10°

20°

Italia-Mondo

Immigrazione e camorra: arrestato uno dei presunti sicari

0

Catturato dalla polizia a Baia Verde un affiliato al clan legato ai Casalesi. Sulle strade già 400 uomini in più, oggi Cdm per l'invio delle forze armate. Accordo tra il ministro della Difesa e il Viminale. Roma (AGA) - Non è solo una caccia ai killer. Si vuole cercare di presidiare il territorio, pattugliare le aree più a rischio, bloccare la violentissima strategia terroristica firmata dal clan dei Casalesi. Gomorra sarà presto militarizzata. Ai quattrocento superagenti che hanno iniziato da ieri a «perlustrare» i feudi della camorra del Casertano si affiancheranno tra qualche giorno altri mille uomini della Forze Armate. Il governo non intende arretrare dopo l’ultima mattanza a Castelvolturno e alla vigilia del Consiglio dei ministri previsto per oggi, il titolare del Viminale, Roberto Maroni e il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, hanno trovato un accordo per inviare sul territorio teatro degli agguati anche militari dell’Esercito. «C'è un problema di fattibilità e di modalità che stiamo verificando» ha detto La Russa che non vuole ancora sbilanciarsi troppo sulla scelta che verrà presa dall’esecutivo. Ma l’idea è quella di portare sostanziali rinforzi, «fino a mille uomini»: «Quando serve le forze armate possono andare in aiuto per compiti che sono abitualmente e stabilmente delle forze dell’ordine» ha aggiunto La Russa negando attriti e polemiche con Maroni che sabato aveva espressamente chiesto l’intervento dell’Esercito.

L'iniziativa di militarizzare l’area ha come obiettivo anche quello di riportare l’ordine dopo la guerriglia urbana successiva alla strage e scongiurare il rischio di violenze xenofobe come è accaduto l’anno scorso nelle banlieue parigine. Prima ancora che i 400 uomini (150 poliziotti, 150 carabinieri e 100 finanzieri) iniziassero a svolgere compito di controllo nella caccia ai latitanti. Lo Stato ha subito voluto fare sentire il proprio ruolo arrestando uno dei presunti responsabili della strage di giovedì sera. Si tratta di Alfonso Cesarano, 29 anni, affiliato al clan Bidognetti legato ai Casalesi, agli arresti domiciliari e con precedenti per il 416 bis. La squadra mobile della questura di Caserta lo è andato a prendere nella casa dei genitori a Baia Verde, la stessa località dove poco prima della strage di immigrati di colore etra stato freddato con venti colpi di kalashinikov il titolare di una sala giochi. Cesarano era già stato arrestato il 17 aprile scorso, con l’accusa di associazione camorristica, nell’ambito dell’operazione «domitia». Era tra i destinatari delle 64 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla Dda di Napoli nei confronti di affiliati ai clan Bidognetti e Tavoletta, due delle cosche legate ai Casalesi. 

La cattura di uno dei presunti sicari - accolta con giubilo dalla comuinità degli immigrati («Grazie polizia, ora prendete anche gli altri») finiti nel mirino della camorra - ha comunque aperto uno scontro politico, per il fatto che il killer fosse agli arresti ai domiciliari. «Possibile che un affiliato ai clan più crudeli e sanguinari possa godere di un regime detentivo così leggero?» si è domandato il leader del Pd, Walter Veltroni, invitando ad una riflessione sulle misure da adottare per pericolosi appartenenti alla mafia e alla camorra.

(Aga)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato

parma

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato Foto

1commento

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: arrestato

In manette un 31enne tunisino

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

BORETTO

Sfilano i cavi di un edificio in disuso per rubare il rame: denunciati un parmigiano e un complice Foto

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

1commento

Calcio

Parma in crisi, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

9commenti

SACERDOTE

Da Tabiano alla Siberia, la storia di Don Ubaldo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

CREMONA

La grande commozione all'addio ad Alberto Quaini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

Crisi

Alitalia, Lufthansa: "Nessuna intenzione di acquistarla"

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Eia, qualcuno ha visto Edward?

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

SPORT

CALCIO

Il Venezia vince la Coppa Italia di LegaPro. Inzaghi: "Ho vinto tanto, ora tocca ai miei ragazzi"

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling