ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Il nonno nel traffico (tutto da ridere)
video mondo

Il nonno nel traffico (tutto da ridere) Video

 
Jumbo Story

Jumbo Story

 
Montanara e Carignano segnano il gol della solidarietà
ALLUVIONE

Montanara e Carignano segnano il gol della solidarietà

 
Irene Rizzoli
LIBRI

Un piccolo pesce alla conquista del mondo

 
Il nuovo libro di Gian Carlo Artoni
TG PARMA

Il nuovo libro di Gian Carlo Artoni

 
ROAD 47

ROAD 47

 
Mingo e Fabio sospesi da "Striscia la Notizia"
televisione

Mingo e Fabio sospesi da "Striscia la Notizia"

 
Arriva l'Apple Watch. Ma non in Italia
HiTech

Esce l'Apple Watch. Non ancora in Italia - Video: com'è fatto

 
La Opel Karl si può già ordinare
CITYCAR

La Opel Karl si può già ordinare

 
Sareste disponibili ad accogliere in casa un rifugiato in cambio di 300 euro al mese?
SONDAGGIO

Sareste disponibili ad accogliere in casa un rifugiato?

 
La Samugheo ritrae gli studenti universitari
Fotografia

La Samugheo ritrae gli studenti universitari

 
Scienze applicate:  al Gadda nasce il nuovo liceo
SCUOLA

Scienze applicate: al Gadda nasce il nuovo liceo

 
culatta
GUSTO

Culatta, il nuovo che avanza

 
Ad Store, Natalia Borri ha guidato la convention di Atene
Economia

Ad Store, Natalia Borri ha guidato la convention di Atene

 
Ict Day, le imprese incontrano studenti e laureati
economia

Ict Day, le imprese incontrano studenti e laureati

 
Neri Marcorè & friends per Snupi
Solidarietà

Neri Marcorè & friends per Snupi

 
Top10: le parole più difficili del nostro dialetto
Pgn

Top10: le parole più difficili del nostro dialetto

 
Il matrimonio di sole e mare
viaggi

Il matrimonio di sole e mare

 
I vandali se la prendono con la statua di Padre Lino
Piazzale Inzani

I vandali se la prendono con la statua di Padre Lino

 
Parmawards: «And the winner is...»
gazzarock

«And the winner is...»: nella notte dei vincitori brillano i ParmAwards

 
Gisele: ultima sfilata
MODA

Gisele: ultima sfilata Video

 
Osteria del Viandante
rubiera

Osteria del Viandante

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

ROAD 47

ROAD 47

Genere Drammatico

Durata 108

 
SAMBA

SAMBA

Genere Commedia

Durata 116

 

Italia-Mondo

Wind Jet, il Codacons presenta esposto alla Procura e alla Corte dei conti

Wind Jet, il Codacons presenta esposto alla Procura e alla Corte dei conti
3

ROMA– Un esposto alla Procura di Roma e alla Corte dei Conti: lo ha presentato il Codacons, l'associazione per i diritti dei consumatori, dopo lo stop dei voli della compagnia Windjet. Il Codacons chiede che la Procura indaghi per l’ipotesi di truffa e appropriazione indebita a carico delle compagnie aeree e dello Stato.
«Il fatto più grave – viene infatti denunciato dal Codacons nell’esposto – è la speculazione dello Stato, che percepisce sui supplementi il 30% di tasse». Il Codacons chiede al premier Monti e al ministro Passera un decreto urgente per congelare la tassazione su questi biglietti «che così scenderebbero a circa 50 euro, sempre troppo ma almeno senza il guadagno dello Stato».
 «Se la tratta con Windjet è costata meno di 80 euro, chiedere 80 euro oggi per riproteggere i viaggiatori può essere una truffa – osserva il presidente del Codacons, Carlo Rienzi - una disgrazia, insomma, non può essere utilizzata come business per le compagnie. Il supplemento pu• essere al massimo al livello della tariffa minima low cost del resto dell’anno, ossia da 9 a 19 euro. Oggi si trovano voli da Roma aòPalermo normali a soli 132 euro (partenza 22 ritorno 29 agosto) o Roma-Londra a 180 euro andata e ritorno, mentre, con la scusa della riprotezione ai consumatori, si chiedono minimo 160 se non 230 euro per l’estero».
Nell’esposto si chiede alla Procura di disporre il sequestro dei soldi versati per i biglietti e ancora nelle casse delle agenzie o dei gestori delle carte di credito per consentirne la restituzione ai viaggiatori prima del versamento alla compagnia in default. «Sembra, infatti – dice Rienzi – siano una massa di danaro non indifferente. In questo modo si potrebbe recuperare qualcosa».
Per i risarcimenti il Codacons consiglia di mandare comunque una raccomandata a/r alla compagnia, «anche se, in caso di fallimento, sar… difficilissimo avere i rimborsi», e una raccomandata alla agenzia o al gestore della carta di credito (se si è pagato tramite agenzia o carta) diffidandoli a non riversare le somme alla compagnia ma a trattenerle per la restituzione.
«Unica strada – conclude Rienzi – è il risarcimento che sarà chiesto agli enti pubblici di controllo, primo tra tutti l’Enac che sapeva benissimo da tempo della situazione e non ha bloccato la vendita dei biglietti per la stagione estiva. Per questo ricorso, che sarà proposto al Tar, si consiglia ai viaggiatori di aderire andando sul blog www.carlorienzi.it e di conservare copia dei biglietti o fatture pagate, compresi i biglietti riacquistati, dopo il crac, dalle altre compagnie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 3
  • Francesco

    14 Agosto @ 11.06

    Anche tu hai ragione, CARLO , ma penso he , alla "povera gente" , si stia facendo "sopportare" ben altro che l' inceneritore. Fino a quando si potrà continuare a " tirare la corda " , prima che si spezzi , non so. Secondo me , se avessimo ancora una "coscienza di classe" avrebbe dovuto essersi spezzata già da un pò, ma, la "coscienza di classe" non l' abbiamo più , e tiriamo a campare alla "io speriamo che me la cavo". Per quanto riguarda l' impianto di Ugozzolo , io non conosco i dettagli del piano finanziario , e Folli neanche , con la differenza che io sono un privato cittadino qualsiasi , mentre lui è un Assessore al Comune di Parma. Mi pare che , i circa 180 milioni di penale ,in caso di mancata realizzazione dell' impianto , non saranno da pagare , perchè sarà terminato a Dicembre , ed entrerà in funzione all' inizio dell' anno prossimo. Restano i circa 20 milioni che IREN potrebbe chiedere come indennizzo al Comune per aver ritardato i lavori con un' ordinanza ingiustificata ed annullata dalla Magistratura Amministrativa. Non ci resta che sperare che ci perdonino..... Certo , sarebbe interessante sapere da IREN perchè l' incenerimento dei rifiuti di Parma debba costare di più dell' incenerimento dei rifiuti di Torino.......

    Rispondi

  • Ricco

    13 Agosto @ 19.40

    @VERCINGE hai ragione, ma pensa anche di vedere la trave nel nostro occhio, ossia ai soldi che dovremo spendere noi cittadini di Parma per la vicenda inceneritore, ma per quanto sopporterà al povera gente tutto questo...

    Rispondi

  • Francesco

    13 Agosto @ 18.38

    Si continua a non capire perchè i debiti di "Wind Jet" debbano essere pagati dallo STATO ,CIOE' DA NOI , o dalle altre Compagnie.

    Rispondi