-2°

Italia-Mondo

L'Iran: "Obama sulla strada sbagliata"

L'Iran: "Obama sulla strada sbagliata"
Ricevi gratis le news
0

Il presidente del Parlamento iraniano Ali Larijani ha criticato Barack Obama per il suo "no" al programma nucleare di Teheran. Secondo Larijani le parole di Obama sono una «ripetizione» di quanto detto dall’amministrazione del presidente uscente George W. Bush. Larijani avverte il presidente americano neo-eletto che sta prendendo «la strada sbagliata».
Ieri Obama ha tenuto la sua prima conferenza stampa dopo la vittoria alle urne. Per quanto riguarda la politica estera ha detto di ritenere «inaccettabile» che l’Iran possa dotarsi di armi nucleari. «Se gli americani vogliono cambiare la loro situazione nella regione - ha detto ancora l'iraniano Larijani - devono mandare i giusti segnali ai popoli di quest’area del mondo».

LA CONFERENZA STAMPA DI IERI SERA.
«Stiamo affrontando la più  grande sfida economica della nostra vita» ed è «una crisi  globale che richiede una risposta globale». Con accanto a sé il vicepresidente eletto Joe Biden e alle  sue spalle l’ex numero uno della Fed Paul Volcker, il presidente  eletto degli Stati Uniti, Barack Obama, ha confermato la  propria volontà di lavorare con gli altri leader mondiali per  uscire tutti insieme dalla crisi.
Ma sin dalle prime battute in questo primo incontro a  Chicago con la stampa dopo la sua elezione a presidente, Obama  ha tenuto a ricordare che il presidente «è uno solo» e si  chiama George W. Bush, fino al 20 gennaio, data alla quale il  presidente eletto si insedierà alla Casa Bianca.

Bush è un presidente in fin di mandato, dal quale Obama si  aspetta però qualche segnale concreto, come l’approvazione di  un primo stralcio dell’ambizioso piano di stimolo che lui  intende avviare una volta alla Casa Bianca per salvare la classe  media. «Appena sarò presidente – ha detto Obama – affronterò la  crisi di petto prendendo le misure necessarie per arginare la  crisi del credito, aiutare le famiglie che lavorano duro, per  restituire crescita e prosperità».

Ormai non c'è più alcun dubbio che l’economia statunitense sia in recessione, ammettono il presidente della Fed di Atlanta, Dennis Lockhart e il National Bureau of Economic Research (Nber). Ed è per questo che il Congresso studia infatti un piano di rilancio dell’economia in due fasi: un pacchetto di stimoli fiscali da 60-100 miliardi di dollari subito, e un secondo all’inizio dell’anno. In quest’ultimo potrebbe rientrare anche un taglio delle tasse permanente. In ogni caso una volta giunto a Washington «la prima misura» che il presidente eletto prenderà sarà un piano di rilancio che aiuti «l'economia a ripartire».

Obama ha incontrato  i giornalisti dopo una prima riunione del  suo team di consiglieri economici, durante il quale è stato tra  l'altro preparato il vertice del G20 in calendario il 15  novembre a Washington. Come aveva anticipato la sua portavoce, Obama non ha annunciato nessuna nomina: né quella – attesissima – del futuro  segretario al Tesoro, né quella del futuro segretario di Stato.
E' pressoché  ufficiale che il presidente eletto non parteciperà al G20 di lunedì, ma praticamente certo  che Obama sarà a Washington nelle ore del Vertice, per una serie di  incontri bilaterali con i leader mondiali. «Incontrerò lunedì a Washington il presidente Bush e anche il premier Berlusconi. Non prevedo problemi. Andrò alla Casa Bianca con spirito bipartisan».
Il presidente francese Nicolas Sarkozy, presidente di turno  dell’Ue, ha  espresso il desiderio di incontrare  Obama appena possibile, per gettare le basi del  secondo vertice del G20, che gli europei auspicano possa tenersi  entro il febbraio prossimo, con Obama insediato alla Casa  Bianca.

La riunione odierna dei consiglieri economici - tra cui pesi  massimi come Warren Buffett o Eric Schmidt della Google - si è  svolta nello storico hotel Hilton di Chicago, a poche centinaia  di metri dal Grant Park, dove centinaia di migliaia di persone  avevano festeggiato pochi giorni prima la vittoria di Obama.
Intorno al tavolo della riunione,  a destra del presidente  eletto sedeva Biden, mentre alla sua sinistra c'era Volcker,  l'anziano ex presidente della Fed che molti vedono al Tesoro. Due dei tre «papabili» per il Tesoro hanno partecipato alla  riunione odierna: oltre a Volcker, c'era l’ex ministro del  Tesoro di  Clinton Larry Summers. Il terzo è Timothy  Geithner, presidente della Fed.
Durante la conferenza stampa Obama ha parlato anche di politica estera (un unico argomento affrontato: il no alla politica nucleare dell'Iran), di curiosità familiari («Preferiamo un cane del canile»), ma ancora di economia e di aiuti al settore automobilistico che sta toccando il «profondo rosso». «Stiamo lavorando a politiche per aiutare il comparto automobilistico». 

Altri articoli alle pagine 2 e 3 della Gazzetta di Parma in edicola oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

1commento

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande