-4°

storia

Luce sul Duce in nuce

Gli anni giovanili del futuro dittatore in «Mussolini socialista rivoluzionario»: un saggio di Luciano Dalla Tana ripubblicato da Diabasis dopo mezzo secolo

Foto segnaletica di Benito Mussolini nel 1903

Foto segnaletica di Benito Mussolini nel 1903

Ricevi gratis le news
0

L'innominabile». Così i socialisti italiani bollarono Benito Mussolini nel novembre 1914 quando decretarono la sua espulsione dal partito. «Avevano avuto la forza di cacciarlo dalle loro file quando egli non intendeva più servire la comune lotta ma non avevano la forza di pronunciare il suo nome, che era stato - almeno per la corrente massimalista - una bandiera e una promessa». Con queste parole amare Luciano Dalla Tana oltre cinquant'anni fa chiudeva la sua ricerca sul «Mussolini massimalista» oggi riproposta da Diabasis con il titolo di «Mussolini socialista rivoluzionario» e il sottotitolo «Scritti, risse e invettive» che ben sintetizza i campi d'azione del giovane Mussolini (presentazione domani alle 18 alla libreria Feltrinelli di via Farini con l'ex senatore socialista Fabio Fabbri, il direttore di «Mondoperaio» Giuseppe Covatta e il presidente Diabasis Mauro Massa).
Dalla Tana, che all'epoca della prima edizione era il presidente socialista della Provincia di Parma, non era uno storico di professione. Non lo è mai stato. Ma con metodo e serietà analizzò documenti, discorsi, articoli di giornale e tutte le fonti possibili per cercare di capire e spiegare. Capire e spiegare - da storico «dilettante» e da socialista - come era potuto accadere che Mussolini fra il 1910 e il 1914 acquisisse un ruolo di primo piano dentro il suo partito, tanto da diventare il direttore de «l'Avanti». Voleva capire come era potuto accadere che Mussolini fosse riuscito a incantare prima una parte importante dei socialisti italiani e - pochi anni dopo - buona parte del Paese. Ne scaturì questo «Mussolini massimalista» che attirò l'attenzione di storici importanti, nomi famosi come Renzo De Felice e Pierre Milza. Si tratta di una storia documentatissima dei primi trent'anni del futuro duce. Un libro ricco di aneddoti e personaggi (spesso dimenticati) ma soprattutto una riflessione, talvolta accorata e amara, su quel dilemma fra massimalismo e riformismo che ha accompagnato per decenni la storia dei socialisti italiani e di buona parte della sinistra. Come la pensasse Dalla Tana, scomparso poco meno di due anni fa, è facile immaginarlo per chi conosce la sua storia di riformista tenace e attento, consapevole che è più facile salire una scala salendo un gradino dopo l'altro piuttosto che con un sol balzo. Convinto che il massimalismo, le posizioni rivoluzionarie che hanno attraversato il movimento socialista in ogni epoca, siano state spesso più un freno che uno stimolo alla conquista dei risultati sperati. Ed è alla sua storia e alle sue idee che sono dedicate le pagine della postfazione scritta dall'ex senatore socialista Fabio Fabbri che completa il volume di Diabasis insieme alla prestigiosa prefazione dello storico Arrigo Petacco.
Fabbri traccia un «profilo del riformista Luciano Dalla Tana», che è una mini biografia dell'ex presidente della Provincia. Pagine affettuose e interessanti che ne ripercorrono la vita: gli anni del sindacato alla Federbraccianti e alla Camera del Lavoro, quelli sui banchi del Consiglio comunale a Parma. Poi la presidenza della Provincia. E la scelta di dedicarsi allora a quello studio su Mussolini che uscirà in libreria proprio nelle settimane dell'accordo fra il Psi e la Democrazia cristiana per l'ingresso socialista al governo. Accordo che causò l'ennesima, non certamente l'ultima, drammatica spaccatura fra riformisti e massimalisti socialisti. Ma Fabbri racconta anche gli anni successivi: quelli di Dalla Tana prima alla presidenza della Banca Monte e poi alla vicepresidenza della Banca commerciale italiana. E soprattutto ci ricorda il periodo alla guida dell'Autocamionale della Cisa, dove racconta Fabbri, l'ex sindacalista di Collecchio si ritrovò insieme al notaio Bandini. E i due, il socialista e il liberale, seppero collaborare insieme con «realismo e lungimiranza».
Dopo quelle esperienze Dalla Tana non ebbe più incarichi pubblici ma non abbandonò la passione politica. Passione che aveva vissuto negli anni settanta al fianco del parlamentare Gaetano Arfè, e prima ancora di Ferdinando Santi. La passione nell'idea socialista non venne meno neanche dopo tangentopoli nelle riunioni «semi-clandestine» dei pochi socialisti rimasti. A questi ultimi anni si riferisce l'ultimo aneddoto recente che Fabbri racconta. Alla fine del 2005 in vista delle elezioni politiche della primavera 2006 socialisti e radicali danno vita alla Rosa nel Pugno. E Dalla Tana si presenta da Fabbri con un'idea: candidare Mario Tommasini in Parlamento. «La componente libertaria di Mario era viva e generosa», racconta Fabbri. Ma proprio in quei giorni Tommasini finisce in un letto di ospedale a causa di un male crudele che lo ucciderà nel giro di qualche settimana. E con la malattia svanisce quell'idea un po' così di candidare l'ex comunista eretico in una lista fatta di radicali e socialisti.
Mussolini socialista rivoluzionario Diabasis, pag. 157, 16,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Danneggiamento in via D'Azeglio

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

GAZZAREPORTER

"Il Cortile del Guazzatoio è ancora un parcheggio"

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

1commento

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

1commento

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

3commenti

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

2commenti

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

politica

Nessun accordo, è shutdown in Usa: bloccate le attività federali

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"