Stati Uniti

Addio alla leggenda Muhammad Alì

Aveva 74 anni, era malato di Parkinson

Addio a Muhammad Ali, leggenda del box
Ricevi gratis le news
0

Il più grande di tutti ha perso il suo ultimo match. Quel maledetto morbo di Parkinson, alla fine, lo ha messo al tappeto. Muhammad Ali ha lottato finché ha potuto prima di arrendersi. E ad andarsene non è solo una leggenda dello sport. Perché quello che un tempo era Cassius Marcellus Clay non è stato solo un pugile. E’ stato un’icona, un difensore dei diritti civili, il simbolo di un’era. "Come mi piacerebbe essere ricordato? Come un uomo che non ha mai venduto la sua gente. Ma se questo è troppo, allora come un buon pugile", disse una volta. Ma Alì è stato davvero il più forte di sempre. Medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Roma nel 1960 nei mediomassimi, quattro anni dopo l’allora Clay batte a sorpresa Sonny Liston conquistando ad appena 22 anni il suo primo titolo mondiale: è l’inizio della leggenda. Arrogante e strafottente fuori dal ring, l’uomo che veniva da Louisville era un pugile che danzava elegante ("pungi come un’ape, vola come una farfalla" il suo motto) davanti ai suoi avversari, facendo dei suoi riflessi fulminei la sua principale arma. "The Greatest", il più grande, così si era definito, nel frattempo si era avvicinato all’Islam, da qui la decisione di abbandonare il suo "nome da schiavo", Cassius Clay, per chiamarsi Muhammad Ali. Ed è allora che comincia per lui un’altra battaglia, quella contro il governo statunitense per il quale si rifiuta di combattere in Vietnam. "Dov'è il Vietnam? In tv. Non ho niente contro i Vietcong, loro non mi hanno mai chiamato 'negrò", le parole con cui rifiutò la chiamata alle armi. Una decisione coraggiosa e pagata a caro prezzo. 
Ali, da sempre sensibile alla tematica della segregazione razziale (proprio a causa di un episodio di razzismo gettò nelle acque del fiume Ohio l’oro vinto a Roma, solo nel '96 il Cio gli riconsegnò una una medaglia sostitutiva), fu privato nel 1967 del suo titolo mondiale e gli fu soprattutto impedito di salire sul ring per 4 anni. Tornerà a combattere solo nel 1971, dopo aver perso forse gli anni migliori della sua carriera, ma questo non gli impedì di accrescere la sua leggenda, combattendo tre incontri rimasti per sempre nella storia. Il primo l’8 marzo 1971 contro Joe Frazier, "L'incontro del secolo" che si risolse con la sua prima sconfitta da professionista, poi il "Rumble in The Jungle" a Kinshasa, il 30 ottobre 1974, con la vittoria in otto round su George Foreman che gli permise di riprendersi la corona dei pesi massimi spinto dal pubblico che urlava "Ali boma ye", "Ali uccidilo". E infine il "Thrilla in Manila", l’1 ottobre 1975, il terzo e ultimo incontro con Frazier con Ali, che si era già preso una prima rivincita nel '74, che ha di nuovo la meglio, complice il ritiro dell’avversario prima della 15esima e ultima ripresa. "The Greatest" difenderà il titolo fino alla sconfitta ai punti con Leon Spinks nel febbraio '78, se lo riprenderà qualche mese dopo prima di appendere i guantoni al chiodo nel 1981 dopo 61 incontri e un bilancio di 56 vittorie, di cui 37 per ko, e appena 5 sconfitte. Ma sceso dal ring, Ali ha dovuto combattere il suo match più difficile, quello contro il morbo di Parkinson diagnosticatogli nel 1984, a soli 42 anni, che lo ha accompagnato fino al suo ultimo giorno. L’ex pugile, però, non si è mai arreso e sono ancora vivide le immagini che lo vedono, tremante, accendere il braciere dei Giochi di Atlanta '96 come ultimo tedoforo. 
Col passare degli anni le sue condizioni sono via via peggiorate, ha limitato le sue apparizioni pubbliche (fra le ultime quella all’Olimpiade di Londra nel 2012) e giovedì scorso è finito di nuovo in ospedale, a Phoenix, per problemi respiratori che sono risultati fatali. Se n'è andato a 74 anni, dopo una vita fatta di pugni e parole affilate, ora per provocare gli avversari, ora per protestare contro una società americana ancora fortemente razzista. Campione sul ring e anche fuori, paladino dei diritti umani, Alì, ape e farfalla, vola via. E chissà che lassù, con l'amico e avversario Smokin' Joe, non torni a divertirsi. 

OBAMA: "ERA IL PIU' GRANDE. PUNTO E BASTA". «Muhammad Ali ha scosso il mondo. E per questo il mondo adesso è migliore. Siamo tutti migliori». Lo afferma il presidente degli Stati Uniti Barack Obama esprimendo, insieme con la first lady Michelle, le sue più profonde condoglianze per la morte di Muhammad Ali. Era «il più grande», ha detto, «punto e basta». 

Una carriera e una vita leggendaria (Gallery)

Muhammad Alì: le frasi celebri (Leggi)

Addio alla leggenda: le reazioni (Leggi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande