17°

32°

Italia-Mondo

Clima, il commissario europeo Dimas: "Intesa entro dicembre"

0

«I tempi dell’accordo non si discutono». «No, se non ci saranno modifiche importanti entro dicembre non firmiano niente». Il «faccia a faccia» che doveva portare ad un chiarimento si è trasformato in un virile braccio di ferro.
Fra Roma e Bruxelles continua a tirare una brutta aria sul clima e il consiglio dei ministri dell’Ambiente che si è svolto oggi a Lussemburgo non ha fatto altro che allargare le divergenze tra le grandi potenze economiche come Francia, Gernmania e Gran Bretagna e l’Italia in merito al pacchetto legislativo sull'energia e le misure antinquinamento.
Il commissario europeo all’Ambiente, Stavros Dimas, ha tentato un chiarimento con il ministro Stefania Prestigiacomo anche sulla «guerra delle cifre» annunciando prima del vertice di non volere uno scontro ma di ascoltare le obiezioni e le richieste di modifica che il governo propone al pacchetto Ue.
Massima disponibilità al dialogo dunque ma ad una sola condizione, che non si ridiscuta il pacchetto. «Tutti i leader hanno ribadito la loro determinazione ad arrivare ad un accordo, non vedo come sia sorta la questione di un suo eventuale rinvio» ha voluto subito chiarire Dimas aggiungendo che «il tempo rimasto è sufficiente».

L'idea però che l’Europa inviti l’Italia a produrre un quinto della sua energia con vento, sole e altre fonti rinnovabili non piace troppo al governo, soprattutto in un momento di crisi economica ed industriale così marcata. E ha giocato su un filo sottile della diplomazia che rischia di spezzarsi. Per questo la Prestigiacomo ha evitato di presentare - come annunciato alla vigilia - una specifica richiesta di applicazione di una clausola di «revisione» su costi e benefici del controverso pacchetto ma di analizzare le richieste di modifiche: «Vediamo se troveranno spazio, le perplessità sono comunque molte, speriamo in un accordo ma le distanze sono notevoli». Per il governo la nuova Maastricht per l’ambiente «si può accettare solo se c'é accordo su tutto e una volta passato il principio dell’unanimità sarebbe suicida non accettare almeno in parte le richieste di modifica» che sono state avanzate da molti paesi. «Non siamo isolati, almeno dieci nazioni hanno l’esigenza come noi di modificare il pacchetto».

La Ue comunque pur aprendo un tavolo tecnico non intende allungare ancora i tempi vincendo di fatto il primo round di questo negoziato che vede schierato (ma non del tutto compatto) il blocco dell’Est che rende molto difficile un’alleanza con l’Italia. Se infatti venisse portato al 1990 l’anno di riferimento e non al 2005, si scoperchierebbero le carte ed emergerebbe che lo sforzo richiesto all’Italia è minore di quello chiesto a paesi come Germania e Francia che hanno rispettato il protocollo di Kyoto diminuendo le emissioni rispetto a 18 anni fa. L’Italia le ha invece aumentate notevolmente allontanandosi dal suo obiettivo.
La richiesta di rivedere la ripartizione degli oneri tra gli stati membri) e l’alleanza «strategica» con i paesi dell’est risultano poco praticabili. La stessa Germania ha in qualche modo chiesto una applicazione meno rigida del protocollo di Kyoto per non penalizzare troppo le grandi industrie dell’acciaio e dell’industria pesante ma non ha comunque chiesto di ribaltare le strategie.

La posizione rigida assunta dal governo viene criticata dall’opposizione («Non possiamo metterci con i paesi più arretrati» ha detto Francesco Rutelli) e anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha tenuto a sottolineare l’importanza di avere «consapevolezza dei valori ambientali e naturali» e l’impegno del governo a tutelarli anche in tempi di crisi economica».
 Per la Prestigiacomo sarà comunque cruciale verificare se altri paesi come gli Usa e potenze industriali emergenti accetteranno di assumere impegni forti per la lotta ai cambiamenti climatici. Altrimenti, secondo il ministro, il grande sforzo richiesto all’Europa «potrebbe rivelarsi insostenibile ed inaccettabile».

(Aga)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

“Fame Reunion 2017”: il cast di “Saranno Famosi” sceglie ancora Salsomaggiore Terme

spettacoli

La reunion del cast di “Saranno Famosi” di nuovo a Salso. Grazie al crowdfunding

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks

Cannes

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks - Gallery

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo - Laura Chimenti

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Truffa ai danni di un'anziana

truffa

"Deve pagare la tassa rifiuti: lo dice la Ue": e si porta via 900 euro

SORBOLO

Scoperti i ragazzi che «giocano» a buttarsi sotto auto e treno

SALA BAGANZA

Investito sulle strisce: gravissimo

2commenti

DOPO IL PALACITI

Nuova razzia in palestra. I ladri ripuliscono la Magik

VIA ALEOTTI

69enne travolto da un pirata

università

Lo sfogo di Gallese: "Ecco l'ultimo paradosso del Miur: escludere i migliori"

BASEBALL

Davide, il fuoriclasse che non dimenticheremo mai

VIA TOSCANA

Bertolucci, rubata una bici al giorno. E le telecamere?

1commento

RUGBY

Gavazzi, «ultimatum» alle Zebre

MUSICA

Il dj Luca Giudici: «Sarò al fianco di Clementino»

play-off

Lucchese (mercoledì): oltre 6mila biglietti venduti

Problemi on line, Majo: "Fisiologico quando c'è richiesta". Per il ritorno a Lucca: prevendita nella sede del Centro di Coordinamento

1commento

VIA BUDELLUNGO

Prima l'incidente, poi la lite e la "fuga" con il trattore: condannato agricoltore

1commento

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

37commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

1commento

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Via Amendola: i pusher si allontanano, gli invitati restano. E si arrabbiano

18commenti

baseball in lutto

Lo sport di Parma piange Davide Bassi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

La nostra vita blindata nell'epoca della paura

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TORINO

Neonato abbandonato in strada, muore in ospedale

modena

Sniffano la "droga del diavolo" a una festa, due 30enni in coma

1commento

SOCIETA'

panama

E' morto Noriega, ex dittatore-presidente

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

SPORT

calciomercato

Voci dalla Liguria: "Faggiano in pole per il dg dello Spezia"

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MOTORI

Volkswagen

Golf, è l'ora della variante a metano

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione