12°

Italia-Mondo

Superpoteri ai sindaci, Maroni dice sì alla "Carta di Parma"

Superpoteri ai sindaci, Maroni dice sì alla "Carta di Parma"
0

Maroni ha detto sì alla "Carta di Parma". Il ministro dell'Interno, infatti, ha firmato oggi il decreto attuativo che concede ai primi cittadini più poteri in materia di incolumità pubblica e sicurezza urbana, così come era stato richiesto nella carta siglata il 17 aprile scorso e condivisa, con lo stesso Ministro, lo scorso 9 giugno quando 21 sindaci di città medie si erano incontrati nella città ducale.
I primi cittadini,  spiega, avranno "un ampio  margine operativo che gli consentirà di garantire meglio la  sicurezza dei cittadini".

I SUPERPOTERI - D'ora in poi i sindaci potranno intervenire in tantissimi casi per "prevenire e contrastare" il degrado urbano, le situazioni di isolamento che favoriscono la crescita della criminalità, lo spaccio di sostanze stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l'accattonaggio con impiego di minori e disabili, i fenomeni di violenza legati all'abuso di alcol. E ancora, avranno voce in capitolo nelle " situazioni in cui si verificano comportamenti quali il  danneggiamento al patrimonio pubblico e privato o che ne  impediscono la fruibilità" , nell’occupazione abusiva  di immobili; nelle situazioni che costituiscono intralcio alla  pubblica vivibilità o che alterano il decoro urbano, in  particolare quello di abusivismo commerciale e di illecita  occupazione di suolo pubblico". Infine potranno agire su comportamenti  che, come la prostituzione su strada o l’accattonaggio molesto,  possono offendere la pubblica decenza anche per le modalità con  cui si manifestano, ovvero turbano gravemente il libero utilizzo  degli spazi pubblici o la fruizione cui sono destinati o che  rendono difficoltoso o pericoloso l’accesso ad essi"

CENTO MILIONI DI EURO -  Per quantificare a livello economico la novità, ecco che il ministro parla di cento milioni di euro ai sindaci per la sicurezza urbana.  La somma sarà messa a disposizione settembre quando verrà siglata una intesa con i comuni su come  utilizzare al meglio i fondi.  Peraltro si tratta di una delle richieste che erano state  avanzate al titolare del Viminale dall’Anci, l’associazione  nazionale dei comuni italiani, insieme alla possibilità di un monitoraggio delle iniziative.  Il nuovo ruolo di primi responsabili della sicurezza, hanno osservato i sindaci, impone di investire in risorse umane e finanziarie per poter agire meglio. E questo in pratica  significa avere a disposizione somme per poter potenziare, ad  esempio, la polizia locale, o investire in attrezzature tecniche  per poter controllare al meglio il territorio.

SINDACI "UFFICIALI DI GOVERNO" - Da oggi i sindaci delle città, ha detto Maroni, saranno dunque "protagonisti e non comprimari della sicurezza sul  territorio". "Vediamo se i sindaci hanno creatività e poi  valuteremo". Il ministro ha poi sottolineato che il sindaco  diventa un vero e proprio "ufficiale di Governo" che adotterà  i provvedimenti "comunicati preventivamente al prefetto che è  in grado autonomamente o in sede di comitato di ordine di  sicurezza pubblica di dare attuazione al provvedimento". I  prefetti non hanno però poteri di veto: "C'è la necessità di  coordinare l’azione di polizia con quelle della polizia locale –  spiega Maroni – il prefetto è tenuto a dare collaborazione e a  far rispettare la legge". E se ci fosse uno scontro tra sindaco  e prefetto? "Verrà definito – risponde il ministro –  nell’ambito del comitato di ordine pubblico. Quello che vogliamo  è sviluppare una situazione sinergica su tutto il territorio e  per questo mi aspetto una serie di ordinanze specifiche che poi  valuteremo nei contenuti per definire eventualmente delle linee"  

VIGNALI: "CONDIVISI TUTTI I PUNTI DELLA CARTA DI PARMA" - “La sicurezza urbana è un bene pubblico. Ecco la grande rivoluzione introdotta dal decreto attuativo che concede più poteri ai sindaci”. Questo il commento del sindaco di Parma Pietro Vignali alla notizia della firma del decreto. Vignali sottolinea come quello del “bene pubblico” sia un punto molto importante e sul quale i sindaci avevano fortemente insistito, perché “rivoluziona il concetto di sicurezza urbana non ponendolo soltanto come mero problema di ordine pubblico ma legandolo alla qualità della vita e, quindi, anche allo sviluppo urbano. In questo modo i primi responsabili della vivibilità delle città, cioè i sindaci, sono legittimati ad intervenire”. Vignali, inoltra, ricorda come il decreto del Ministro Maroni ripercorra esattamente tutti i punti condivisi nella Carta di Parma sulla sicurezza, dalla prostituzione all’occupazione abusiva, dallo spaccio al danneggiamento: “Per questo ringrazio Maroni che sta bruciando le tappe per raggiungere un obiettivo che ci siamo dati insieme proprio qui a Parma, insieme agli altri sindaci”. Di passi già ne sono stati compiuti due, il decreto legge in cui sono state attribuite nuove funzioni ai sindaci in materia di sicurezza urbana e quello di oggi che definisce le aree intervento: “Ora – continua Vignali – rimane l’ultima tappa, quella del disegno di legge dopodiché avremo concluso, grazie all’impegno del Ministro Maroni, un importante percorso per dare una risposta ad un’esigenza sentita da molte città e dai loro abitanti, che chiedono sempre maggiore tutela”.
Vignali conclude ricordando come questo sia il primo esempio di un Governo nazionale che pone ascolto e recepisce le richieste delle città medie in materia di sicurezza: “Questo è stato un tema tradizionalmente circoscritto alle realtà metropolitane, ma ora si apre una nuova fase”.

LIBE': "BENE, MA PERCHE' TAGLI ALLE FORZE DELL'ORDINE?" -  «Accogliamo con favore il decreto applicativo sulla sicurezza urbana. Si tratta di un giusto riconoscimento all’impegno compiuto da molti sindaci, a partire da quello di Parma». Così il deputate permense dell’Udc Mauro Libè che però critica i tagli decisi dal governo alle forze dell’ordine.
«I fondi annunciati dal ministro dell’Interno a favore dei Comuni a sostegno di azioni più concrete nel contrasto alla criminalità sono la risposta migliore alla domanda di maggiore tutela richiesta dai cittadini e dalle comunità locali – afferma – Mi chiedo tuttavia perchè, se l’obiettivo è quello di garantire la sicurezza – aggiunge – il governo non abbia usato lo stesso metro anche nei confronti degli appartenenti alle forze dell’ordine, per i quali invece ha previsto solo tagli alle risorse».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutto quello che c'è da sapere sui nuovi antifurto per auto

consigli

Antifurti: come mettere al sicuro la proprio auto

Lealtrenotizie

Duc

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

2commenti

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

2commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

8commenti

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

roma

Raggi ha un malore, in ospedale per accertamenti

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

2commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

Calcio

Il Leicester ha esonerato Ranieri

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida