-5°

CATANIA

Muore dopo un aborto terapeutico. I legali: "Il medico era obiettore"

Dopo l'esposto della famiglia la procura apre un fascicolo

Muore dopo un'aborto terapeutico. I legali: "Il medico era obiettore"

Sala operatoria (foto d'archivio)

7

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta sulla morte di una 32enne impiegata di banca deceduta il 16 ottobre scorso, dopo 17 giorni di ricovero nell'ospedale Cannizzaro per delle complicazioni alla 19/ma settimana di gravidanza avviata con la procreazione assistita in un’altra struttura. La donna, incinta di due gemelli, nati morti, era sposata con un trentenne, ed era alla prima gravidanza.  Il fascicolo è stato attivato, come atto dovuto, dopo la denuncia dei familiari della donna che nella loro ricostruzione dei fatti parlano di un medico che si sarebbe rifiutato di estrarre i due feti, quando sono entrati in crisi respiratoria, perché obiettore di coscienza.

Il procuratore Carmelo Zuccaro ha disposto il trasferimento della salma in obitorio, bloccando i funerali che erano stati organizzati nel paese del Catanese di cui la donna era originaria, e il sequestro della cartella clinica. La magistratura disporrà l’autopsia dopo avere identificato il personale in servizio che sarà indagato, come atto dovuto, per omicidio colposo per potere eseguire l’esame medico legale. Dalla Procura si conferma il contenuto della denuncia, ma si sottolinea che «questa è la prospettazione dei fatti esposta dalla famiglia, che dovrà essere verificata». Ma per questo occorrono un’analisi attenta della cartella clinica e l’esito dell’autopsia.

A riferire il contenuto dell’esposto presentato alla Procura è il legale della famiglia, l’avvocato Salvatore Catania Milluzzo. «La signora al quinto mese di gravidanza - sostiene il penalista - era stata ricoverata il 29 settembre per una dilatazione dell’utero anticipata. Per 15 giorni va tutto bene. Dal 15 ottobre mattina la situazione precipita. Ha la febbre alta che è curata con antipiretico. Ha dei collassi e dolori lancinanti. Lei ha la temperatura corporea a 34 gradi e la pressione arteriosa bassa. Dai controlli - aggiunge - emerge che uno dei feti respira male e che bisognerebbe intervenire, ma il medico di turno, mi dicono i familiari presenti, si sarebbe rifiutato perché obiettore di coscienza: "Fino a che è vivo io non intervengo", avrebbe detto loro. Quando il cuore cessa di battere viene estratto il feto e mostrato morto ai familiari. Due di loro possono avvicinare la donna che urla dal dolore e grida continuamente "aiuto!". Viene eseguita una seconda ecografia - continua nella ricostruzione il penalista - e anche il secondo feto mostra delle difficoltà respiratorie. E anche il quel caso il medico avrebbe ribadito che lo avrebbe fatto espellere soltanto dopo che il cuore avesse cessato di battere perché lui era un obiettore di coscienza».

Il secondo feto, secondo la denuncia, non è mostrato ai familiari. E un medico li avvisa che «le condizioni della donna sono gravissime perché la sepsi si è estesa, con una setticemia diffusa». La donna sedata è portata in rianimazione, «e i familiari - osserva l’avvocato Catania Milluzzo - riferiscono di averla vista con dei cerotti sulle palpebre che le chiudevano gli occhi». Poi domenica 16 ottobre la notizia del decesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    20 Ottobre @ 12.09

    COME AL SOLITO , A FAR PIU' CHIASSO SON QUELLI CHE , DI MEDICINA , NON SANNO NIENTE ! La cosa più sensata è quella che ha detto la Procura di Catania : "questa è la prospettazione dei fatti esposta dalla famiglia , che dovrà essere verificata" . COMUNQUE SEMBRA CHIARO CHE , SE LE COSE SONO ANDATE COSI' MALE , DEV' ESSERCI STATA QUALCOSA CHE NON E' ANDATA PER IL VERSO GIUSTO . Potrei avanzare un' ipotesi , ma non vorrei addentrarmi in ipotesi che saranno la Magistratura , coi suoi Periti , e la Direzione dell' Ospedale , a dover chiarire . L' "obiezione di coscienza" del Medico verso l' interruzione volontaria di gravidanza sembra non entrarci , perché l' obiezione si riferisce all' interruzione VOLONTARIA , ma non è questo il caso. La donna non voleva interrompere la gravidanza , tant' è che era ricorsa alla procreazione assistita. Se , poi , si erano create le condizioni che avrebbero richiesto un intervento cesareo d' urgenza , per gravi necessità cliniche , l' "obiezione" non c' entra niente.

    Rispondi

  • Berta

    20 Ottobre @ 09.43

    Italia, sempre più terzo mondo...

    Rispondi

    • Vercingetorige

      20 Ottobre @ 11.48

      E per fortuna che , secondo l' Organizzazione Mondiale della Sanità , in Italia abbiamo uno dei migliori Servizi Sanitari del mondo !

      Rispondi

  • la camola

    20 Ottobre @ 07.04

    si accertino le responsabilità ed allontanare gli obiettori dai pazienti, probabilmente possono essere per loro un pericolo.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      20 Ottobre @ 11.46

      L' obiezione di coscienza verso l' interruzione volontaria di gravidanza è un diritto che la Legge riconosce ai Medici .

      Rispondi

  • Bastet

    19 Ottobre @ 22.57

    Medico e obbiettore non dovrebbero coesistere nella stessa frase!Il medico deve fare il medico e tentare il massimo per salvare le vite che ha di fronte!Le sue credenze le lascia a casa, tanto come dovrebbe fare un professore...VERGOGNA! ! !

    Rispondi

    • Vercingetorige

      20 Ottobre @ 11.44

      Dice bene : "il medico deve fare il medico e tentare il massimo per salvare le vite che ha di fronte" . Il che automaticamente esclude interruzioni volontarie di gravidanza ed eutanasia.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

3commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

EMERGENZA

Parma si mobilita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

1commento

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta