21°

36°

prevenzione

Colpi di sonno al volante: ecco come evitarli

Colpi di sonno al volante. Ecco i consigli per evitarli
Ricevi gratis le news
0

La sonnolenza alla guida è un fenomeno difficile da stimare, ma gli esperti la considerano la seconda causa di incidenti dopo l’ubriachezza da alcol. Anche se l’Istat attribuisce all’eccessiva sonnolenza l’1% della mortalità in incidenti stradali, in realtà il fenomeno appare molto più diffuso, come rilevano recenti studi epidemiologici, che la indicano come causa o concausa di circa il 20% di tutti gli incidenti stradali.
Gli incidenti da sonnolenza si verificano più spesso di notte o nella metà pomeriggio (orari di ridotta vigilanza), su autostrade o strade statali, in cui la guida è più noiosa e la velocità è più elevata e costante, coinvolgendo un solo veicolo. Il guidatore di solito è solo e non fa nessun tentativo di frenare o altre azioni per evitare l’incidente.
Per comprendere meglio questo pericoloso fenomeno e imparare strategie di prevenzione del colpo di sonno alla guida, abbiamo chiesto consiglio a Franco Roscelli, responsabile del servizio Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro dell’Azienda Usl di Parma, che insieme alle colleghe Silvia Pizzarotti e Ines Tollemeto, ha recentemente tenuto un corso di formazione per i dipendenti di Tep proprio sulla prevenzione degli incidenti stradali correlati a fattori umani.
Come la sonnolenza influisce sulla guida?
«Provoca la riduzione delle capacità di attenzione, di concentrazione, allunga i tempi di reazione e di risposta agli stimoli - risponde Roscelli - È inoltre stimato che gli incidenti dovuti al colpo di sonno provocano effetti più gravi, con una mortalità doppia rispetto ad altre cause. Il grado di sonnolenza è significativamente influenzato dal livello di stimolazione da parte dell’ambiente, ad esempio dalle mansioni lavorative, e dalla conseguente attivazione emozionale della persona. La guida, quindi, in condizioni monotone e di protratta inattività motoria, ad esempio per lunghi tratti rettilinei, può favorire l’insorgenza di colpi di sonno».
Ci sono orari più a rischio?
«Sì, la mattina presto o il primo pomeriggio».
Quali sono i campanelli d’allarme per il conducente?
«I sintomi sono quelli comunemente associati alla sonnolenza: frequenti sbadigli, sfregamento o abbassamento delle palpebre. Ma anche altri, meno ovvi, quali la difficoltà a mantenere una velocità costante o una linea retta, che può generare l’invasione della corsia opposta. Oppure i cosiddetti automatismi, cioè gli atti compiuti senza rendersene conto, come l’accorgersi di aver percorso una distanza senza ricordarsi di averlo fatto».
Che fare alle prime avvisaglie?
«Innanzitutto fermarsi! L’unica azione di dimostrata efficacia per ridurre la sonnolenza a breve termine è rappresentata dal fare un sonnellino di 20-30 minuti, cui eventualmente far seguire l’assunzione di una o due tazze di caffè. Se necessario, prolungare il sonno finché non ci si sente riposati e vigili. Non esistono “trucchi” per vincere la sonnolenza alla guida, se non fermarsi e dormire. Alzare il volume della radio, abbassare il finestrino, accendere il climatizzatore o mettersi a cantare non sono utili per ridurre il rischio di incidente da colpo di sonno».
Cosa fare prima di partire?
«Per evitare il colpo di sonno alla guida, è fondamentale avere dormito a sufficienza prima di iniziare il viaggio. È utile evitare turni di guida prolungati, interrompendo il viaggio con soste frequenti e, se possibile, condividere la guida con altra persona. È anche importante pianificare adeguatamente il viaggio, scegliendo orari in cui la vigilanza è fisiologicamente più alta, evitando per quanto possibile le ore notturne».
Siamo tutti a rischio sonnolenza o qualcuno lo è di più?
«Esistono condizioni fisiologiche e patologiche che possono aumentare il rischio: durante la notte vi è una fisiologica tendenza alla sonnolenza, legata ai bioritmi della specie umana, geneticamente programmata per il sonno notturno. Inoltre si tende ad avere più sonno nel primo pomeriggio, in corrispondenza di quella che viene definita la “porta del sonno secondaria”. Vi sono poi stili di vita che influenzano la vigilanza, quali il consumo di alcol e di alcune droghe che aumentano la sedazione del nostro sistema nervoso o ne alterano lo stato di allerta. Anche farmaci comuni, come antistaminici, antipertensivi, antidepressivi e ansiolitici, possono indurre sonnolenza, che può essere indotta anche da alcune patologie del sonno, tra le principali l’insonnia e la sindrome della apnee ostruttive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta Pasimafi: negata la libertà a Fanelli Video

Le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

FONTANELLATO

L'incendio di Sanguinaro visto dal cielo: video

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

3commenti

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

BUSSETO

Auto fuori strada a Roncole: paura per una bimba di 4 mesi

La piccola non è grave

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

PARMA

L'«altro» Ferragosto all'insegna della solidarietà

CALCIO

Parma, domani amichevole con l'Empoli: Gagliolo, Dezi e Insigne osservati speciali Video

Il TgParma fa il punto sulla preparazione della squadra

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

3commenti

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ATTENTATO

Tra i feriti e i soccorritori sulla Rambla a Barcellona

Bassa reggiana

Violenta brutalmente un minorenne: arrestato 21enne richiedente asilo

2commenti

SPORT

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

YOUTUBE

Totti passa la palla a un tifoso... da una barca all'altra

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

1commento

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti