15°

28°

Libri

La tragedia del Vajont, una fiaba nera

Intervista a Mauro Corona finalista al premio Campiello con il romanzo "La voce degli uomini freddi". "Il disastro del 1963 è sempre presente nei ricordi della gente della valle, ma non in quella dello Stato e delle istituzioni. Vorrei che qualche bambino del Vajont, magari fra cinquant'anni leggesse questo libro, perché questa è la loro memoria

La tragedia del Vajont, una fiaba nera

Mauro Corona

Ricevi gratis le news
0

Questo libro è la storia del Vajont che riguarda diversi paesi: Longarone soprattutto, ma anche Codissago e Erto. Senza
fare nomi e cognomi, è una specie di fiaba, di quello che c’era e che ora non c’è più; la storia di persone semplici affezionate al loro torrente che faceva girare mulini e segherie, perché il Vajont era la forza motrice degli artigiani che vivevano in un’armonia assoluta con la natura. La gente, operava al ritmo delle stagioni, forte di una capacità manuale che non ha eguali, e non ha più un futuro». Mauro Corona racconta con voce sofferta e a tratti irata le vicende del suo libro finalista al Premio Campiello, «La voce degli uomini freddi» (Mondadori). Con la bandana colorata, la barba e quei guizzi nello sguardo che hanno la fulmineità del lampo, Mauro Corona ha qualcosa di un folletto erculeo venuto dai boschi di cui conosce le più segrete intimità. Sia pure raccontata come una fiaba, il romanzo riporta la tragedia del Vajont, l’onda assassina che la notte del 3 ottobre 1963 si rovesciò sui paesi a valle causando la morte di 2000 persone. Una diga era stata realizzata pur di fronte a precisi segnali di pericolo rappresentati da una parte della montagna che franava, ma non se ne tenne conto. La frana fatalmente avvenne e l’acqua scalzata dalla massa fluì all’esterno come un’orda liquida, e per i paesi sottostanti fu la fine. «Le nuove generazioni hanno solo una nozione storica della tragedia, come Garibaldi o le guerre puniche – lamenta Mauro Corona -. Chi è nato dopo il Vajont oggi ha cinquant’anni e tende a dimenticare quel fatto terribile, ma non per negligenza. Morti gli ultimi superstiti, quelli che come me ai tempi avevano dodici o tredici anni, i bambini sono cresciuti senza coscienza di quella tragedia. Hanno percepito l’evento come una notizia tramandata di padre in figlio, e così anche il ricordo della morte di duemila persone, fatalmente si indebolisce. Ma non si deve dimentichi del tutto. Mai».
A distanza di cinquant’anni, cosa è rimasto di quella tragedia?
Il disastro è sempre presente nella memoria della gente della valle, ma non in quella dello Stato. Mi dispiace che le istituzioni lo abbiano volutamente dimenticato, perché il Vajont pone ancora domande, ancora si chiede chi è stato, perché nessuno ha pagato, perché ai duemila morti non è stata resa piena giustizia. L’anno scorso, nel cinquantesimo della ricorrenza, avevo invitato il Presidente della Repubblica, ma non è venuto benché ultimamente sia stato dappertutto. Anche dal Papa noi di Erto ci aspettavamo una carezza, che venissero a dirci «siamo qui non vi abbiamo dimenticato». Non è apparso nessuno a parte l’allora presidente Letta che se pure frettolosamente, il suo dovere l’ha fatto. Ed è questa la vera tragedia: non che si perda la memoria collettiva, ma che la perdano coloro che ci rappresentano e ci guidano.
Fu davvero una tragedia annunciata come si è sempre detto e scritto?
Certo, si trattò di una tragedia annunciata, e tutti i paesani sentivano l’ineluttabilità d’una fine, ma continuavano nelle loro fatiche sorridendo al pericolo e al dolore. Ingenuamente cercavano di sfuggire alla morte spostando i paesi più a valle, ma dalla morte non si scappa.
Come reagirono i sopravvissuti?
Loro, che avevano percepito il pericolo della mancanza di memoria, si costringevano - cosa che non accade più nell’era di Internet e dell’usa e getta -, di imbalsamare la memoria per coloro che vengono dopo, perché capivano che la verità era a rischio. E dopo, la sera si costringevano a recitare quello che era successo, ma sapevano che non sarebbe stato sufficiente per ricordare, perché il passo dei tempi altera la storia e crea vaste zone depressive in cui la memoria scompare.
Resta però la voce degli uomini freddi che non è destinata a spegnersi?
Spero tanto di no. Io non voglio passare alla storia – non ho di queste velleità -, sono uno che racconta storie: un conta storie come tanti che mette l’anima nelle parole. E vorrei tanto che qualche bambino del Vajont, magari fra altri cinquant’anni leggesse questo libro, perché questa è la storia della loro gente. E che la memoria fosse quella giustizia che un po’ è mancata.
Chi tradì la gente del Vajont?
Uno dei loro paesani, perché la montagna è tradita continuamente proprio dai suoi figli, e nel mio libro ci sono parecchi richiami che dicono: state attenti a chi sfrutta la montagna. Nelle stalle dove una volta c’erano le mucche ora ci sono parcheggiate le Ferrari dei grandi albergatori della montagna. Chi ha tradito la montagna, chi l’ha svenduta, è il montanaro: non dimentichiamolo.
Lei vede il turismo montano come un pericolo, un degrado?
Né un pericolo né un degrado: sarebbe una fonte di sopravvivenza e di guadagno. Ma quanto vogliamo guadagnare? Quanto vogliamo asservirci ai ricchi o ai nababbi russi che lasciano migliaia e migliaia di euro? Quanto dobbiamo inginocchiarci? Bisogna dare una misura ai guadagni. La montagna è stata disfatta. Ma lo sa che cercano di spostare i confini dell’Unesco – in qualche caso lo hanno già fatto – per fare nuovi impianti di risalita, e il confine dei parchi di protezione delle Dolomiti per vendere l’acqua, fare centrali e cementificare? Non ci si può fidare di nessuno. Chi fa politica non ha a cuore il destino dei poveri diavoli: ha a cuore il suo. Avere un bel gruzzolo, ottenere visibilità. Abbiamo creato una società avida di soldi sempre più corrotta, e il bambino che vede certi esempi crescerà storto come una pianta percossa dai venti del malaffare.
La voce degli uomini freddi di Mauro Corona - Mondadori, pag. 235, euro 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti