Mediterraneo

Aereo scomparso: trovati resti umani. Satellite "vede" macchia d'olio

Aereo scomparso: il punto
Ricevi gratis le news
0

Resti umani, due sedili e alcune valigie dell’aereo Egyptair caduto ieri con 66 persone a bordo sono stati ritrovati nello specchio di mare dove si continuano a cercare i rottami del velivolo. Lo hanno riferito il ministero della Difesa greco, che cita autorità egiziane. La tv di Stato egiziana riferisce di "pezzi di rottami dell’aereo e oggetti di passeggeri" individuati 290 chilometri a nord di Alessandria. 
Inoltre uno dei satelliti dell’Agenzia spaziale europea (Esa) ha avvistato una macchia di carburante nel mar Mediterraneo proprio nel punto in cui è caduto l’aereo dell’Egyptair. 

Il ministro dell’Aviazione civile egiziana, Sherif Fathi, ha smentito informazioni circolate su siti in Egitto secondo le quali vi sarebbero sopravvissuti del volo inabissatosi nel Mediterraneo. 

IL FATTO Il volo MS804 era partito dall’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi alle 23.09 di ieri e sarebbe dovuto arrivare al Cairo alle 3.15 ora locale, ma la sua ultima apparizione sui radar è stata rilevata dopo essere entrato per 10 miglia (circa 16 km) nello spazio aereo egiziano - alle 2.30 di oggi - quando si trovava a un’altitudine di 37mila piedi (circa 11.300 metri) sul Mediterraneo a circa 280 chilometri dalla costa egiziana. In quel momento, il capitano di una nave mercantile ha visto fiamme nel cielo, a circa 240 chilometri a sud dell’isola greca di Karpathos, dove poche ore fa sono stati localizzati il relitti del velivolo.

LE IPOTESI Nessuna ipotesi può essere scartata, neppure quella dell’atto terroristico. Le cause della tragedia del volo EgyptAir MS804 con 66 persone a bordo sono ancora avvolte nel mistero, ma resti del relitto del velivolo - un Airbus A320-232 - sono stati localizzati al largo dell’isola greca di Karpathos, in acque territoriali egiziane, mentre sul posto stanno convergendo unità militari di Egitto e Grecia e la Francia si è detta pronta a partecipare alle ricerche.
Funzionari della sicurezza egiziana stanno eseguendo controlli sull'identità dei passeggeri del volo precipitato per verificare eventuali loro collegamenti con estremisti e quindi la possibilità che un attacco terroristico abbia abbattuto l’aereo. 
«La possibilità che si sia trattato di un atto terroristico è più forte di quella del guasto tecnico». Lo ha detto il ministro dell’Aviazione egiziano Sherif Fatih in conferenza stampa, aggiungendo che «ci sono delle ipotesi, ma bisogna ancora analizzare tutte le informazioni raccolte». 

BRUSCHE VIRATE PRIMA DI PERDERE QUOTA L’aereo della EgyptAir scomparso la notte scorsa con 66 passeggeri a bordo ha compiuto brusche virate ed ha improvvisamente perso quota prima di scomparire dai radar. Lo ha detto il ministro della Difesa greco. L’Airbus 320 di Egyptair «ha effettuato una virata di 90 gradi a sinistra, poi di 360 gradi a destra, cadendo poi da 37.000 a 15.000 piedi», ha detto il ministro della Difesa greco, Panos Kammenos, citato dai media francesi. 

APERTA INCHIESTA A PARIGI La procura di Parigi ha aperto un’indagine dopo il disastro aereo dell’A320 dell’Egyptair in volo da Parigi al Cairo con 66 persone a bordo. «In seguito alla scomparsa del volo Egyptair, Parigi-Cairo, nella notte tra ieri e oggi, la procura di Parigi, polo incidenti collettivi, ha aperto un’indagine affidandola alla direzione generale della gendarmeria nazionale», dice una nota diffusa a Parigi. «In questo momento non si propende ne su scarta alcuna ipotesi».

NESSUN ITALIANO Intanto, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha confermato, in base ai dati dell’Unità di crisi della Farnesina, che tra i passeggeri del volo non vi erano italiani. Intervenendo a Radio Anch’io, Gentiloni ha espresso solidarietà alla Francia e all’Egitto. Sul velivolo viaggiavano tre addetti alla sicurezza, sette membri dell’equipaggio e 56 passeggeri (30 egiziani, 15 francesi, un britannico, un belga, due iracheni, un kuwaitiano, un saudita, un sudanese, un portoghese, un algerino, un canadese e un ciadiano).

LE INDAGINI  Secondo il premier egiziano Sherif Ismail, che si è recato nel centro di coordinamento delle operazioni, «non si può escludere» alcuna possibilità sulle cause della scomparsa del velivolo, compreso l’attacco terroristico. Anche per il primo ministro francese Manuel Valls, intervistato da radio RTL, «non si esclude alcuna ipotesi» sulla scomparsa dell’aereo. Il capo dello Stato francese, Francois Hollande, ha parlato stamani al telefono con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, con il quale ha concordato una «stretta cooperazione» per stabilire le circostanze della scomparsa del volo Egyptair MS804. Per il momento, tuttavia, non ci sono ipotesi ufficiali in merito.

IL GIALLO DELL'SOS Ma persiste il giallo sull'eventuale invio di un messaggio di Sos. Fonti dell’EgyptAir avevano riferito che poco prima della sparizione dai radar, alle 2.26, dall’aereo era partito un Sos. Da parte sua, il primo ministro Sherif Ismail ha smentito la notizia, affermando che «non vi è alcuna informazione» sull' accaduto. Poi, alle 4.26, circa due ore dopo aver perso le tracce del velivolo, è stato captato un segnale di emergenza che secondo la compagnia potrebbe essere stato inviato dall’ apparecchiatura per la localizzazione dell’aereo installata a bordo. Ismail ha spiegato che non si è trattato di un Sos ma di una segnale trasmesso dalle strumentazioni di bordo del velivolo.

I CONTATTI E’ certo, invece, che i controllori di volo greci sono stati in contatto con la cabina di comando dell’aereo mentre questo transitava nello spazio aereo ellenico e non hanno ricevuto nessuna segnalazione di problemi da parte del pilota. Lo fa sapere il direttore dell’Aviazione civile greca confermando che il volo era a 37mila piedi e procedeva ad una velocità di 519 miglia l’ora. Secondo la stessa fonte, i controllori greci hanno provato a contattare il volo MS804 circa 10 miglia prima di lasciare lo spazio aereo greco ed entrare in quello egiziano, ma non hanno ricevuto risposta. I tentativi di contatto sono proseguiti - ha aggiunto - fino alle 3.39 (le 2.39 in Italia) quando l’aereo è scomparso dai radar.

LE RICERCHE Oltre alle unità dell’esercito egiziano, alle ricerche partecipano le forze armate greche, che hanno inviato «a 130 miglia da Karpathos una fregata della marina da guerra, un aereo C130 e un aereo militare EMB-145H», riferiscono media francesi citando il ministero della Difesa greco. Inoltre, due elicotteri Super Puma sono a Karpathos e sono pronti al decollo. Il Cremlino e il presidente russo Vladimir Putin hanno espresso «sentite condoglianze per la catastrofe dell’aereo egiziano», ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov.

Vai alla sezione Italia/Mondo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS