14°

31°

TESTIMONIANZA

Langhirano-Istanbul: il golpe "vissuto" in diretta

Parla Samuele Tavani, fino a marzo in Turchia: "I militari ci hanno provato ma il Paese è cambiato"

"I militari ci hanno provato. Ma la Turchia è cambiata"
Ricevi gratis le news
0

Era in Turchia con il progetto Erasmus fino a fine marzo, Samuele Tavani, langhiranese laureato in Scienze politiche e segretario del circolo Pd. Ecco la sua "lettura" del golpe fallito e i racconti degli amici ancora là.

1960, 1980, 1997. Ci provarono, in maniera "soft", anche nel 2007, quando si opposero all'elezione di Abdullah Gul a presidente della Repubblica. I militari turchi hanno una lunga storia di colpi di stato. Il ruolo di difensori dell'ordine kemalista, cucitogli addosso da Ataturk, il fondatore della moderna Repubblica turca, si è però incrinato proprio dopo il 2007, con le riforme di Erdogan che hanno tolto potere di "tutela" ai militari. Nella notte di ieri però ci hanno riprovato. Intorno alle 22 un gruppo di militari ha preso possesso della sede di TRT, la tv di stato turca, invaso Istanbul e Ankara con carri armati e fanteria e annunciato la deposizione del governo per "ristabilire i diritti umani e la democrazia".
A differenza del 1997 però, quando invece riuscirono ad arrestare il primo ministro Necmettin Erbakan, padre politico dell'attuale Pesidente, e a deporre il suo governo islamista, Erdogan ha tenuto ed è riuscito a mobilitare la popolazione, chiamarla a protestare contro i golpisti e far fallire il tentativo, maldestro, di colpo di stato. Al momento il governo ha ripreso possesso dei suoi poteri e ha ristabilito il controllo. È iniziata una catena di arresti che probabilmente durerà ancora per molto. Alcuni gruppi di militari golpisti non si sono ancora arresi ma la situazione sembra stia rientrando nella normalità.

Un collega, studente universitario, tra i primi a scendere in strada in sostegno del governo contro i golpisti, mi racconta in diretta da Istanbul di un clima di "grande mobilitazione, dove vecchi e giovani, conservatori e progressisti sono tutti scesi in strada contro i militari ribelli": 《Eravamo sul ponte e fronteggiavamo i militari, disarmati. La gente che si avvicinava ai carrarmati veniva colpita. Non avevo mai visto gente morire di fianco a me prima di ieri. È stato terribile, ma anche emozionante. E più i militari sparavano, più la gente prendeva coraggio e scendeva nelle strade. Il colpo è fallito perché i golpisti non hanno trovato sostegno tra la popolazione.

Il clima che mi viene descritto da amici e colleghi è di incredulità. Alcuni non ci potevano credere, altri parlano di vittoria della democrazia e sottolineano il fatto che in strada sono scesi sia sostenitori del governo che gente con orientamenti diversi. Pochi si aspettavano che qualcosa di simile potesse accadere in Turchia, nel 2016. La vita però continua e, come sempre, la situazione, in termini di vita quotidiana, è comunque meno tragica di come viene descritta dai media internazionali. I turchi sapranno rimboccarsi le maniche e ripartire.

Certo è che il periodo non è dei migliori: dopo i morti negli attentati jihadisti, il rinnovo delle sfide indipendentiste del PKK e la situazione nella confinate Siria, mancava giusto un colpo di stato per completare il quadro di grande instabilità politica che ha avvolto la Turchia. Personalmente, posso dire che stavo proprio parlando di questa ipotesi qualche tempo fa, con alcuni amici che vivono e lavorano in Turchia. Ragion per cui non sono del tutto sorpreso da questo tentativo. I colpi di stato fanno parte della storia turca e la storia tende a ripetersi. Comunque vada, ora è ancora presto per tirare delle conclusioni e capire le dinamiche. Il governo accusa il movimento di Gülen. Altri pensano sia stato un colpo di teatro più che di stato, orchestrato da Erdogan per favorire la riforma della costituzione in senso presidenziale - una sorta di strategia della tensione. Quel che è certo è che circa 150 persone sono morte e che Erdogan ha dimostrato di essere più saldo che mai al comando. Ci vorrà ben altro per sconfiggerlo. E questo "altro" dovrà avere le sembianze di un movimento politico in grado di offrire ai turchi una vera alternativa di governo. Con buona pace della vecchia Turchia, dove i militari facevano il bello e il cattivo tempo e avevano il sostegno incondizionato del popolo. La speranza è che questo ennesimo episodio di violenza e di instabilità apra la via a un sentimento di riconciliazione nazionale in chiave anti autoritaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Daria Bignardi lascia la Rai

tv

Daria Bignardi lascia la Rai

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

tribunale

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

1commento

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

LA PERIZIA

Il massacro di Gabriela e Kelly, Turco e il figlio sani di mente

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

Ateneo

Iscrizioni all'Università, alcuni corsi subito "bruciati". Con polemica

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

1commento

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Prevenzione

«Intervenire sul Baganza»

PARMA

Insigne jr: «Lorenzo è il mio modello»

Comune

Presto al Duc la «Fontana delle religioni»

2commenti

serie b

Parma, c'è passione: chiusa la prima fase degli abbonamenti a quota 4.700

E oggi seconda amichevole contro la Settaurense (ore 17)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

16commenti

ITALIA/MONDO

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

parigi

Gas al peperoncino contro i migranti di Calais

SPORT

CASSANO

Fantantonio e il contrordine del contrordine

4commenti

legino

Da Savona: "Cassano vieni qui, ti paghiamo in farinata"

SOCIETA'

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

francia

Le fiamme devastano il golfo di Saint-Tropez

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video