-2°

Libri

Il bandito all'ombra del melograno

"La quinta stagione è l'inferno", il nuovo libro di Salvatore Niffoi: una storia di passioni fra miti e tradizioni arcaiche. L'epos di un latitante della Barbagia che torna a morire nel suo paese

Il bandito all'ombra del melograno

Salvatore Niffoi

0

 

Ci sono storie, paesaggi, passioni che appartengono così profondamente al mondo espressivo e metaforico di Salvatore Niffoi da essere ormai entrati nell’immaginario dei suoi lettori che, romanzo dopo romanzo, sono stati conquistati da quel suo particolare sguardo sul mondo e sulla sua Sardegna. L’autore, di «La leggenda di Redenta Tiria», «La vedova scalza» (Premio Campiello 2006), «Pantumas», il cantore della Barbagia, con i suoi miti e le sue tradizioni arcaiche, ritorna in «La quinta stagione è l’inferno» alle sue emozioni estreme. E fin dalla prima pagina, con una scrittura aspra che a tratti si illumina di sorprendente poeticità, con una lingua che mescola espressioni onomatopeiche al sardo antico del padre cavatore di pietre, ci immerge nel suo paradiso perduto che profuma di lentischio e di cardi secchi. «Un giorno che passeggiavo in campagna attorno a casa mia – racconta Niffoi - mi sono fermato, quasi frastornato da quella esplosione di colori e di profumi che nella vita ho trovato solo nella mia terra. Ho pensato: se l’inferno è così, io ci voglio andare. In quel momento ho capito che avevo trovato il titolo del mio romanzo». La memoria di Niffoi è legata ai luoghi in cui è nato e ha deciso di vivere.
«E’ da lì che nasce la mia ispirazione – spiega - Si è fissata su quei muri, su quelle strade, su quei silenzi e da lì non può allontanarsi. Quando scrivo, con le mie parole cerco di ricreare un mondo che sta per finire». Protagonista di «La quinta stagione è l’inferno» è Bantine Bagolaris che per vent’anni è stato lontano da casa. Ingiustamente accusato della morte di una donna in cui è in realtà coinvolta la ricca e potente famiglia dei Gunzanes, Bantine è sfuggito a un agguato e ha lasciato la moglie e il figlio appena nato. Nei primi tempi non ha voluto lasciare la sua Sardegna: si è rifugiato in un ovile di fronte al mare o “nella macchia ventosa della montagna dove l’odore del mirto e del rosmarino entrava nelle ossa e le ore passavano lente come ombre di pietra”. Poi si è dovuto imbarcare e ha raggiunto il continente. Ed è a Roma che ha iniziato la sua vera vita di bandito: a capo di una banda di disperati, Bantine ha compiuto rapine, sequestri, omicidi, senza aver paura di guardare negli occhi le sue vittime. Ma quando, colpito da un proiettile alla testa, capisce che la fine è vicina, non vuole morire “in terra anzena” e si fa riportare a casa per poter rivedere sua moglie Veronica e suo figlio Ramundu. Ritorna nella sua casa, a Maragolò, in un rovente pomeriggio d’estate, in cui “le strade erano deserte, il sole infuocato schiacciava le ombre tremolanti degli olmi sull’asfalto gommoso e un vento maligno giocava a mòlina mòlina sui tetti delle case”. I suoi compagni lo lasciano sulla porta ed è lì che viene raccolto da suo figlio: «Vent’anni prima, aveva fatto appena in tempo a scorgere il colore dei suoi occhi e a sentire sulla sua pelle l’odore del latte, poi aveva dovuto fuggire – racconta Niffoi – Ma ora voleva raccontargli tutto di sé, senza aver paura di svelare anche i lati più oscuri della propria esistenza». Su questo lungo monologo Niffoi ha costruito tutto il suo romanzo. Si è affidato all’onda dei ricordi di un uomo che aveva sbagliato tutto, ma che sperava che una vita fallita potesse servire a raddrizzare altre vite. «In questi tempi in cui la comunicazione è solo virtuale - racconta ancora - ho cercato di mostrare che le cose narrate possono essere ancora più importanti di quelle vissute. Attraverso la sua confessione, in quelle ventiquattro ore che gli rimangono, Bantine torna a essere padre, lui che padre non era mai stato». Pagina dopo pagina, Bantine rivela l’amore per la moglie, che ha conosciuto quando lei aveva solo quattordici anni. Rivive i giorni gioiosi, le feste di paese, le danze tradizionali e i valzer ballati stretto a lei, ricorda il tempo in cui era stato un marito innamorato e ripercorre i suoi pochi istanti di padre fiero e felice. «La nostra volontà conta e non conta – racconta al figlio – Adesso capisco che forse era già tutto predisposto, come le carte su un tavolo da gioco quando si inizia una partita». In «La quinta stagione è l’inferno» ritroviamo molti degli elementi centrali della narrazione di Salvatore Niffoi: c’è una realtà cupa, fatto di violenza, tradimenti e vendette, c’è lo smarrimento della propria identità, l’amore indissolubilmente legato alla morte e il tema del ritorno al proprio mondo, prima che tutto sia finito. Ma c’è anche la speranza nel futuro. Dopo vent’anni, Bantine può toccare suo figlio e attraverso il contatto delle mani trasmettergli la linfa della vita. La morte, questa volta, non è vista come sconfitta e dannazione. In «La quinta stagione è l’inferno», Niffoi lascia spazio a una conclusione quasi catartica, al superamento dell’odio in nome degli affetti e del perdono. Quell’uomo che ha rubato e ucciso, sparso sangue e violenza, ma ha riconosciuto i propri delitti e si è pentito, verrà sepolto sotto l’albero di melograno che ha amato: «Bantine – conclude Niffoi – cerca la redenzione nel racconto e nella verità. Ha avuto una vita disgraziata ma, prima di morire, ha la fortuna di avere il tempo di fare i conti con il proprio passato».
La quinta stagione è l’inferno - Feltrinelli, pag. 139, euro 14,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

2commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

1commento

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti