-2°

LA STRAGE A DACCA

Gennaro: "Salvo per miracolo, dovevo essere al ristorante"

Gennaro: "Salvo per miracolo, dovevo essere là"
Ricevi gratis le news
0

Avrebbe potuto essere la decima vittima italiana della furia assassina dell’Isis il pugliese Gennaro Cotugno che la sera della «mattanza» nel ristorante l'Holey Artisan Bakery, a Dacca, in cui hanno perso la vita 20 persone, non si è sentito bene e ha preferito stare a casa. Dato inizialmente per disperso, Gennaro oggi è tornato a Bitonto, cittadina in provincia di Bari di cui è originario. «Solo per un caso - racconta all’Anasa mentre è ancora in treno - non mi trovavo nel ristorante della mattanza che frequentavamo spesso: fanno del pane buonissimo ed è uno dei pochi posti in cui si mangia in maniera decente».

"LI CONOSCEVO" Gennaro vive da tre anni in Bangladesh dove lavora con la sua azienda tessile. E conosceva tutte le vittime: «Persone d’oro con cui abbiamo fatto un sacco di cene», racconta, condividendo anche l’amore per quel luogo in cui, si sfoga, "non vorrei tornare mai più". Cotugno è arrabbiato e anche "se non sono mai stato razzista", dichiara, "dopo questo episodio potrei anche diventarlo". A lui non sembra giusto che "aiutiamo questo popolo dagli anni '70, li sovvenzioniamo, e riceviamo questo ringraziamento". Per Gennaro l’attentato "è stato un fulmine a ciel sereno: non ce l’aspettavamo proprio". E la cosa che "sconvolge è che a fare tutto questo siano stati bengalesi di buona famiglia, ricchi e istruiti".

TRE FIGLI La prima a contattarlo dopo la strage è stata una dei suo tre "bellissimi figli" preoccupati per la sua sorte. "In questi tragici momenti - evidenzia Gennaro - ti rendi anche conto di quanto le persone, parenti e amici, ti vogliano bene". Lo stesso affetto che i bengalesi dimostrerebbero ancora agli italiani rimasti lì. "Sono molto dispiaciuti per quanto accaduto - riferisce Gennaro - sanno benissimo che centinaia di volontari, tra cui molti medici, lavorano ogni giorno per aiutarli". Ma adesso "siamo tutti stanchi: anche un mio amico italiano che lavora lì da 25 anni - dice Gennaro - ha detto che non sa se resterà ancora in Bangladesh".

NESSUNO SFRUTTAMENTO Gennaro respinge poi le illazioni di chi in questi giorni ha accusato gli italiani di andare in Bangladesh per sfruttare la manodopera a basso costo, tra cui bambini. "Certo - evidenzia - gli imprenditori italiani sono costretti a scappare all’estero perché qui la situazione è difficile, ma in Bangladesh i bambini vengono sfruttati dalle famiglie di bengalesi che sono povere, per i lavori più umili, e non dalle nostre aziende".

PAURA? Gennaro dovrà comunque tornare almeno per «una settimana a Dacca», per sistemare le cose lasciate in sospeso. "Non ho paura ma provo tanta rabbia: perché - si chiede - dovrei buttare al vento tutto il lavoro di questi anni? E per colpa di chi?". Forse a causa del terrore seminato da chi riceve la condanna anche del presidente della comunità islamica d’Italia (Cidi), Sharif Lorenzini: "Il terrorismo non conosce etica né religione», dice esprimendo vicinanza alle famiglie delle vittime: "Oggi - conclude Lorenzini - è lutto anche in casa nostra".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande