-1°

controlli in stazione

Turco arrestato a Venezia: nello zaino aveva mannaia e pietra appuntita

Polizia di Stato

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
0

Aveva con sè una mannaia di 30 centimetri, comunemente usate dai macellai ed una grossa pietra appuntita, ricavata da un 'sampietrinò,  il turco arrestato a Venezia dalla Polizia che ha poi fermato altri 5 suoi connazionali, di cui 4 a Milano, visti a pregare nei pressi della stazione ferroviaria lagunare intorno alle 5 di ieri.
La scena non è sfuggita ad una guardia giurata che ha chiamato il 113, facendo intervenire agenti della polfer, della Digos e della questura di Venezia che ha fatto scattare il dispositivo antiterrorismo. Il gruppetto di stranieri, però, si era già disperso all’arrivo dei poliziotti che sono comunque riusciti a rintracciare due turchi, uno dei quali aveva nello zaino il machete. La presenza dell’arma ha preoccupato seriamente gli agenti dopo l’episodio di aggressione da parte di un adepto dell’Isis su di un treno in Germania.
L’uomo è stato così arrestato, mentre l’amico è stato trattenuto in questura e non è escluso che nei suoi confronti scatterà il provvedimento di espulsione. Nel frattempo, come riferiscono alcuni quotidiani, sono proseguite le ricerche degli altri quattro di cui si erano perse le tracce. La vicenda è stata seguita passo passo dal capo della Polizia Franco Gabrielli in stretto contatto col questore lagunare, Angelo Sanna. L’alert del 113, esteso anche alle altre forze dell’ ordine, e alle altre regioni limitrofe al Veneto ha dato esito positivo quando, nel pomeriggio, a Milano, la Digos ha informato i colleghi veneziani che avevano fermato gli altri quattro turchi e che li stavano interrogando in questura. 
«Voi sapete che dopo il Ramadam - ha detto agli agenti l’uomo, K.A. nato a Mersin (Turchia) nel 1992 - c'è il digiuno e il coltello mi serve per fare sacrifici di animali. Ma non ne ho ancora fatti».
Lo straniero è stato arrestato per false attestazioni a pubblico ufficiale, perchè aveva presentato dei documenti d’identità falsi. Un aspetto che ha fatto subito alzare il livello potenziale di pericolosità del soggetto. La polizia, dopo averli sentiti, ha invece già rilasciato gli altri cinque turchi che pregavano con lui, 4 dei quali fermati poi a Milano, perchè risultati essere conoscenze del tutto occasionali, e senza alcun contatto precedente con l’arrestato.
Per quanto riguarda quest’ultimo, la prima anomalia nei controlli è emersa proprio con i documenti: il 23enne turco ha sostenuto che il giorno prima, 30 luglio, aveva subito a Bologna il furto di tablet e smartphone, con relativa sim card, oltre che della patente di guida e del passaporto tedesco a Bologna, mostrando la copia di una denuncia fatta alla questura felsinea. L'uomo ha detto di possedere la doppia cittadinanza turco-tedesca. Ma dopo l’invio della documentazione da parte della Polizia tedesca, tramite l’ufficio di cooperazione internazionale del Dipartimento di pubblica sicurezza, la Digos ha scoperto le foto del vero titolare di quel passaporto e di quel visto, e queste non corrispondevano assolutamente al cittadino turco fermato. Nel database italiano ed europeo, inoltre, il profilo del 23enne non compare. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5