10°

18°

Italia-Mondo

Camorra: pronto l'esercito

0

Da domani 400 superpoliziotti per combattere la criminalità organizzata nel Casertano. Non si esclude l'arrivo dei militari. L'ipotesi di uno sgarro ai Casalesi. Denunciati venti immigrati per i disordini. Roma (AGA) - Dentro la guerra scoppiata nel ghetto di Gomorra con 400 super-poliziotti sostenuti con ogni probabilità anche dall’Esercito. È così che lo Stato proverà da domani a mostrare la propria forza cercando di fronteggiare l’emergenza nel Casertano dopo la strage di Castelvolturno, in uno dei feudi inviolabili dominati dalla criminalità organizzata. La struttura interforze, nel corso di un vertice al Viminale tenuto dal vice capo della Polizia Nicola Cavaliere con i reparti investigativi di Scom, Ros e Gico, ha messo a punto un piano dettagliato che prevede non solo un’azione coordinata per accelerare le indagini su una lunga sequenza di omicidi ma in maniera più operativa dare il via ad una serie di interventi per stanare i latitanti, colpire i boss e accelerare contro gli immigrati clandestini le procedure di espulsione. 

 Nel prossimo Consiglio dei Ministri, in programma martedì, si valuterà anche l’invio di militari anche fuori dalle città, nelle aree più a rischio, secondo quanto prevede il provvedimento Maroni sulla sicurezza.  In arrivo dunque blitz, retate e maxi-operazioni alla luce anche dei primi risultati investigativi che per gli inquirenti non lasciano più dubbi. La strage di immigrati africani non ha nessuna matrice razzista ma è una «risposta terroristica» del clan dei Casalesi, in difficoltà - anche per alcune divisioni tra i «caporali» - nel controllare sul litorale domizio la criminalità d’importazione (spaccio di droga e prostituzione) di matrice africana. Ed è su questa certezza che si basa la risposta che le forze dell’ordine stanno preparando per individuare gli autori degli omicidi, catturare i caporali locali e riportare l’ordine dopo la rivolta di immigrati africani (venti i denunciati) che hanno messo a ferro e fuoco Castelvolturno distruggendo vetrine, rovesciando cassonetti e bloccando la strada statale Domiziana per diverse ore.  «Verificheremo i precedenti, le frequentazioni e le amicizie delle persone uccise, c'è da capire il motivo per cui hanno agito in maniera chirurgica i sei killer professionisti» ha detto il questore di Caserta, Carmelo Casabona. Non è comunque escluso che qualcuno delle vittime non c'entri direttamente con attività illecite. Allo stesso tempo promette mano dura con gli autori delle violenze dopo la strage. «Non è possibile che si possa ricondurre tutto ad una contrapposizione gratuita e razziale».

L’ambasciatore del Ghana nell’incontro con il prefetto ha chiesto di fatto maggiore protezione per la sua comunità, finita nel bersaglio dei clan, terrorizzata da nuovi agguati e dalla facilità (il travestimento da carabinieri) con cui i Casalesi hanno potuto scatenare l’inferno. L’appello del cardinale Crescenzio Sepe a deporre le armi non è stato ascoltato.  I sicari della camorra - che non sopportano gesti di autonomia nel controllo del territorio - sarebbero tornati in azione. Un uomo è stato ferito gravemente a Cesa, nel Casertano, raggiunto da un proiettile alla testa. È il segno che la guerra è solo all’inizio. Le indagini sulla mattanza di giovedì sera si indirizzano verso la mancata tangente per esercitare lo spaccio di droga che gli extracomunitari non hanno pagato ai Casalesi. Determinante risulterà la testimonianza dell’immigrato ghanese rimasto gravemente ferito e ora ricoverato al Cardarelli di Napoli. I sicari firmatari della strage hanno sparato con la stessa violenza usata nel primo omicidio a Baia Verde contro il titolare della sala giochi, Antonio Celiento, massacrato da una ventina di copi. Per la strage degli immigrati e l’agguato avvenuto prima della mattanza) è stato usato un solo kalashnikov, a conferma che un solo commando abbia agito in quella notte di ordinaria violenza. (Aga)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

4commenti

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

1commento

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

1commento

foto dei lettori

Se un arcobaleno abbraccia un castello Foto

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

LEGA PRO

Le difficoltà compattano il Parma

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

8commenti

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

6commenti

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

4commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

IL CASO

Mandano alla madre la tessera sanitaria della figlia scomparsa

1commento

Londra

Il momento in cui la donna si getta nel Tamigi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery