12°

Giovani artisti

Il mARTEdì - Serena de Gier

Il mARTEdì - Serena de Gier

Serena de Gier

0

 

Margherita Portelli
Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.
Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli? E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?
Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.
29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…
29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.
C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?
Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa. 
Come ti sei avvicinata alla pittura?
Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.
Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…
Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.
La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com
 
Margherita Portelli

 

Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.

Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli?

 E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.

29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…

29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.

C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?

Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa.

Come ti sei avvicinata alla pittura?

Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.

Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…

Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hugh Jackman: "Ho un nuovo carcinoma alla pelle"

cinema

Hugh Jackman: "Ho un nuovo carcinoma alla pelle"

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

gossip

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

Reggiana avanti con il Lumezzane: 1-0

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

6commenti

SCUOLA

Traversetolo, in bagno solo all'intervallo

5commenti

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

5commenti

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

la domenica

Sapore di Carnevale, ciaspole e... Schifitombola: l'agenda

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Soragna

Senza patente da sempre, maxi-multa

8commenti

Gazzareporter

Il sole "accende" i colori in Ghiaia

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

4commenti

gazzareporter

Furgone "incastrato" nel fossato tra Fugazzolo e Casaselvatica: foto

Milano

Meningite, 14enne grave: anche Signorelli dell'Università di Parma nella task force della Regione

SCUOLA

Troppe richieste per il Marconi: si andrà al sorteggio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

Austria

Cadavere nel bagagliaio: italiano ricercato per omicidio

WEEKEND

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv