12°

Langhirano

Incidente con capriolo: Provincia condannata

Incidente con capriolo: Provincia condannata

Capriolo travolto

8

Sulla strada Massese, di fronte al Castello di Torrechiara, ci sono troppi caprioli che attraversano la strada e mettono in pericolo gli automobilisti.
Lo dice il giudice di Pace di Langhirano, che attribuisce la responsabilità alla Provincia, per non aver adottato tutte le misure contro il sovraffollamento della fauna selvatica.
Così ha dato ragione ad un’automobilista, che chiedeva all’ente di piazzale della Pace un risarcimento danni di 2.458 euro per l’incidente provocato dall’urto dell’auto con un capriolo. La sentenza è del 14 gennaio 2015, e si innesta in un più ampio fenomeno, quello delle cause di risarcimento danni verso le pubbliche amministrazioni, di cui si sente sempre più spesso parlare, in aumento come gli incidenti, nelle arterie di traffico, fra auto e animali selvatici.
Il caso in questione riguarda la signora R. U., assistita dall’avvocato Massimiliano Ghirardi. L’auto era di sua proprietà, ma alla guida c’era un’altra persona, che di notte stava procedendo da Langhirano verso Parma, quando all’improvviso è sbucato un capriolo, all’altezza del Castello di Torrechiara, all’incrocio con la strada La Badia. Il sinistro è avvenuto parecchio tempo fa, più precisamente il 12 maggio del 2013, alle ore 4.40. Ci sono state quattro udienze, la prima l’11 dicembre 2013, poi tre nel 2014, per ascoltare testimoni, forze dell’ordine e anche l’ex assessore provinciale alle infrastrutture e al territorio. La proprietaria dell’automobile sostiene che l’incidente si è verificato per responsabilità della provincia, accusata di «comportamento colposo nella gestione della fauna selvatica» e di omissione nell’adottare «tutte le cautele atte alla salvaguardia degli utenti della strada».
La Provincia, seguita da un legale, si è opposta alla richieste di risarcimento, convinta che la domanda di risarcimento fosse «generica, infondata in fatto e in diritto, non provata ed eccessiva». In più – dice la Provincia - in quel tratto di strada è presente «abbondante segnaletica verticale di pericolo di attraversamento animali selvatici vaganti».
Ma per la controparte non bastano i cartelli: servono «recinzioni lungo i tratti stradali sui quali è frequente questo tipo di incidenti, catarifrangenti a riflessi direzionale posti a bordo della strada» e un piano di gestione della fauna selvatica.
Una tesi accolta dal giudice di pace Pasquale Giuliani, perché «l’ente Provincia ha l’onere di redigere il piano faunistico venatorio ed i correlativi piani di abbattimento della popolazione degli animali, al fine di mantenere il rapporto adeguato di proporzionalità tra territorio e popolazione».
Il giudice riporta la testimonianza di un carabiniere, che dice di aver notato, durante i pattugliamenti, la presenza di animali selvatici lungo le strade e che ci sono state richieste di intervento per danni analoghi. Quindi, già prima del sinistro, - sostiene il giudice - c’é un problema di pericolo, tale da allertare le autorità locali e la Provincia. Perciò ha condannato l’ente a risarcire il danno e in più a pagare le spese di giudizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • annamaria

    18 Gennaio @ 21.54

    Scommetto che il giudice è un cacciatore. Con questa sentenza ne sentiremo di urla da parte sia dei cacciatori sia della Provincia (anche se smantellata) che aspetta solo di dar loro ragione per evitare di essere stressata (nelle persone del suo personale e dirigenti).

    Rispondi

  • ginetta20

    18 Gennaio @ 21.16

    Il 24 Dicembre 2013 attraversando il ponte sul taro che da Medesano porta a Collecchio mi e saltato in strada un cinghiale........morale.....3.500 € di danni pagati .la provincia mi rispose che essendoci i cartelli che segnalano la presenza di animali selvatici non rispondono dei danni.

    Rispondi

  • federicot

    18 Gennaio @ 18.55

    federicot

    Io condannerei l'automobilista perchè ha usato l'auto e ha inquinato anche la mia aria.

    Rispondi

  • nerosso

    18 Gennaio @ 16.54

    spesso questi incidenti potrebbero essere evitati se gli automobilisti prestassero maggiore attenzione e osservassero le regole di condotta.....gli eventi lo dimostrano e non si può pretendere di viaggiare senza alcun ostacolo imprevisto....

    Rispondi

    • salamandra

      18 Gennaio @ 18.14

      In parte è vero ma un capriolo che ti si butta davanti alla macchina lo centri anche ai 30 all'ora.

      Rispondi

      • jumbler

        19 Gennaio @ 09.30

        Anche un bambino che ti si butta davanti alla macchina lo centri ai 30 all'ora.

        Rispondi

        • salamandra

          19 Gennaio @ 12.36

          E quindi?

          Rispondi

        • Francesco

          19 Gennaio @ 13.18

          Sono un perito assicurativo che opera nella provincia di Reggio Emilia, mi occupo di questo tipo di sinistri e vi assicuro che ne ho contati almeno 150 in un anno. Ho visto un motociclista finire in una scarpata ed un auto rotolata lungo un pendio. A volte il danno materiale è il male minore. Premesso che quel tratto di strada non si percorre ai 30 all'ora, si presume che un bambino abbia dei genitori che gli insegnano come attraversare e lo controllano e pertanto può essere un caso isolato se arttareversa all'improvviso. I caprioli non li istruisce nessuno, si buttano in strada e ti possono colpire anche sulla fiancata. Posso solo suggerire a chi viene colpito di fare immediatamente le foto sul posto, chiamare il 118 per far rimuovere l'animale se è morto o ferito e farsi dare il verbale di recupero. Se i Carabinieri non intervengono sul posto bisogna fare denuncia il giorno successivo e farsi tutelare da un legale.

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Appennino reggiano

Scontro fra moto: intervengono due elicotteri, un ferito grave portato a Parma 

L'altro motociclista è stato portato a Baggiovara (Modena)

SQUADRA MOBILE

Nigeriane costrette a prostituirsi: arrestata donna complice del racket

Dalle indagini, il racconto dell'odissea delle ragazze reclutate in Africa

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia