15°

LIBRI

La vergogna del privilegio, da qui all'eternità

Il nuovo libro-denuncia di Sergio Rizzo, inviato ed editorialista del «Corriere della Sera»

Sergio Rizzo

Sergio Rizzo

0

La dedica del suo nuovo libro è amarissima: «A tutti i ragazzi che non avranno mai la pensione». Sergio Rizzo non lascia speranze. Del resto lui e il collega Gianantonio Stella, da soli o in coppia, negli anni ce l'hanno messa tutta, con i loro pamphlet gonfi di dati e indignazione, per denunciare la vergogna dei privilegi in cui sguazzano certe categorie di eletti che grazie a quanto avuto, tenuto e spartito hanno affossato tutti gli altri. Basta ricordarne i titoli: «Rapaci», «La Cricca», «La Casta», «La deriva», «Vandali», «Licenziare i padreterni». Niente: imperterriti quelli che mangiano a sbafo sulle spalle di tutti persistono nel mantenere le proprie posizioni. Anche perché pienamente legittimati a farlo, a differenza degli evasori fiscali che se non altro, compiendo un reato, un pochino rischiano. Ogni tanto sembra che qualcosa si smuova, si sblocchi, cambi verso. E invece no, il trend parassitario procede a vele spiegate. Adesso Rizzo, inviato ed editorialista del «Corriere della Sera», manda in libreria «Da qui all'eternità. L'Italia dei privilegi a vita» che parte da questa domanda: «Dov'è cominciata la deriva che ha fatto diventare l'Italia il paese, forse unico al mondo, nel quale è norma indiscutibile il privilegio a vita per politici, sindacalisti, alti magistrati di ogni ordine, funzionari di stato, manager pubblici e non?». Per avere una risposta bisogna avanzare nel «labirinto di ingiustizie» che hanno portato l'Italia dov'è, alla scoperta dei nati con la camicia che prosperano al motto «crescete e moltiplicate i vitalizi» o «sindacato, futuro assicurato», uno slalom avvilente fra intoccabili e inaffondabili, «dirigenti pubblici inamovibili anche ben oltre la pensione, boiardi che hanno portato al collasso aziende del parastato e sono stati premiati con nuove poltrone di prestigio». E poi ancora consiglieri regionali, assessori provinciali, generali, ambasciatori («il fascino discreto delle stellette e delle feluche»), top manager di banche che possono contare su infinite prebende e inappellabili incarichi a vita, sindacalisti a cui la politica garantisce sistemazioni eterne con rendite da favola. «E' accettabile - si chiede Rizzo -, in un paese martoriato da una crisi infinita, che un deputato regionale 50enne incassi un vitalizio dopo solo qualche mese di legislatura prendendo più del doppio di un operaio inchiodato 42 anni in fabbrica? Come possono i citadini, esposti da anni al massacro dei loro diritti, rassegnarsi all'intoccabilità dei privilegi ingiustificati di altri cittadini considerati di serie A?». Perché «chi riesce a entrare nel circolo vizioso del potere burocratico finisce per rimanervi felicemente intrappolato per sempre». Felicemente. Per sempre. Nel libro di Rizzo ci sono ovviamente nomi e cognomi, vicende ed esempi. Decine e decine. Per farne un paio: Francesco Storace e Walter Veltroni. Il primo, l'ex presidente della Regione Lazio, ex ministro, ex senatore, il brivido del vitalizio double face l'aveva già provato nel 2009, a 50 anni appena, «quando senza più seggio parlamentare gli era rimasto un posticino da consigliere comunale a Roma. Grazie però alle vecchie regole e ai mitici diritti acquisiti poteva già riscuotere la pensione della Regione e del Parlamento. Solo per un anno: nel 2010 è di nuovo el Consiglio regionale del Lazio, più agguerrito che mai». Perché la legge prescrive la sospensione di ogni vitalizio nel momento in cui il beneficiario assume una nuova carica elettiva regionale, nazionale o europea. «Ma con una clausola di salvaguardia. Al cessare dell'incarico, per chi in passato ha già avuto diritto all'assegno, il vitalizio torna immediatamente a correre, anche se non si è ancora raggiunta l'età nel frattempo fissata per ricevere la pensione parlamentare: non inferiore ai 60 anni. E' capitato, per esempio, a Walter Veltroni....». E parliamo di cifre mensili altissime. Altro esempio: «Claudia Lombardo intasca un vitalizio da 5129 euro netti al mese a soli 41 anni, venti dei quali passati nel Consiglio regionale della Sardegna sullo scranno affettuosamente lasciatole in eredità da papà Salvatore». Poi si rincorrono, fra le legioni di conosciuti e sconosciuti rifornitissimi di privilegi, nomi noti alle cronache, da Franco Fiorito «Er Batman» al generale Speciale, quello delle spigole in volo verso la sua vacanza montana a bordo di un aereo militare partito apposta da Pratica di Mare. Ma qualcuno avrà colpa di tutto questo? Principali imputate, secondo Rizzo, le regole, «regole spesso sbagliate, assurde, scritte per un mondo che non c'è più o forse non c'è mai stato», le regole che hanno spalancato l'abisso fra il Palazzo e il Paese. Talvolta frutti avvelenati del Sessantotto: «Il dubbio che tormenta è se la radice più profonda del sistema dei privilegi a vita non vada ricercata dove nessuno penserebbe mai. Quelli che hanno fatto il '68 oggi sono 70enni o giù di lì: la loro generazione voleva cambiare tutto e ha invece contribuito a costruire per sè una rete di protezione sociale senza uguali nella storia, la più garantista e spendacciona d'Europa, ma anche la più iniqua per le generazioni successive e fra le diverse scale sociali. Conservazione pura». E si ritorna alla dedica: «A tutti i ragazzi che non avranno mai la pensione».
Sergio Rizzo -  «Da qui all'eternità. L'Italia dei privilegi a vita» - Feltrinelli, pag. 202, 15 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia