-2°

editoriale

Ungheria, il plebiscito che non c'è stato

Ungheria, il plebiscito che non c'è stato
Ricevi gratis le news
0

Più che un referendum sull'accoglienza ai migranti, doveva essere un plebiscito, l'ennesimo, a favore di Victor Orban, il leader populista che ormai da anni governa l'Ungheria.
Orban l'aveva chiesto con forza («Lanceremo un messaggio a Bruxelles: non si può fare politica contro la volontà della gente», queste le parole del portavoce del governo) e l'aveva preparato con un quesito a cui era davvero difficile dire sì («Vuole che l’Ue possa prescrivere l’insediamento obbligatorio di cittadini non ungheresi anche senza il consenso del Parlamento ungherese?»). Più che un pronunciamento sulle quote di migranti decise dall'Unione europea in solidarietà con i Paesi in prima linea come l'Italia e la Grecia, il quesito suggeriva una ferita difficilmente rimarginabile alla sovranità nazionale. In più il Orban aveva dalla sua quasi tutti i media ungheresi che sono filogovernativi. Una tradizione difficilmente sradicabile nell'Est dell'Europa.
Ma alla fine il premier magiaro non ha fatto i conti con il quorum obbligatorio del 50% prescritto dalla legge perché il referendum abbia valore giuridico e con l'apatia di quel popolo di cui desiderava sentire la voce in modo forte e chiaro e che, invece, in mancanza di mare (visto che in Ungheria non c'è) ha preferito il lago Balaton alle urne. E non è nemmeno un atteggiamento difficile da capire tenendo conto che l'Ungheria alla fine l'anno scorso ha accolto solo 508 rifugiati. Una cifra ridicolmente bassa. Soprattutto se si lancia l'allarme invasione.
Però, nonostante la mancanza del quorum (ha votato circa il 43% degli aventi diritto), il verdetto di chi è andato alle urne è stato assolutamente chiaro: il 98% di chi ha votato, secondo gli ultimi dati disponibili, si è espresso contro le quote obbligatorie di migranti e per questo Orban può lo stesso cantare vittoria. E lo farà cercando di estorcere a Bruxelles delle concessioni politiche assieme agli altri tre Paesi che fanno parte del «Gruppo di Visegrad» (Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca). Ma questa volta il coltello non è affilato come lo sarebbe stato con un pronunciamento vincolante come quello fornito da un referendum con il quorum. E, a questo punto, è sperabile che il resto dell'Europa, una volta tanto, faccia la voce grossa.
Il grimaldello per svuotare il sistema delle quote distributive dei migranti - e la riforma dell'accordo di Dublino di cui Italia e Grecia hanno bisogno per non far fronte da sole ai massicci flussi migratori di questi anni - ha già un nome: «solidarietà flessibile». In parole povere significa fornire ai governi recalcitranti una giustificazione per sfuggire ai doveri d'accoglienza. E tutto senza rinunciare ai benefici della solidarietà europea, cioè ai fondi strutturali comunitari che tutti noi contribuenti europei - e in particolare i contribuenti dei Paesi che versano più di quanto ricevono, come l'Italia - forniscono ai Paesi più poveri per aiutarli a crescere.
Sarebbe ora di affermare con forza che la solidarietà non è a senso unico: non si può solo prendere senza dare mai, magari prospettando soluzioni ridicole a problemi drammatici: come quando, qualche giorno fa, Orban ha suggerito di risolvere il problema migranti deportandoli tutti su un'isola. L'isola che non c'è, probabilmente.
pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat