Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Eventi a Parma

Mister Gay 2013 è ex calciatore. "Premio coraggio" a un iracheno

Mister Gay 2013 è ex calciatore. "Premio coraggio" a un iracheno
4

Il nuovo "reginetto" gay d’Italia è Giovanni Licchello, ex calciatore 26enne originario di Ferrara che vive e lavora a Brindisi come rappresentante. Speciale Premio «Coraggio» a Hussiyen Adnan, iracheno rifugiato politico a Torino, la fascia di Mr. Sorriso va all’insegnante spezzino di matematica e fisica Michele Ratti nella finale nazionale della 17/a edizione di Mister Gay Italia, concorso organizzato dal portale Gay.it, che si è svolta, al "Mamamia" di Torre del Lago. Ad aggiudicarsi la fascia di ragazzo più bello e rappresentativo del mondo gay, battendo gli altri sei concorrenti, è stato Giovanni Licchello, 26 enne nato a Ferrara e residente a Brindisi, dove lavora come rappresentante di prodotti per studi dentistici. Single, ex calciatore, Giovanni ha colpito la giuria raccontando l’episodio legato a una cicatrice sul sopracciglio, che si è procurato difendendo un amico picchiato in una discoteca eterosessuale, perchè gay. «Ho preso parte al concorso – ha spiegato – per trasmettere agli altri il coraggio di esporsi».

Uno dei finalisti, l’iracheno Hussyien Adnan, ha condiviso con il pubblico la propria storia di rifugiato politico in Italia, fuggito dal suo Paese a causa dalle ripetute molestie e percosse subite dalla famiglia di origine che, non accettando la sua omosessualità, chiedeva per lui la condanna a morte. Dopo 2 anni passati in Germania, Hussyien si è trasferito a Torino dove ha trovato una nuova famiglia: una coppia gay unita da molti anni. «Ho due papà – ha raccontato – che mi accudiscono e mi hanno dato la possibilità di studiare e lavorare». Per premiare il messaggio di libertà lanciato da Hussyien la giuria ha istituito uno speciale Premio «Coraggio».
«Mister Gay sorriso» è la fascia assegnata invece a Michele Ratti, 39enne professore di matematica e fisica di La Spezia, gay dichiarato dai tempi dell’Università e orgoglioso di esserlo. Oltre a lavorare come professore in una scuola superiore privata paritaria di Spezia, Michele che vive ad Albiano Magra (una frazione del comune di Aulla in provincia di Massa-Carrara), ha da poco aperto uno studio a S.Stefano Magra per l’insegnamento delle due materie, un progetto che prende il nome «Matematica+Mente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 4