14°

28°

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere
Ricevi gratis le news
2

«Ho pensato di uccidermi, ma non ho trovato il coraggio. Sono consapevole di aver fatto un grosso errore e che per questo devo pagare». Aveva risposto così alla Polizia che lo aveva bloccato dopo un’inseguimento con sparatoria, Igor Diana, il 28enne di origine russe arrestato per aver ucciso i genitori adottivi, Giuseppe Diana, di 67 anni, e Luciana Corgiolu, di 62, nella loro abitazione di Settimo San Pietro (Cagliari) nel maggio scorso.
Quel coraggio il giovane lo ha trovato oggi pomeriggio: ha atteso che il compagno di cella si allontanasse per andare al cineforum e si è impiccato legando i lacci delle scarpe alla finestra del bagno nel carcere di Uta (Cagliari). A nulla è valso l’intervento degli agenti della penitenziaria. «Era depresso, chiedeva aiuto - conferma l’avvocato Antonella Marras che difendeva Diana insieme al collega Federico Aresti - Lo avevo visto solo tre giorni fa e stava male, aveva bisogno di cure, come abbiamo sempre sostenuto. Il regime carcerario non andava bene per lui, ma la nostra istanza è stata respinta». Il 15 novembre scorso il pm del tribunale di Cagliari, Daniele Caria, aveva chiuso le indagini sul duplice omicidio sollecitando per l’indagato il giudizio immediato. Secondo la specialista Irene Maxia, incaricata dalla Procura di svolgere la perizia psichiatrica, Diana era soggetto a «scatti di ira incontrollabili», un ragazzo seminfermo di mente e pericoloso. Il suo quadro psichico era legato al suo passato in Russia quando, rimasto orfano con il fratello Alessio, era finito in un istituto. Un passato che lo aveva tormentato e segnato nel profondo e che nella notte tra il 9 e il 10 maggio scorsi, dopo una lite con i genitori, lo avrebbe spinto ad ucciderli.
Papà e mamma erano stati colpiti con una mazza da baseball e finiti a coltellate. Il giorno dopo Diana era uscito di casa e si era allontanato a bordo dell’auto del padre, senza fare più ritorno. Gli agenti della Squadra mobile, con l’aiuto anche dei carabinieri, lo catturarono due giorni dopo, al termine di un inseguimento culminato con un conflitto a fuoco nel corso del quale il fuggitivo rimase ferito. In ospedale la lunga confessione. «Sul momento - raccontò - non mi sono reso conto di quello che stavo facendo, il mio comportamento di quel giorno è qualcosa di sbagliato, molto più di rabbia, le persone fanno cose di cui non si rendono conto. Non mi era mai capitato di meditare di fare del male ai miei genitori, quel giorno non sono riuscito a fermarmi, ero in preda ad un impulso incontrollabile». Oggi Diana è crollato e ha deciso di farla finita nella cella in cui era richiuso ormai da mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • danila

    06 Dicembre @ 09.28

    avvocato: il regime carcerario non andava bene per lui 1 neanche una famiglia normale andava bene per lui adesso è in pace

    Rispondi

    • Vercingetorige

      06 Dicembre @ 16.53

      Il regime carcerario non va bene per nessuno , ma non è fatto per andar bene , o , meglio , è fatto per andar bene alla gente onesta , che non commette delitti.

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti