Intervista

Napoli nel '600, la dura condizione femminile

Antonella Cilento, finalista al Premio Strega con il romanzo «Lisario o il piacere infinito delle donne». «La mia Lisario è simbolo della lotta per l'emancipazione: oggi vinta solo in apparenza, come dimostrano le cronache»

Antonella Cilento
Ricevi gratis le news
0

Il Seicento napoletano che la scrittrice Antonella Cilento mette come sfondo degli avvenimenti narrati nel suo decimo romanzo, «Lisario o il piacere infinito delle donne» (Mondadori, 296 pp., euro 17,50), è un periodo storico che frequenta spesso. Questo, infatti, non è il primo romanzo che ha ambientato nel Seicento, indagando con grande passione, non soltanto archivistica, una Napoli che attraverso il suo momento storico grandioso fa rivivere nel presente un passato che parla ogni giorno al nostro tempo. «La vicenda – dichiara la scrittrice che con questo romanzo è finalista alla LXVIII edizione del Premio Strega che verrà assegnato giovedì in tarda serata a Roma nel Ninfeo di Villa Giulia – che pullula di fatti storici come la rivolta di Masaniello e personaggi realmente esistiti come Michael de Sweerts, un grande pittore di pochi anni precedente a Veermer, rispecchia gran parte dei cattivi comportamenti che esploro per studiare la città». Nella Napoli secentesca, nel Castello di sua maestà cattolica a Baia, vive l’undicenne Lisario figlia di una nana che sembra tratta da un quadro di Velasquez e un nobile spagnolo perditempo. La ragazza, nonostante le usanze del tempo volessero le donne belle e ignoranti, impara a leggere immergendosi nelle novelle di Cervantes, e sviluppa una forte resistenza alle imposizioni eai divieti che sovrintendono alla sua crescita e alla sua formazione. Rimasta muta a causa di un intervento chirurgico alla gola, Lisario, quando i genitori decidono di darla in sposa a un vecchio repellente, cade in un sonno comatoso senza più svegliarsi anche se il cuore batte e sopravvive perché nutrita con degli alimenti liquidi che ingoia normalmente. Finché un giorno, dopo un paio d’anni, non arriverà dalla Spagna un medico inetto che riuscirà con metodi insoliti a indurne il risveglio. E per ringraziarlo il padre gli offre la mano della giovane muta. Ma la dormiente Lisario tornata in vita ha un precedente ignoto a tutti e su questo intrigo spagnolesco ma soprattutto napoletano, si evolve quest’appassionante romanzo che la Cilento gestisce con grande autorevolezza linguistica.

Di quale strano male soffre Lisario?
Il romanzo, volutamente non svela se il sonno è autoindotto e se Lisario lo provoca per non fare le cose che le impongono con la forza, o se si tratta di un effetto fisiologico. Forse entra davvero in uno stato alterato di coscienza. Ma questo, né il medico incapace con cui si sposa né il lettore può alla fine deciderlo.

Solo una grande simulatrice, quindi?
E’ qualcosa di più. La simulazione che Lisario mette in opera dormendo, è fatta per la sopravvivenza; per cercare di esprimere una volontà che è vietato non soltanto manifestare, ma soprattutto esercitare. È la lotta che le donne fanno da sempre e che oggi in apparenza sembra vinta, ma in realtà, come le cronache tragicamente raccontano, non è per niente terminata.

Il medico incapace sposa Lisario ma va incontro a molte sorprese. Se le merita tutte?
Avicente Iguelmano ha per destino la sua stessa cialtroneria, perché il medico non lo voleva fare, ed è diventato quasi un passacarte, uno che scrive le ricette, ma che poi della pratica della medicina non ha nessuna conoscenza. Tranne prestarsia una serie di piacevoli scoperte, tra cui quella del piacere femminile, un grande tabù ben conservato nei secoli. Bisognerà aspettare la fine dell’800 e Freud per avere approcci diversi da un’analisi cui la donna era sottoposta in modo animalesco con una lente d’ingrandimento.

Che città era Napoli al momento della rivoluzione di Masaniello?
La Napoli del romanzo alla metà del Seicento, prima della peste del 1656 (che poi è la decima), è la città più estesa d’Europa, più grande di Londra e di Parigi e ha più popolazione di Madrid che in realtà è la vera capitale del Regno. Napoli è un viceregno, ma è l’unica vera metropoli europea che possiede già tutte le caratteristiche, i difetti e le contraddizioni delle grandi metropoli contemporanee: soprattutto l’enorme, dilagante povertà, di un popolo basso, dei lazzari che non hanno niente per vivere.

Un governo ladresco quello degli spagnoli?
E' un governo di asservimento, di accentramento, di globalizzazione. Gli spagnoli hanno costretto tutta la nobiltà napoletana a inurbarsi, e hanno sottratto alla città tutta la produzione agricola per mandare derrate in Spagna. La Napoli dei primi anni del seicento vive in pieno la tragedia della povertà con un gran bisogno di ribellarsi, ma l’esito della rivolta di Masaniello, che veniva dopo una serie di altre rivolte iniziate sin dall’arrivo degli spagnoli, non riuscì a migliorare la vita dei poveri. Perché anche questa sommossa, come tante altre, fu sedata con l’inganno, il denaro, il tradimento e l’omicidio.

Lisario o il piacere infinito delle donne
di Antonella Cilento, Mondadori, pag. 296, euro 17,50

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Salva calciatore svenuto durante la partita

Montanara

Salva calciatore svenuto durante la partita

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

Sessant'anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

FIDENZA

Lo aspettano per il compleanno ma lui muore d'infarto

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena: tutto ok

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

2commenti

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto