17°

fiaccadori

Parma di una volta nel libro di Alda Magnani

L'autrice: «Ho scritto dei miei ricordi e di personaggi noti». Isa Guastalla: «E' il ritratto di una città complessa»

Parma di una volta nel libro di Alda Magnani
0

 

Giulia Viviani
Come restituire lo spirito di una città in meno di cento pagine? Lo fa Alda Magnani, con i suoi «Racconti parmigiani» (Edizioni ETS), presentati ieri alla Libreria Fiaccadori dall’autrice stessa, introdotta da Isa Guastalla e con le letture di Stefania Moroni. Nocetana, laureata in lettere, per anni ha insegnato italiano e latino in molti licei cittadini, ultimo prima di andare in pensione, lo scientifico Ulivi, da tempo si dedica alla poesia, con diversi volumi pubblicati e concorsi vinti, e ultimamente anche alla prosa, genere a cui afferiscono questi nuovi racconti, come quelli contenuti nella precedente raccolta, «Racconti nocetani», uscita lo scorso anno. «Ne esce il ritratto di una città complessa - spiega Isa Guastalla - fatta di personaggi veri o verosimili, che intrattengono rapporti e conversazioni dal sapore assolutamente reale». È il clima affettuoso di recupero in cui l’autrice colloca questi suoi personaggi a renderli significativi per la storia di una città, raccontata con semplicità ed essenzialità dall’occhio di un io narrante che dà continuità. 
«Nel libro ci sono io con i miei ricordi - racconta Alda Magnani - quelli accumulati da quando i miei genitori decisero di mandarmi a studiare a Parma. Poi però ci sono anche personaggi noti a tutti come Padre Lino o Barbara Sanseverino, o la «Boia», pronipote del boia di epoca ducale alla quale la gente si rivolgeva per far «segnare» i mali». Poi ci sono i personaggi inventati che però sembrano usciti da una fotografia d’epoca, anziché dalla fantasia di una scrittrice, come le vecchine dell’Oltretorrente che ogni giorno si ritrovano sotto casa per farsi compagnia. Immagini di una Parma che forse non c'è più, ma di cui si conserva lo spirito in posti speciali, come sono senz’altro le pagine dei libri. Il volume «Racconti parmigiani» si può trovare alla Libreria Fiaccadori ed ha una caratteristica che lo rende ancor più prezioso: lo scopo benefico. 
«Il ricavato sarà interamente devoluto alla costruzione di case per i poveri villaggi dell’Uruguay, di cui ho conosciuto la realtà grazie a don Giuseppe Benfenati che ha iniziato un’opera importante negli anni '80, dando abitazioni degne a chi vive ancora sotto tetti di paglia».
Giulia Viviani

 

Come restituire lo spirito di una città in meno di cento pagine? Lo fa Alda Magnani, con i suoi «Racconti parmigiani» (Edizioni ETS), presentati ieri alla Libreria Fiaccadori dall’autrice stessa, introdotta da Isa Guastalla e con le letture di Stefania Moroni. Nocetana, laureata in lettere, per anni ha insegnato italiano e latino in molti licei cittadini, ultimo prima di andare in pensione, lo scientifico Ulivi, da tempo si dedica alla poesia, con diversi volumi pubblicati e concorsi vinti, e ultimamente anche alla prosa, genere a cui afferiscono questi nuovi racconti, come quelli contenuti nella precedente raccolta, «Racconti nocetani», uscita lo scorso anno. «Ne esce il ritratto di una città complessa - spiega Isa Guastalla - fatta di personaggi veri o verosimili, che intrattengono rapporti e conversazioni dal sapore assolutamente reale». È il clima affettuoso di recupero in cui l’autrice colloca questi suoi personaggi a renderli significativi per la storia di una città, raccontata con semplicità ed essenzialità dall’occhio di un io narrante che dà continuità. «Nel libro ci sono io con i miei ricordi - racconta Alda Magnani - quelli accumulati da quando i miei genitori decisero di mandarmi a studiare a Parma. Poi però ci sono anche personaggi noti a tutti come Padre Lino o Barbara Sanseverino, o la «Boia», pronipote del boia di epoca ducale alla quale la gente si rivolgeva per far «segnare» i mali». Poi ci sono i personaggi inventati che però sembrano usciti da una fotografia d’epoca, anziché dalla fantasia di una scrittrice, come le vecchine dell’Oltretorrente che ogni giorno si ritrovano sotto casa per farsi compagnia. Immagini di una Parma che forse non c'è più, ma di cui si conserva lo spirito in posti speciali, come sono senz’altro le pagine dei libri. Il volume «Racconti parmigiani» si può trovare alla Libreria Fiaccadori ed ha una caratteristica che lo rende ancor più prezioso: lo scopo benefico. «Il ricavato sarà interamente devoluto alla costruzione di case per i poveri villaggi dell’Uruguay, di cui ho conosciuto la realtà grazie a don Giuseppe Benfenati che ha iniziato un’opera importante negli anni '80, dando abitazioni degne a chi vive ancora sotto tetti di paglia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

napoli

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

3commenti

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

Con lui, Angelo Manfredini

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

JOINT VENTURE

La Pizzarotti sbarca in Australia

Montanara

Esche avvelenate: nuovo allarme

4commenti

tg parma

Zuffa tra un barista di via Repubblica e un trentenne, spunta una pistola

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

pazzo mondo

Gli oggetti (strani) sequestrati in aeroporto: perfino un fagiano morto

SPORT

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

calcio e polemiche

Due rigori pro Juve, furia Napoli. Mazzocchi: "Inaccettabile" Video

1commento

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva