Giovani artisti

Il mARTEdì - Serena de Gier

Il mARTEdì - Serena de Gier

Serena de Gier

0

 

Margherita Portelli
Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.
Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli? E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?
Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.
29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…
29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.
C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?
Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa. 
Come ti sei avvicinata alla pittura?
Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.
Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…
Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.
La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com
 
Margherita Portelli

 

Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.

Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli?

 E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.

29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…

29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.

C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?

Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa.

Come ti sei avvicinata alla pittura?

Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.

Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…

Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti