10°

20°

lutto

Addio a Ettore Bernabei, storico alfiere del servizio pubblico

Direttore del Popolo, dg Rai 1961-1974, fondatore della Lux Vide

Addio a Ettore Bernabei, storico alfiere servizio pubblico

Ettore Bernabei

Ricevi gratis le news
0

E’ morto ieri sera all’Argentario, dove si trovava in vacanza con la famiglia, Ettore Bernabei, storico direttore generale della Rai e produttore televisivo. La notizia è stata confermata all’Ansa dal figlio Luca, che insieme alla sorella Matilde, ha raccolto il testimone della sua attività. Era nato a Firenze nel 1921.

«Papà si è spento serenamente, in un luogo che amava tanto, dove gli piaceva riunire la famiglia, forte del senso di accudimento per i suoi che ha sempre avuto». Così Luca Bernabei parla con l’Ansa della scomparsa del padre Ettore, avvenuta nella serata di sabato all’Argentario all’età di 95 anni. «Era a tavola - racconta Luca - e fino ad oggi pomeriggio ha parlato di politica, di economia. Se n'è andato tranquillo, pronto a questo momento».

«La tv può ricondurre miliardi di uomini e donne sulla via del vero e del giusto». Nella lectio magistralis tenuta alla Pontificia Università Lateranense nel giorno del suo 90/o compleanno, il 16 maggio 2011, Ettore Bernabei, storico direttore generale della Rai negli anni del monopolio, morto questa sera a 95 anni all’Argentario dove era in vacanza con la famiglia, ribadiva uno dei punti di forza della sua attività di 'grande condottierò della tv pubblica e poi di produttore: l’importanza di una televisione capace di rispettare e di elevare il pubblico.
Una convinzione radicata anche nella sua educazione cattolica. Nato a Firenze il 16 maggio 1921, padre di otto figli, dopo la laurea in Lettere moderne si dedica alla passione per il giornalismo. Dal 1951 al 1956 è direttore del Giornale del Mattino, quotidiano di ispirazione cristiana. Vicino ad Amintore Fanfani, nel 1956 viene chiamato alla guida del Popolo, organo della Democrazia Cristiana. Nel 1961, a 40 anni, diventa direttore generale della Rai, che guiderà fino al 1974, imprimendo all’azienda un ruolo da autentico servizio pubblico, in grado di occuparsi anche «di chi è rimasto un pò più indietro». Sono gli anni in cui nascono approfondimenti come Tv7 e sceneggiati ispirati ai classici della letteratura, come l'Odissea, I Promessi Sposi, I Fratelli Karamazov. Gli anni in cui vengono realizzate serie come Gli Atti degli Apostoli per la regia di Roberto Rossellini, il Mosè, Gesù di Nazareth firmato da Franco Zeffirelli. E ancora gli anni in cui il il maestro Alberto Manzi insegna a leggere e scrivere a un’Italia che nel 1960 contava ancora il 35% degli analfabeti.
«Ricordo la difficoltà - raccontava Bernabei - perchè mi trovai davanti a professionisti e venerabili dirigenti, ben più grandi di me, che erano lì 'prestatì dalla radio e in carica addirittura dagli anni Trenta. Oggi si parla facilmente di 'rottamazionè, ma quelli erano indeformabili e inamovibili». Tra le prime decisioni, Enzo Biagi a dirigere il telegiornale. "Se ne andò dopo un pò perchè, mi disse, fare le cose con il bilancino del farmacista non era il suo mestiere».
Mel 1974, lasciata la direzione generale della Rai, Bernabei va a dirigere l’Italstat, una finanziaria a partecipazione statale specializzata nella progettazione e costruzione di grandi infrastrutture ed opere di ingegneria civile. Altro passaggio cruciale della sua lunga attività, nel 1992, la creazione della società di produzione Lux Vide, che realizza importanti fiction anche in coproduzione con paesi europei e con gli Stati Uniti. Colossale il progetto Bibbia, 21 prime serate prodotte fra il 1994 e il 2002 per Rai1, vendute in 140 Paesi, in grado di coniugare rilevanza culturale, valore artistico e grande appeal popolare. Un successo seguito da grandi coproduzioni internazionali e dallo sviluppo della lunga e media serialità, con titoli di straordinaria longevità e successo, come Don Matteo.
Pur avendo lasciato il testimone dell’attività di produttore nelle mani dei figli Luca e Matilde, Bernabei continuava ad appassionarsi quando parlava della Rai. «Oggi ci si entusiasma per il web, per Google o Amazon. Ma la tv pubblica - diceva - è rimasta l’unica difesa dei cittadini. Se non si usa il cervello, se i bambini a scuola usano solo il computer e smettono di studiare la tavola pitagorica, si finirà in mano a ciò che raccontano i motori di ricerca e non si saprà più scegliere tra vero e falso, giusto e iniquo, che sulla rete sono tutti sullo stesso piano. La tv pubblica, invece, come i giornali o i libri, può ancora raccontare un’azione come delittuosa o benefica, aiutare a decidere cosa fare della propria vita e non finire tutti come polli in batteria. Può ancora salvare l’umanità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Meteo e blocco del traffico

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Lunedì

A1, chiusura casello di Parma in entrata per MI e uscita per BO 4 notti Video

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

1commento

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

Il Mangia come scrivi “De Luca, Righetti, Soneri Gallery

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

PARMA

Fugge e abbandona la borsa con la droga: sequestrati 3 etti di marijuana

Valore sul mercato dello spaccio: circa 3mila euro

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

castellarquato

Sventato un furto in un salamificio

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

SPORT

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

formula uno

Cosa c'è dietro la crisi Ferrari

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

SPORTIVE

Stile e potenza: nuove Porsche 718 Boxster GTS e Cayman GTS