-3°

langhirano

Crisi, il commercio in difficoltà: tanti negozi vuoti

Nel 2013, ventidue chiusure e 19 nuove attività. Gli imprenditori: sbagliato chiudere il centro. Di Noto: se resiste la cultura ci sono speranze

Langhirano

La crisi dei commercianti a Langhirano

Ricevi gratis le news
0

 

Passeggiare per il centro di Langhirano, anche al sabato mattina, momento da sempre dedicato allo shopping, offre atmosfere non troppo incoraggianti. La crisi ha colpito senza distinzioni: i clienti sono calati tanto a Parma quanto nei paesi di provincia. E anche Langhirano risente del momento difficile. Tanto che in piazza Garibaldi e via Mazzini le vetrine sfitte si rincorrono e i cartelli che si rivolgono a nuovi potenziali investitori e aspiranti commercianti sono davvero tanti.
Chi volesse aprire un negozio a Langhirano oggi avrebbe l’imbarazzo della scelta. Ma sarebbe davvero una scelta saggia? Ne abbiamo parlato proprio con i commercianti che «resistono», sia quelli storici che quelli più giovani. E le risposte non rincuorano.
«Sono tempi duri per tutti – spiegano Francesca ed Elisa, del negozio IperSoap -. Gira poca gente. Il lunedì, in occasione del mercato, c'è più movimento, ma la situazione non è rosea. Il nostro negozio lavora molto sulle promozioni e dal momento che vendiamo beni necessari per la gestione e la pulizia domestica per fortuna i clienti da noi non mancano mai. Ma le cose sono cambiate molto. Cerchiamo di essere coesi, insieme agli altri commercianti, aderendo sempre alle aperture festive e serali in occasione del Festival del prosciutto e delle feste di paese, per dare sferzate che possano risvegliare tutti».
I dati non sono positivi, anche se sono meno drammatici di quando possa apparire ad una prima analisi: nell’ultimo anno hanno cessato 5 attività ma ne hanno aperte 6 nel settore alimentare; in quello non alimentare 17 hanno chiuso mentre 13 hanno aperto. Tanti invece hanno cambiato «muri»: si sono trasferiti, magari di poche centinaia di metri, per spendere meno d’affitto. Qualcuno però ha proprio cessato l’attività: un negozio di scarpe della piazza e un fruttivendolo che lavorava da tre generazioni hanno abbassato definitivamente la saracinesca.
«Le cose vanno male – spiegano alla profumeria Bergonzi di via Mazzini -. Se chiude un fruttivendolo in centro vuol dire che va proprio male... certo, oggi la gente si serve al supermercato e questo rovina i piccoli commercianti. Langhirano è cambiata molto, il mercato del lunedì ad esempio è sempre più scadente e questo rovina anche i commercianti e impoverisce il paese; l’amministrazione si illude che chiudendo il centro al traffico si possa dare nuova linfa ai negozi ma noi temiamo il contrario: non ci sono parcheggi e le persone passeggiano sempre meno. Non verrà più nessuno».
E tra i profumi del negozio, accanto alle storiche titolari, spunta il volto di una giovanissima: «Mentre studio Giurisprudenza aiuto mia madre e mia nonna qui in profumeria – spiega Costanza Montali -. La situazione è complessa: i giovani hanno sempre meno opportunità e Langhirano sta lentamente collassando su se stessa. Ci sarebbe bisogno di un’inversione di tendenza. Di riscoprire la qualità e di non guardare solo alle apparenti convenienze dei centri commerciali».
Chi compra sta sempre più attento a evitare il superfluo: la crisi ha abituato a questo. Eppure secondo qualcuno non è soltanto colpa dei disagi economici: «La responsabilità è anche di chi amministra – spiega Angela Bottazzi dell’omonima salumeria del centro -. Avevamo le fioriere in piazza e le hanno portate al Consorzio del prosciutto, quando il Comune organizza le feste per le scuole e le iniziative istituzionali si serve al supermercato anziché far lavorare a turno le piccole attività del borgo, tanti vogliono chiudere. Io resisto perché non devo pagare l’affitto. Ormai questo è un paese di disperati, c'è da rimettere a posto tutto, ricominciando da capo».
C'è anche chi ancora lavora bene, tuttavia: «Noi abbiamo il negozio da oltre 20 anni – dice Samantha Rossi del New Line -. Ci sono stati tempi migliori, sì, ma non ci lamentiamo. Se ci fossero parcheggi comodi si potrebbe davvero pensare di chiudere al traffico il centro, ma non so se basterebbe per riportare il “giro” a Langhirano».
Tra tante difficoltà, chi cerca di invertire la tendenza c'è in effetti, come Jacopo Di Noto Marrella, che ha rilevato la libreria Liberamente due anni fa, in via Mazzini: «Fortunatamente a Natale si regalano ancora i libri – sorride -. Non è facile. Essendo però l’unica libreria nel raggio di tanti chilometri resistiamo e ci sforziamo di dimostrare che una libreria in un paese è fondamentale, anche per il messaggio che porta con sé. Un paese in cui la cultura resiste è un paese che ha delle speranze».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

carabinieri sera

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Evasione di tasse in Olanda: l'Unione europea apre un'indagine su Ikea

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento