-2°

Giovani artisti

Il mARTEdì - Serena de Gier

Il mARTEdì - Serena de Gier

Serena de Gier

0

 

Margherita Portelli
Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.
Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli? E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?
Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.
29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…
29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.
C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?
Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa. 
Come ti sei avvicinata alla pittura?
Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.
Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…
Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.
La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com
 
Margherita Portelli

 

Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.

Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli?

 E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.

29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…

29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.

C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?

Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa.

Come ti sei avvicinata alla pittura?

Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.

Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…

Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Noceto, tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

1commento

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

24commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

2commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto