19°

29°

controlli in stazione

Turco arrestato a Venezia: nello zaino aveva mannaia e pietra appuntita

Polizia di Stato

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
0

Aveva con sè una mannaia di 30 centimetri, comunemente usate dai macellai ed una grossa pietra appuntita, ricavata da un 'sampietrinò,  il turco arrestato a Venezia dalla Polizia che ha poi fermato altri 5 suoi connazionali, di cui 4 a Milano, visti a pregare nei pressi della stazione ferroviaria lagunare intorno alle 5 di ieri.
La scena non è sfuggita ad una guardia giurata che ha chiamato il 113, facendo intervenire agenti della polfer, della Digos e della questura di Venezia che ha fatto scattare il dispositivo antiterrorismo. Il gruppetto di stranieri, però, si era già disperso all’arrivo dei poliziotti che sono comunque riusciti a rintracciare due turchi, uno dei quali aveva nello zaino il machete. La presenza dell’arma ha preoccupato seriamente gli agenti dopo l’episodio di aggressione da parte di un adepto dell’Isis su di un treno in Germania.
L’uomo è stato così arrestato, mentre l’amico è stato trattenuto in questura e non è escluso che nei suoi confronti scatterà il provvedimento di espulsione. Nel frattempo, come riferiscono alcuni quotidiani, sono proseguite le ricerche degli altri quattro di cui si erano perse le tracce. La vicenda è stata seguita passo passo dal capo della Polizia Franco Gabrielli in stretto contatto col questore lagunare, Angelo Sanna. L’alert del 113, esteso anche alle altre forze dell’ ordine, e alle altre regioni limitrofe al Veneto ha dato esito positivo quando, nel pomeriggio, a Milano, la Digos ha informato i colleghi veneziani che avevano fermato gli altri quattro turchi e che li stavano interrogando in questura. 
«Voi sapete che dopo il Ramadam - ha detto agli agenti l’uomo, K.A. nato a Mersin (Turchia) nel 1992 - c'è il digiuno e il coltello mi serve per fare sacrifici di animali. Ma non ne ho ancora fatti».
Lo straniero è stato arrestato per false attestazioni a pubblico ufficiale, perchè aveva presentato dei documenti d’identità falsi. Un aspetto che ha fatto subito alzare il livello potenziale di pericolosità del soggetto. La polizia, dopo averli sentiti, ha invece già rilasciato gli altri cinque turchi che pregavano con lui, 4 dei quali fermati poi a Milano, perchè risultati essere conoscenze del tutto occasionali, e senza alcun contatto precedente con l’arrestato.
Per quanto riguarda quest’ultimo, la prima anomalia nei controlli è emersa proprio con i documenti: il 23enne turco ha sostenuto che il giorno prima, 30 luglio, aveva subito a Bologna il furto di tablet e smartphone, con relativa sim card, oltre che della patente di guida e del passaporto tedesco a Bologna, mostrando la copia di una denuncia fatta alla questura felsinea. L'uomo ha detto di possedere la doppia cittadinanza turco-tedesca. Ma dopo l’invio della documentazione da parte della Polizia tedesca, tramite l’ufficio di cooperazione internazionale del Dipartimento di pubblica sicurezza, la Digos ha scoperto le foto del vero titolare di quel passaporto e di quel visto, e queste non corrispondevano assolutamente al cittadino turco fermato. Nel database italiano ed europeo, inoltre, il profilo del 23enne non compare. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

5commenti

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

perugia

Oca lo becca al parco, nonno risarcito dalla Regione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti