22°

Scontro tra treni

"I capistazione hanno provocato il disastro"

Ma per la procura parlare di errore umano è riduttivo

"I capistazione hanno provocato il disastro"

Vito Piccarreta, il capostazione di Andria

Ricevi gratis le news
0

Sono i due capistazione di Andria e Corato ad aver «cagionato l’incidente» di martedì scorso, secondo la procura di Trani, ma «parlare solo di errore umano è riduttivo». E gli inquirenti hanno infatti allargato l'inchiesta, acquisendo documenti, atti, immagini, dati informatici e avviando accertamenti all’interno dell’Ufficio trasporti a impianti fissi (Ustif) di Bari, un organo periferico del Ministero dei trasporti. Tutto questo nel giorno in cui il presidente della Repubblica Mattarella ha incontrato i parenti delle vittime nel policlinico di Bari. «Ci ha promesso giustizia», dicono i familiari, che in mattinata, sempre in ospedale, avevano espresso tutto il loro dolore e la loro rabbia: «assassini».


I CAPISTAZIONE HANNO «CAGIONATO DISASTRO» - Nell’avviso di garanzia notificato ai due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, indagati per disastro ferroviario colposo ed omicidio colposo plurimo, viene contestato di «aver cagionato l’incidente ferroviario» in cui sono morte 23 persone, mentre altre 50 sono rimaste ferite. I due ferrovieri, che saranno interrogati a breve, vengono avvisati che hanno facoltà di nominare consulenti per l’autopsia che si terrà domani sui corpi dei due macchinisti e del capotreno morti.

I PM, "NON SOLO ERRORE UMANO" - Tuttavia, anche se «parlare di un errore umano è corretto», è anche «assolutamente riduttivo», ha detto il procuratore di Trani Francesco Giannella. Secondo quanto emerso finora, il capostazione di Andria avrebbe dovuto consentire la partenza del treno fermo in stazione solo nel momento in cui avrebbe visto arrivare gli altri due treni provenienti da Corato, uno dei quali viaggiava con un leggero ritardo. Il punto nevralgico dell’indagine è capire se il capostazione sapeva che i treni in arrivo erano due, e comunque, perché ha dato il via libera al treno non avendo visto arrivare alcun convoglio da Corato. Ma al di là di questo aspetto, gli inquirenti intendono accertare anche eventuali altri responsabilità. Per questo hanno avviato accertamenti sul ruolo dell’Ufficio trasporti a impianti fissi (Ustif) di Bari, una struttura periferica del ministero dei Trasporti.


I PASSEGGERI AD ANDRIA HANNO CAMBIATO TRENO? - Un "giallo" si è aperto sulle dichiarazioni dei familiari di una vittima, secondo cui i passeggeri in partenza da Andria sarebbero stati fatti scendere dal primo treno, fermo sul binario 1, per salire su un secondo convoglio, fermo sul binario 2 e che sarebbe quindi partito in ritardo. Questo cambio avrebbe in qualche modo provocato l’incidente, ma la procura di Trani, che ha fatto accertamenti dopo queste dichiarazioni, ha smentito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

16commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastifici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»