libri

Dalla parte dei perseguitati

«Pellegrino Riccardi - Un giusto tra le nazioni» di Carlo Bocchialini. L'autore è nipote del coraggioso protagonista

Pellegrino Riccardi

Pellegrino Riccardi

0

 

Mariagrazia Villa
«Quando fotografi una persona a colori, fotografi i suoi vestiti; ma quando la fotografi in bianco e nero, ne fotografi l’anima», ha scritto il padre del fotogiornalismo canadese, Ted Grant. Il giornalista parmigiano Carlo Bocchialini l’ha appena dimostrato nel suo ultimo libro: «Pellegrino Riccardi. Un giusto tra le nazioni», appena pubblicato con testo italiano/inglese dalla nuova casa editrice Atelier 65 di Parma e in vendita presso la Libreria Feltrinelli di Via Farini (dove è stato recentemente presentato con successo). Realizzato con il contributo dell’Ordine degli avvocati di Parma e Ius&Law e il patrocinio della Comunità ebraica della nostra città, la storia narra del nonno dell’autore, Pellegrino Riccardi, pretore a Fornovo e poi presidente del Tribunale di Parma, che salvò l’amico ebreo Rolando Vigevani e la sua famiglia dai nazisti, all’indomani dell’8 settembre 1943. Ne organizzò l’espatrio in Svizzera e accettò di occuparsi, con l’aiuto della giovane bambinaia Tina Baldi, del loro primogenito, di appena un anno, nell’attesa di riconsegnarlo ai genitori. Una grande storia, vissuta da Riccardi come una piccola storia. Quando seppe che gli era stata conferita la Medaglia di «Giusto tra le nazioni» dallo Stato di Israele, si lasciò scappare solo un commento: «Ma perché tanto disturbo? In fondo, per quello che ho fatto, è un riconoscimento che mi sta un po’ largo». Riccardi ha agito con il coraggio e l’umiltà delle brave persone, quelle che s’impegnano perché la propria felicità includa anche quella degli altri, e lo fanno con naturalezza. Quelle che hanno un innato senso della giustizia e non possono che prendere posizione. Perché, come nella citazione di Edmund Burke che apre il libro, così vera da far venire i brividi, «la sola cosa necessaria affinché il male trionfi è che gli uomini buoni non facciano nulla». Il libro non è la fredda opera di uno storico, ma nemmeno quella agiografica di un nipote. È un’emozione morale, senza mai dare una morale e senza mai insistere sull’emozione. Ogni personaggio è colto nell’intimo se stesso, pur nel serrato concatenarsi dei fatti. E mostrato, nel silenzioso raccolto dei suoi pensieri e delle sue azioni. Come quando, in una manciata di righe, sappiamo che il pretore non esiterà, per la prima volta in vita sua, a oltrepassare il confine della legalità: «Di certo, non era quella l’Italia in cui avrebbe voluto vivere. E il ruolo che ricopriva lo metteva nelle condizioni di dover fare qualcosa. Anche a costo di violare la legge».
Deciderà, infatti, di rubare dall’anagrafe alcune carte d’identità in bianco e di falsificarle. Nel ripercorrere la vicenda, Bocchialini ha avuto a disposizione soltanto i racconti del nonno, che non lasciò mai alcuna testimonianza scritta, pensando «A chi vuoi che interessi?», il diario tenuto da Vigevani, i ricordi di sua moglie Enrica e di altri superstiti. Punto. Il resto da immaginare.
Un evento accaduto, dunque, e un’invenzione letteraria, come in qualsiasi sguardo storico. Ma senza andare a caccia dei facili colori delle minuzie, delle digressioni, delle inferenze. Al contrario: concentrandosi sul radar del cuore per captare l’invisibile, la sostanza più profonda e delicata di qualsiasi esperienza. Con parole in bianco e nero: capaci di camminare sul crinale dell’intensità, di rinnovare lo schierarsi dell’essenza e di sintetizzare il mondo dall’oscurità alla luce.
Pellegrino Riccardi - Un giusto  tra le nazioni
Atelier 65,pag. 168,12,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video