TESTIMONIANZA

Langhirano-Istanbul: il golpe "vissuto" in diretta

Parla Samuele Tavani, fino a marzo in Turchia: "I militari ci hanno provato ma il Paese è cambiato"

"I militari ci hanno provato. Ma la Turchia è cambiata"
0

Era in Turchia con il progetto Erasmus fino a fine marzo, Samuele Tavani, langhiranese laureato in Scienze politiche e segretario del circolo Pd. Ecco la sua "lettura" del golpe fallito e i racconti degli amici ancora là.

1960, 1980, 1997. Ci provarono, in maniera "soft", anche nel 2007, quando si opposero all'elezione di Abdullah Gul a presidente della Repubblica. I militari turchi hanno una lunga storia di colpi di stato. Il ruolo di difensori dell'ordine kemalista, cucitogli addosso da Ataturk, il fondatore della moderna Repubblica turca, si è però incrinato proprio dopo il 2007, con le riforme di Erdogan che hanno tolto potere di "tutela" ai militari. Nella notte di ieri però ci hanno riprovato. Intorno alle 22 un gruppo di militari ha preso possesso della sede di TRT, la tv di stato turca, invaso Istanbul e Ankara con carri armati e fanteria e annunciato la deposizione del governo per "ristabilire i diritti umani e la democrazia".
A differenza del 1997 però, quando invece riuscirono ad arrestare il primo ministro Necmettin Erbakan, padre politico dell'attuale Pesidente, e a deporre il suo governo islamista, Erdogan ha tenuto ed è riuscito a mobilitare la popolazione, chiamarla a protestare contro i golpisti e far fallire il tentativo, maldestro, di colpo di stato. Al momento il governo ha ripreso possesso dei suoi poteri e ha ristabilito il controllo. È iniziata una catena di arresti che probabilmente durerà ancora per molto. Alcuni gruppi di militari golpisti non si sono ancora arresi ma la situazione sembra stia rientrando nella normalità.

Un collega, studente universitario, tra i primi a scendere in strada in sostegno del governo contro i golpisti, mi racconta in diretta da Istanbul di un clima di "grande mobilitazione, dove vecchi e giovani, conservatori e progressisti sono tutti scesi in strada contro i militari ribelli": 《Eravamo sul ponte e fronteggiavamo i militari, disarmati. La gente che si avvicinava ai carrarmati veniva colpita. Non avevo mai visto gente morire di fianco a me prima di ieri. È stato terribile, ma anche emozionante. E più i militari sparavano, più la gente prendeva coraggio e scendeva nelle strade. Il colpo è fallito perché i golpisti non hanno trovato sostegno tra la popolazione.

Il clima che mi viene descritto da amici e colleghi è di incredulità. Alcuni non ci potevano credere, altri parlano di vittoria della democrazia e sottolineano il fatto che in strada sono scesi sia sostenitori del governo che gente con orientamenti diversi. Pochi si aspettavano che qualcosa di simile potesse accadere in Turchia, nel 2016. La vita però continua e, come sempre, la situazione, in termini di vita quotidiana, è comunque meno tragica di come viene descritta dai media internazionali. I turchi sapranno rimboccarsi le maniche e ripartire.

Certo è che il periodo non è dei migliori: dopo i morti negli attentati jihadisti, il rinnovo delle sfide indipendentiste del PKK e la situazione nella confinate Siria, mancava giusto un colpo di stato per completare il quadro di grande instabilità politica che ha avvolto la Turchia. Personalmente, posso dire che stavo proprio parlando di questa ipotesi qualche tempo fa, con alcuni amici che vivono e lavorano in Turchia. Ragion per cui non sono del tutto sorpreso da questo tentativo. I colpi di stato fanno parte della storia turca e la storia tende a ripetersi. Comunque vada, ora è ancora presto per tirare delle conclusioni e capire le dinamiche. Il governo accusa il movimento di Gülen. Altri pensano sia stato un colpo di teatro più che di stato, orchestrato da Erdogan per favorire la riforma della costituzione in senso presidenziale - una sorta di strategia della tensione. Quel che è certo è che circa 150 persone sono morte e che Erdogan ha dimostrato di essere più saldo che mai al comando. Ci vorrà ben altro per sconfiggerlo. E questo "altro" dovrà avere le sembianze di un movimento politico in grado di offrire ai turchi una vera alternativa di governo. Con buona pace della vecchia Turchia, dove i militari facevano il bello e il cattivo tempo e avevano il sostegno incondizionato del popolo. La speranza è che questo ennesimo episodio di violenza e di instabilità apra la via a un sentimento di riconciliazione nazionale in chiave anti autoritaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti