18°

33°

Stati Uniti

Addio alla leggenda Muhammad Alì

Aveva 74 anni, era malato di Parkinson

Addio a Muhammad Ali, leggenda del box
Ricevi gratis le news
0

Il più grande di tutti ha perso il suo ultimo match. Quel maledetto morbo di Parkinson, alla fine, lo ha messo al tappeto. Muhammad Ali ha lottato finché ha potuto prima di arrendersi. E ad andarsene non è solo una leggenda dello sport. Perché quello che un tempo era Cassius Marcellus Clay non è stato solo un pugile. E’ stato un’icona, un difensore dei diritti civili, il simbolo di un’era. "Come mi piacerebbe essere ricordato? Come un uomo che non ha mai venduto la sua gente. Ma se questo è troppo, allora come un buon pugile", disse una volta. Ma Alì è stato davvero il più forte di sempre. Medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Roma nel 1960 nei mediomassimi, quattro anni dopo l’allora Clay batte a sorpresa Sonny Liston conquistando ad appena 22 anni il suo primo titolo mondiale: è l’inizio della leggenda. Arrogante e strafottente fuori dal ring, l’uomo che veniva da Louisville era un pugile che danzava elegante ("pungi come un’ape, vola come una farfalla" il suo motto) davanti ai suoi avversari, facendo dei suoi riflessi fulminei la sua principale arma. "The Greatest", il più grande, così si era definito, nel frattempo si era avvicinato all’Islam, da qui la decisione di abbandonare il suo "nome da schiavo", Cassius Clay, per chiamarsi Muhammad Ali. Ed è allora che comincia per lui un’altra battaglia, quella contro il governo statunitense per il quale si rifiuta di combattere in Vietnam. "Dov'è il Vietnam? In tv. Non ho niente contro i Vietcong, loro non mi hanno mai chiamato 'negrò", le parole con cui rifiutò la chiamata alle armi. Una decisione coraggiosa e pagata a caro prezzo. 
Ali, da sempre sensibile alla tematica della segregazione razziale (proprio a causa di un episodio di razzismo gettò nelle acque del fiume Ohio l’oro vinto a Roma, solo nel '96 il Cio gli riconsegnò una una medaglia sostitutiva), fu privato nel 1967 del suo titolo mondiale e gli fu soprattutto impedito di salire sul ring per 4 anni. Tornerà a combattere solo nel 1971, dopo aver perso forse gli anni migliori della sua carriera, ma questo non gli impedì di accrescere la sua leggenda, combattendo tre incontri rimasti per sempre nella storia. Il primo l’8 marzo 1971 contro Joe Frazier, "L'incontro del secolo" che si risolse con la sua prima sconfitta da professionista, poi il "Rumble in The Jungle" a Kinshasa, il 30 ottobre 1974, con la vittoria in otto round su George Foreman che gli permise di riprendersi la corona dei pesi massimi spinto dal pubblico che urlava "Ali boma ye", "Ali uccidilo". E infine il "Thrilla in Manila", l’1 ottobre 1975, il terzo e ultimo incontro con Frazier con Ali, che si era già preso una prima rivincita nel '74, che ha di nuovo la meglio, complice il ritiro dell’avversario prima della 15esima e ultima ripresa. "The Greatest" difenderà il titolo fino alla sconfitta ai punti con Leon Spinks nel febbraio '78, se lo riprenderà qualche mese dopo prima di appendere i guantoni al chiodo nel 1981 dopo 61 incontri e un bilancio di 56 vittorie, di cui 37 per ko, e appena 5 sconfitte. Ma sceso dal ring, Ali ha dovuto combattere il suo match più difficile, quello contro il morbo di Parkinson diagnosticatogli nel 1984, a soli 42 anni, che lo ha accompagnato fino al suo ultimo giorno. L’ex pugile, però, non si è mai arreso e sono ancora vivide le immagini che lo vedono, tremante, accendere il braciere dei Giochi di Atlanta '96 come ultimo tedoforo. 
Col passare degli anni le sue condizioni sono via via peggiorate, ha limitato le sue apparizioni pubbliche (fra le ultime quella all’Olimpiade di Londra nel 2012) e giovedì scorso è finito di nuovo in ospedale, a Phoenix, per problemi respiratori che sono risultati fatali. Se n'è andato a 74 anni, dopo una vita fatta di pugni e parole affilate, ora per provocare gli avversari, ora per protestare contro una società americana ancora fortemente razzista. Campione sul ring e anche fuori, paladino dei diritti umani, Alì, ape e farfalla, vola via. E chissà che lassù, con l'amico e avversario Smokin' Joe, non torni a divertirsi. 

OBAMA: "ERA IL PIU' GRANDE. PUNTO E BASTA". «Muhammad Ali ha scosso il mondo. E per questo il mondo adesso è migliore. Siamo tutti migliori». Lo afferma il presidente degli Stati Uniti Barack Obama esprimendo, insieme con la first lady Michelle, le sue più profonde condoglianze per la morte di Muhammad Ali. Era «il più grande», ha detto, «punto e basta». 

Una carriera e una vita leggendaria (Gallery)

Muhammad Alì: le frasi celebri (Leggi)

Addio alla leggenda: le reazioni (Leggi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente