21°

36°

Intervista

Napoli nel '600, la dura condizione femminile

Antonella Cilento, finalista al Premio Strega con il romanzo «Lisario o il piacere infinito delle donne». «La mia Lisario è simbolo della lotta per l'emancipazione: oggi vinta solo in apparenza, come dimostrano le cronache»

Antonella Cilento
0

Il Seicento napoletano che la scrittrice Antonella Cilento mette come sfondo degli avvenimenti narrati nel suo decimo romanzo, «Lisario o il piacere infinito delle donne» (Mondadori, 296 pp., euro 17,50), è un periodo storico che frequenta spesso. Questo, infatti, non è il primo romanzo che ha ambientato nel Seicento, indagando con grande passione, non soltanto archivistica, una Napoli che attraverso il suo momento storico grandioso fa rivivere nel presente un passato che parla ogni giorno al nostro tempo. «La vicenda – dichiara la scrittrice che con questo romanzo è finalista alla LXVIII edizione del Premio Strega che verrà assegnato giovedì in tarda serata a Roma nel Ninfeo di Villa Giulia – che pullula di fatti storici come la rivolta di Masaniello e personaggi realmente esistiti come Michael de Sweerts, un grande pittore di pochi anni precedente a Veermer, rispecchia gran parte dei cattivi comportamenti che esploro per studiare la città». Nella Napoli secentesca, nel Castello di sua maestà cattolica a Baia, vive l’undicenne Lisario figlia di una nana che sembra tratta da un quadro di Velasquez e un nobile spagnolo perditempo. La ragazza, nonostante le usanze del tempo volessero le donne belle e ignoranti, impara a leggere immergendosi nelle novelle di Cervantes, e sviluppa una forte resistenza alle imposizioni eai divieti che sovrintendono alla sua crescita e alla sua formazione. Rimasta muta a causa di un intervento chirurgico alla gola, Lisario, quando i genitori decidono di darla in sposa a un vecchio repellente, cade in un sonno comatoso senza più svegliarsi anche se il cuore batte e sopravvive perché nutrita con degli alimenti liquidi che ingoia normalmente. Finché un giorno, dopo un paio d’anni, non arriverà dalla Spagna un medico inetto che riuscirà con metodi insoliti a indurne il risveglio. E per ringraziarlo il padre gli offre la mano della giovane muta. Ma la dormiente Lisario tornata in vita ha un precedente ignoto a tutti e su questo intrigo spagnolesco ma soprattutto napoletano, si evolve quest’appassionante romanzo che la Cilento gestisce con grande autorevolezza linguistica.

Di quale strano male soffre Lisario?
Il romanzo, volutamente non svela se il sonno è autoindotto e se Lisario lo provoca per non fare le cose che le impongono con la forza, o se si tratta di un effetto fisiologico. Forse entra davvero in uno stato alterato di coscienza. Ma questo, né il medico incapace con cui si sposa né il lettore può alla fine deciderlo.

Solo una grande simulatrice, quindi?
E’ qualcosa di più. La simulazione che Lisario mette in opera dormendo, è fatta per la sopravvivenza; per cercare di esprimere una volontà che è vietato non soltanto manifestare, ma soprattutto esercitare. È la lotta che le donne fanno da sempre e che oggi in apparenza sembra vinta, ma in realtà, come le cronache tragicamente raccontano, non è per niente terminata.

Il medico incapace sposa Lisario ma va incontro a molte sorprese. Se le merita tutte?
Avicente Iguelmano ha per destino la sua stessa cialtroneria, perché il medico non lo voleva fare, ed è diventato quasi un passacarte, uno che scrive le ricette, ma che poi della pratica della medicina non ha nessuna conoscenza. Tranne prestarsia una serie di piacevoli scoperte, tra cui quella del piacere femminile, un grande tabù ben conservato nei secoli. Bisognerà aspettare la fine dell’800 e Freud per avere approcci diversi da un’analisi cui la donna era sottoposta in modo animalesco con una lente d’ingrandimento.

Che città era Napoli al momento della rivoluzione di Masaniello?
La Napoli del romanzo alla metà del Seicento, prima della peste del 1656 (che poi è la decima), è la città più estesa d’Europa, più grande di Londra e di Parigi e ha più popolazione di Madrid che in realtà è la vera capitale del Regno. Napoli è un viceregno, ma è l’unica vera metropoli europea che possiede già tutte le caratteristiche, i difetti e le contraddizioni delle grandi metropoli contemporanee: soprattutto l’enorme, dilagante povertà, di un popolo basso, dei lazzari che non hanno niente per vivere.

Un governo ladresco quello degli spagnoli?
E' un governo di asservimento, di accentramento, di globalizzazione. Gli spagnoli hanno costretto tutta la nobiltà napoletana a inurbarsi, e hanno sottratto alla città tutta la produzione agricola per mandare derrate in Spagna. La Napoli dei primi anni del seicento vive in pieno la tragedia della povertà con un gran bisogno di ribellarsi, ma l’esito della rivolta di Masaniello, che veniva dopo una serie di altre rivolte iniziate sin dall’arrivo degli spagnoli, non riuscì a migliorare la vita dei poveri. Perché anche questa sommossa, come tante altre, fu sedata con l’inganno, il denaro, il tradimento e l’omicidio.

Lisario o il piacere infinito delle donne
di Antonella Cilento, Mondadori, pag. 296, euro 17,50

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

Clooney con la moglie Amal. (foto d'archivio)

Il caso

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Rapina in stazione con sequestro, identificati i tre responsabili

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

6commenti

GUARDIA DI FINANZA

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

polizia

Ladri scatenati, doppio colpo: presi di mira una tabaccheria e una ditta

sorbolo levante

Folla e commozione per i funerali di Matteo

Il 42 enne stroncato da un malore martedì dopo il calcetto

emergenza

Via Giovenale, via Muratori, piazzale Erodoto in balia dei vandali/ladri di automobili

1commento

Incendio

«La mia casa a un passo dal rogo»

Università

Elezioni del rettore, ecco le modalità di voto

La prima votazione il 27 settembre, la seconda il 3 ottobre e l'eventuale ballottaggio è previsto per il 5 ottobre

Piazza Garibaldi

Pizzarotti-Scarpa, incontro/scontro, scintille e...immagini - Gallery (e battute)

2commenti

Tg Parma

Pizzarotti e Scarpa le ultime proposte sono per il welfare

Il sindaco uscente propone il reddito garantito comunale, mentre lo sfidante propone il progetto "Da 0 a 100 anni"

paura

Rotatoria strada Argini/via Pastrengo, incidente: code e traffico a rilento

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

calcio

Un altro (grande) ex si fa avanti, Marchionni: "Parma, perchè no"

4commenti

Il caso

Cassano fa sempre discutere

2commenti

Noceto

Ha un malore mentre guida, esce di strada e muore

TRAVERSETOLO

Operazione mercato pulito: sei ambulanti multati

2commenti

MAGGIORANZA SPACCATA

Il sindaco di Pellegrino: «Potrei dimettermi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

modena

Uccide a coltellate il compagno e chiama la polizia

sanità

Bimbo di 6 anni muore per le complicanze del morbillo

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia