-6°

Le nostre iniziative

Torelli: "La mia Parma e la sua gente ricca di storie, ironia, umanità"

Il volume in vendita da domani con la Gazzetta a 9,80 euro più il prezzo del quotidiano. Giorgio Torelli parla di "Eravamo una piccola città": la rubrica ora diventa un libro.

Giorgio Torelli

Giorgio Torelli

0

 

Emilio Zucchi
Scrigno stracolmo di sfavillante umanità e parole fatate, il volume di Giorgio Torelli «Eravamo una piccola città» raccoglie una quarantina di rapinosi articoli del grande giornalista e scrittore parmigiano pubblicati sulla Gazzetta nell'omonima rubrica della domenica. La fantasia del Nostro, infiammata, divertita e commossa al settimanale passaggio dell'alato cavallo dei ricordi, percorre le strade remote nel tempo, ma vicine nell'anima di innumerevoli e fedelissimi lettori, della Parma degli anni Trenta, Quaranta e primi Cinquanta con una gagliardia di immagini e una schiettezza di umanità che lasciano gioiosamente senza fiato: «Spesso si sente esclamare ''Quella Parma non c'è più'' - dice Torelli -, ma in realtà è un ritornello che rivela una certa pigrizia spirituale: se è vero che quella Parma non c'è più, ritroviamo uno scatto d'orgoglio e torniamo ad essa e a quello che fummo: una tribù con una sua viva originalità di interpretazione dell'esistere». Ovvio che Torelli non auspica l'impossibile, vale a dire che il 2013 sia il 1938 o il 1946: «Di quell'epoca potrebbe però rivivere, almeno in parte, lo spirito, che era questo: tutti vivevano esaminando se stessi e gli altri con ironia. E ciò faceva per me di Parma il più bel teatro umano che io abbia visto in azione». Un giudizio assai lusinghiero, anche perché esce dalla bocca di uno che il mondo lo conosce benissimo: come inviato speciale, Torelli ha infatti visitato ogni angolo del globo: «Parma era un teatro umano in cui tutti i giorni ognuno faceva il suo assolo idealmente a una ribalta. Non è detto che questo assolo fosse imbroccato, ma mi conquistava la teatralità nel tentare questa interpretazione». Torelli, che da sessant'anni abita a Milano, dubita che Parma sia cambiata nel profondo: «Non posso immaginare che questo deposito intimo di ironia, generosità, affabilità e baldanza non sia stato trasmesso alle nuove generazioni. Forse si è solo addormentato: servirebbe una tromba verdiana per annunciarne la riscossa: parmigiani siate voi stessi!». Esaltando i valori della parmigianità, così frementi in «Eravamo una piccola città», Giorgio il Grande prosegue lancia in resta: «Un'altro valore da tenere alto è quello che fuori Parma viene detto ''consapevolezza'', ''senso della misura'', e qui invece chiamiamo ''cognizione''. E questa cognizione si accompagnava però, nei parmigiani, a una forte coloritura: insomma, non ho mai visto un parmigiano che fosse banale. Questo mi inorgoglisce. E confesso che farei come tanti scozzesi: se esistesse un kilt gialloblù di Parma non esisterei a indossarlo». Torelli è un fiume in piena d'amor patrio ducale: «L'umanità di Parma per me era un modo di essere che aveva un fascino irresistibile: il mutuo soccorso, l'aiuto reciproco tra abitanti della stessa via era straordinario. E questo altruismo si sposava con un attitudine all'affabulazione, al raccontare, che era vivacissima. Dicono che esagero nel magnificare Parma e la sua gente, e che sono fazioso. Ebbene, sì, sono fazioso e non voglio fare a meno di esserlo: il mio repertorio umano è fatto di parmigiani e non voglio rinunciarvi. Come non voglio rinunciare al nostro dialetto». Con una punta di amarezza, Torelli dice che «è una grande perdita aver rinunciato al dialetto: il parmigiano è una lingua dai colori meravigliosi, ha una forza straordinaria ed è perfetto per l'ironia e il sarcasmo». Il libro di Torelli contiene un messaggio e un auspicio: «Il messaggio è che chi ha visto delle cose ha il dovere morale di raccontarle. L'auspicio è che questo libro faccia compagnia a chi vorrà leggerlo: ecco, spero questo, di fare compagnia ai miei lettori». Speranza ben riposta: fastosa ma cordiale, ricca ma non superba, solenne ma scherzosa, la lingua di Torelli incanta e diverte. Come le sue storie, come la nostra storia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

14commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

4commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

19commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

14commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video