19°

32°

langhirano

Crisi, il commercio in difficoltà: tanti negozi vuoti

Nel 2013, ventidue chiusure e 19 nuove attività. Gli imprenditori: sbagliato chiudere il centro. Di Noto: se resiste la cultura ci sono speranze

Langhirano

La crisi dei commercianti a Langhirano

0

 

Passeggiare per il centro di Langhirano, anche al sabato mattina, momento da sempre dedicato allo shopping, offre atmosfere non troppo incoraggianti. La crisi ha colpito senza distinzioni: i clienti sono calati tanto a Parma quanto nei paesi di provincia. E anche Langhirano risente del momento difficile. Tanto che in piazza Garibaldi e via Mazzini le vetrine sfitte si rincorrono e i cartelli che si rivolgono a nuovi potenziali investitori e aspiranti commercianti sono davvero tanti.
Chi volesse aprire un negozio a Langhirano oggi avrebbe l’imbarazzo della scelta. Ma sarebbe davvero una scelta saggia? Ne abbiamo parlato proprio con i commercianti che «resistono», sia quelli storici che quelli più giovani. E le risposte non rincuorano.
«Sono tempi duri per tutti – spiegano Francesca ed Elisa, del negozio IperSoap -. Gira poca gente. Il lunedì, in occasione del mercato, c'è più movimento, ma la situazione non è rosea. Il nostro negozio lavora molto sulle promozioni e dal momento che vendiamo beni necessari per la gestione e la pulizia domestica per fortuna i clienti da noi non mancano mai. Ma le cose sono cambiate molto. Cerchiamo di essere coesi, insieme agli altri commercianti, aderendo sempre alle aperture festive e serali in occasione del Festival del prosciutto e delle feste di paese, per dare sferzate che possano risvegliare tutti».
I dati non sono positivi, anche se sono meno drammatici di quando possa apparire ad una prima analisi: nell’ultimo anno hanno cessato 5 attività ma ne hanno aperte 6 nel settore alimentare; in quello non alimentare 17 hanno chiuso mentre 13 hanno aperto. Tanti invece hanno cambiato «muri»: si sono trasferiti, magari di poche centinaia di metri, per spendere meno d’affitto. Qualcuno però ha proprio cessato l’attività: un negozio di scarpe della piazza e un fruttivendolo che lavorava da tre generazioni hanno abbassato definitivamente la saracinesca.
«Le cose vanno male – spiegano alla profumeria Bergonzi di via Mazzini -. Se chiude un fruttivendolo in centro vuol dire che va proprio male... certo, oggi la gente si serve al supermercato e questo rovina i piccoli commercianti. Langhirano è cambiata molto, il mercato del lunedì ad esempio è sempre più scadente e questo rovina anche i commercianti e impoverisce il paese; l’amministrazione si illude che chiudendo il centro al traffico si possa dare nuova linfa ai negozi ma noi temiamo il contrario: non ci sono parcheggi e le persone passeggiano sempre meno. Non verrà più nessuno».
E tra i profumi del negozio, accanto alle storiche titolari, spunta il volto di una giovanissima: «Mentre studio Giurisprudenza aiuto mia madre e mia nonna qui in profumeria – spiega Costanza Montali -. La situazione è complessa: i giovani hanno sempre meno opportunità e Langhirano sta lentamente collassando su se stessa. Ci sarebbe bisogno di un’inversione di tendenza. Di riscoprire la qualità e di non guardare solo alle apparenti convenienze dei centri commerciali».
Chi compra sta sempre più attento a evitare il superfluo: la crisi ha abituato a questo. Eppure secondo qualcuno non è soltanto colpa dei disagi economici: «La responsabilità è anche di chi amministra – spiega Angela Bottazzi dell’omonima salumeria del centro -. Avevamo le fioriere in piazza e le hanno portate al Consorzio del prosciutto, quando il Comune organizza le feste per le scuole e le iniziative istituzionali si serve al supermercato anziché far lavorare a turno le piccole attività del borgo, tanti vogliono chiudere. Io resisto perché non devo pagare l’affitto. Ormai questo è un paese di disperati, c'è da rimettere a posto tutto, ricominciando da capo».
C'è anche chi ancora lavora bene, tuttavia: «Noi abbiamo il negozio da oltre 20 anni – dice Samantha Rossi del New Line -. Ci sono stati tempi migliori, sì, ma non ci lamentiamo. Se ci fossero parcheggi comodi si potrebbe davvero pensare di chiudere al traffico il centro, ma non so se basterebbe per riportare il “giro” a Langhirano».
Tra tante difficoltà, chi cerca di invertire la tendenza c'è in effetti, come Jacopo Di Noto Marrella, che ha rilevato la libreria Liberamente due anni fa, in via Mazzini: «Fortunatamente a Natale si regalano ancora i libri – sorride -. Non è facile. Essendo però l’unica libreria nel raggio di tanti chilometri resistiamo e ci sforziamo di dimostrare che una libreria in un paese è fondamentale, anche per il messaggio che porta con sé. Un paese in cui la cultura resiste è un paese che ha delle speranze».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Casaltone, un paese diviso in due

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

Poggio di Sant'Ilario

Da fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande