galleria nazionale

Monumento a Verdi, tra arte e nostalgia

Nel libro di Barbara Zilocchi la ricostruzione storica e tante immagini. Nella pubblicazione carte preparatorie, documentazione di cantiere e disegni

Monumento a Verdi, tra arte e nostalgia
0

Requiem per un monumento. Perché in fondo, la storia raccontata da Barbara Zilocchi nel suo ultimo libro «Parma. Monumento a Giuseppe Verdi. Ideazione, costruzione e demolizione» non è che il ricordo di qualcosa che non esiste più. Nella sontuosa cornice della Galleria Nazionale, a pochi passi dall’ara «superstite» del grandioso impianto monumentale approfondito nel volume, è andata in scena la presentazione del libro edito da Grafiche Step (149 pagine, 30 euro).
Introdotta dalla «padrona di casa» Mariella Utili, soprintendente per i Beni storici artistici ed etnoantropologici di Parma e Piacenza, l’autrice si è poi confrontata con il numeroso pubblico, non prima, però, di aver ascoltato l’accurata presentazione ad opera del docente di Storia dell’architettura dell’Università di Parma Carlo Mambriani. L’opera dedicata al cigno di Busseto era situata di fronte alla stazione ferroviaria, nell’area dove si trova via Verdi; costituita da un arco di trionfo sormontato da leoni trainanti un carro mitologico, venne danneggiata durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. «A qualche mese dalla ricorrenza del bicentenario verdiano e a pochi giorni dalla consegna alla città del suo nuovo assetto ferroviario, ci troviamo oggi a presentare questo interessante volume, il cui oggetto di studio è davvero importante. Il confronto sorge quindi spontaneo: con lo stesso numero di anni di cantiere, quello che abbiamo realizzato oggi è paragonabile come risultato d’immagine a quello che venne fatto nel 1913? Io da architetto ho qualche dubbio». Il volume della Zilocchi approfondisce numerose tematiche relative all’opera dell’architetto Lamberto Cusani e dello scultore Ettore Ximenes, e riporta carte preparatorie, disegni esecutivi documentazione di cantiere ed interessanti fotografie. Ma perché, dopo i danni dei bombardamenti della seconda guerra mondiale si decise di non ricostruire il monumento e di distruggerlo? «Ci sarebbero volute 65 mila lire per ricostruirlo e se ne spesero 45 mila per demolirlo - ha accennato la Zilocchi -. C’era forse la volontà di recuperare l’area per insediamenti postbellici, ma non dimentichiamoci nemmeno che quel monumento era in qualche modo un simbolo, dedicato a un eroe dell’Italia unita, dell’annessione al regno di Sardegna. Diciamo che probabilmente non si comprese, al tempo, il reale valore di quel monumento». Alla presentazione sono intervenuti, tra gli altri, anche gli eredi di Lamberto Cusani, che hanno messo a disposizione dell’autrice la documentazione contenuta nell’archivio del loro avo per il lavoro di ricerca necessario alla redazione del volume.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti