rapidamente dallo studio del medico. Un meccanismo che potrebbe portare anche maggiore trasparenza nella gestione delle liste d’attesa.

La novità di maggior rilevo è però quella che assicura agli assistiti la disponibilità del medico per 16 ore al giorno e 7 giorni su 7. Una continuità assistenziale che dovrà essere garantita dalle 8 del mattino alla mezzanotte da medici di famiglia e guardia medica, oramai assimilati in un ruolo unico. Nelle ore notturne sarà invece attivo il 118. Una «staffetta che consente di avere più medici disponibili nell’arco della giornata, andando a coprire anche fasce orarie come quelle delle 8 alle 10 del mattino o del primo pomeriggio, dalle 14 alle 16, oggi meno coperte. E che generano così intasamenti nei pronto soccorsi a discapito di chi ha una vera emergenza», spiega il segretario del sindacato dei medici di medicina generale Fimmg, Giacomo Milillo.

A garantire la continuità delle cure saranno le Aft, Aggregazioni territoriali funzionali, non un luogo fisico, ma un nuovo modello organizzativo che consentirà comunque ai cittadini di trovare il medico per tutto l’arco della giornata. Terminato il turno del proprio medico di fiducia, ce ne sarà comunque un altro a disposizione, collegato a un data base che consentirà in qualsiasi momento di avere sottomano il profilo sanitario dell’assistito. I servizi di pediatria saranno invece garantiti dalle 8 alle 20 per cinque giorni la settimana. Il nuovo modello di assistenza di base dovrebbe inoltre favorire la nascita di nuovi maxi-ambulatori, con presenza di più medici, dove è possibile fare prime analisi cliniche, accertamenti diagnostici meno complessi e piccola chirurgia ambulatoriale.

Anche se sotto sigle diverse (come Case della salute in Emilia e Toscana o Ucp nel Lazio) oggi lungo lo Stivale si contano già oltre 800 di queste strutture, «che dovrebbero ora diffondersi in tutto il territorio nazionale grazie alla nuova convenzione, sempre che arrivino poi le autorizzazioni regionali», precisa Milillo. L’atto di indirizzo, «è un atto doveroso, dopo sei anni di blocco della convenzione. Aggiustamenti saranno necessari ma il giudizio è positivo. Fermo restando - conclude il leader sindacale - che vigileremo sul rispetto dei livelli occupazionali».

La nuova Convenzione rappresenta un segnale «positivo» anche secondo il Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, purché, tuttavia, «il tutto avvenga senza ulteriori costi per le famiglie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Selene

    14 Aprile @ 20.04

    E' la solita manovra politica per fare gli ennesimi tagli sulla sanità a danno dei cittadini. Se oggi le case della salute funzionassero sarei la prima ad essere contenta. Invece il mio medico riceve solo per appuntamento e tranne quando va in ferie non è possibile avvalersi di altri suoi colleghi della struttura. Ammesso ma non concesso che sia una cosa proficua per l'utente cambiare medico ogni volta che si ha bisogno di una visita. Per non parlare poi che gli appuntamenti sono sempre sistematicamente in ritardo di almeno un'ora se non due. Voi pensate che il medico di base con 30 anni di servizio accetterà di fare i turni fino a mezza notte in queste cosiddette case della salute ? direi proprio di no. Alla fine assumeranno dei giovani medici neo laureati solo per coprire gli orari meno comodi per tutti. e pensate che il nuovo servizio di guardia medica verrà a casa nostra in caso di bisogno. E scattata la mezzanotte invece occorrerà chiamare il 118. Pensate un po': si cerca di alleggerire il pronto soccorso e poi alla fine si intasa il 118 in orario notturno.

    Rispondi

  • Gianni Cesari

    14 Aprile @ 19.55

    giannicesari

    Eppure DEVE esserci un rovescio della medaglia! Questa sarebbe una rivoluzione, e queste ultime non sono indolori. Io non credo (e pretendo) di reperire il medico di fiducia 16 ore al giorno, e magari un altro medico, che condivide lo studio ma non mi conosce, potrebbe seppur in buona fede prendere decisioni orfane di esperienza sul caso specifico.

    Rispondi

  • fortunato

    14 Aprile @ 17.21

    ma siamo sicuri che ciò avvenga ? Sarebbe proprio un miracolo.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      14 Aprile @ 19.53

      Per il momento è un "atto di indirizzo" per il rinnovo della Convenzione coi Medici di Medicina Generale. Contestualmente sarà abolita la Guardia Medica ( Continuità Assistenziale ) , i cui Sanitari andranno a rinforzare gli Ambulatori "di gruppo" , soprattutto per coprire l' orario fino a mezzanotte. Da mezzanotte fino alle otto del mattino resteranno solo il "118" e il Pronto Soccorso degli Ospedali , di cui si teme perciò un ulteriore sovraccarico notturno.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    14 Aprile @ 12.01

    LA SMETTANO DI RACCONTARE FROTTOLE ! Questi ambulatori "di gruppo" ( che esistono già, anche se con orari più ristretti ) , avrebbero lo scopo di alleggerire il Pronto Soccorso degli Ospedali , che dovrebbe essere un Servizio per l' Emergenza - Urgenza , dalla gran massa di accessi abusivi per questioni che , di Emergenza - Urgenza , non hanno niente . MA TENERE GLI AMBULATORI DI MEDICINA GENERALE APERTI 16 ORE AL GIORNO , 7 GIORNI SU 7 , NON SERVE A NIENTE SE I MEDICI " DI BASE" PRETENDONO DI RICEVERE SU APPUNTAMENTO , E SE CIASCUNO DI LORO VUOLE RICEVERE SOLO I PROPRI ISCRITTI NEI PROPRI ORARI DI AMBULATORIO . Perché il sistema funzioni è necessario che i pazienti possano essere ricevuti anche senza appuntamento ( come al Pronto Soccorso ) , e che , nelle 16 ore di apertura dell' Ambulatorio , uno qualsiasi dei Medici del Gruppo assista non solo i propri iscritti , ma anche quelli degli altri. Sapete che putiferio verrà fuori per realizzare tutto questo ? Per esempio si dirà che un ammalato , con le sue patologie , con la sua storia , è conosciuto dal suo Medico Curante , ed è imprudente farci mettere le mani da un altro . Si dirà che bisogna preservare il rapporto fiduciario tra il paziente e chi lo cura , che può non esserci con tutti i Medici del Gruppo. QUESTO E' L' ENNESIMO ABORTO DEI "MANAGERS" DI ISPIRAZIONE BOCCONIANA CHE , SENZA SAPERE COS' E' UN CLISTERE , IMPERVERSANO E SPADRONEGGIANO SULLA MEDICINA ! Resterà anche da vedere cosa si vuol fare per le visite domiciliari . Sono molto disagevoli per il Medico , perché il contrassegno dell' Ordine non esime dal rispetto delle isole pedonali e delle ZTL ( da quelle sono esenti solo quelli che parcheggiano sotto i Portici del Grano , e sotto i "du brassè"........) , e non esime dal rispetto dei divieti di sosta , delle corsie preferenziali per gli autobus , eccetera , eccetera , per cui , oggi , è difficile ottenere una visita a domicilio. E' vero che molte richieste possono essere ingiustificate , ma ci sono casi in cui possono essere opportune , per esempio per ammalati gravi , o per persone febbricitanti che non si sentono di stare ore , scosse dai brividi della febbre , in una sala d' aspetto , col rischio , peraltro , di contagiare gli altri. Naturalmente , per far tenere aperti gli Ambulatori 16 ore al giorno , 7 giorni su 7 , bisognerà riconoscere ai Medici un adeguato corrispettivo.

    Rispondi

  • Gigi

    14 Aprile @ 07.43

    Sono proprio i pediatri che non ci sono mai! Loro dovrebbero esserci 7 giorni su 7!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

6commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

26commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS