23°

32°

libri

Cinema, teatro, tv: vita e carriera di Mario Lanfranchi

Un saggio di Roberta Reganati Ebnet sul multiforme uomo di spettacolo. Il regista e attore parmigiano visto da vicino: pagine ricche di interviste, immagini e testimonianze

Cinema, teatro, tv: vita e carriera di Mario Lanfranchi

Mario Lanfranchi

Ricevi gratis le news
0

Un’altra deliziosa sorpresa con Mario Lanfranchi! Perfetta l’idea di Ulisse come richiamo, rispecchiamento, per affinità di viaggi, ricerca, curiosità, ogni volta nuovi approdi da cui ripartire, voglia di esplorare diversi mondi, con il piacere di fare esperienze, mettersi in gioco, affrontando formidabili imprese culturali, incontrando, e salutando, splendide donne, guardando avanti con il gusto della sfida: è Gian Piero Brunetta, storico del cinema, a svelare, per Mario Lanfranchi, nel libro a lui dedicato, nel Proemio intitolato proprio «L’Ulisside di Santa Maria del Piano», le molte somiglianze con l’eroe omerico, discendente e «avatar padano», trovando concordanze «di peripezie e di imprese, di armi e di amori». A coprire un reale vuoto negli studi, nella saggistica - motivato forse proprio dal «multiforme ingegno» di Lanfranchi, superbo sperimentatore in molteplici campi - è uscito ora il libro, scritto con rigore e passione insieme da Roberta Reganati Ebnet, edito da Santa Croce, Parma, «Mario Lanfranchi, un regista per tutte le stagioni», in copertina il suo volto intenso con l’immancabile cappello (uno dei tanti!) e, a lato, uno scorrere di immagini come su pellicola, alcuni momenti ricordo, luoghi e persone, citazioni inevitabilmente parziali di ben più vaste attività, affrontate sempre con somma competenza e ironia, tenacia e divertimento. Davvero straordinario. Magico lo sguardo estetico di Lanfranchi, sapendo riconoscere in ogni campo la bellezza e, sommo privilegio nato dal talento e dal gusto della sperimentazione, riuscendo meravigliosamente a crearla, raffinato regista d’opera e teatro, cinema e televisione, collezionista di capolavori d’arte come di volumi e oggetti rari. Il libro, che ospita diverse foto e si conclude con fondamentali apparati per premi e regie, grandi spettacoli e produzioni, bibliografia e indice analitico, ripercorre la vita del Maestro - così viene spesso interpellato Mario Lanfranchi, nato a Parma, cittadino del mondo, residente nella sua splendida villa cinquecentesca in Santa Maria del Piano - con ampi brani d’interviste, la voce in diretta per ricordare, senza particolari rimpianti o nostalgie, sempre con frizzante leggerezza, tanti passaggi della propria esistenza, spesso di sapore aneddotico che svelano intanto diversi climi di lavoro, tra estreme tensioni (la TV in diretta: e per l’opera lirica!) e speciali intuizioni, d’ogni natura, dalle geniali scelte stilistiche (interpretazioni originalissime per l’uso della macchina da presa, ritmi, colori...) alle soluzioni sorprendenti, lampi improvvisi, nel rapporto con le persone, nelle svolte definitive della propria vita. Così per le separazioni, gli abbandoni, dalle collezioni - anche da quella di maggior valore, quadri ora nei maggiori musei del mondo - al teatro lirico. Un vero diletto la lettura di questo libro/racconto. «Sarebbe bastato», dice un ritornello ebraico: a comporre un’identità, comunque eccezionale, sarebbe stato sufficiente anche uno solo dei tanti percorsi avventurosi di Mario Lanfranchi. Una vita di tante vite. La scuola d’attore, le prime regie subito con nomi di rilievo, i molti soprani d’amore e il matrimonio con Anna Moffo, il coraggio della creatività nella televisione delle origini, sempre idee nuove, fantastico iniziatore, con intere opere in diretta, ma anche con i Caroselli, e Totò e le produzioni esterne... Un animo inquieto Mario Lanfranchi, ma con una sorta di frizzante gioia nell’agire, con la continua voglia di cambiare. Uno dei capitoli del libro è dedicato a Roma, ai suoi film, da «Sentenza di morte» a «Venezia, carnevale, un amore» - ma c’è anche l’elenco dei «capolavori da evitare», con qualche Bergman, Fellini e Pasolini! Nel cuore del libro della Ebnet, nel capitolo «L’uomo: ironia, culto dell’effimero e cupio dissolvi», vanno svelandosi felicemente preziosi spunti di pensiero per le scelte, il carattere, il modo di affrontare la vita di Mario Lanfranchi, «descrivere il vero come fosse finto... amare il transitorio per difendersi dall’inevitabile caducità di ogni cosa». L’ultima parte è dedicata alle grandi passioni, cavalli e levrieri, la wunderkammer, la sconfinata raccolta di film, ma ci sono anche la motonautica, il rugby, la bicicletta, il biliardo, il tiro a volo... Piacevolissima la lettura delle parti in corsivo, il discorrere sciolto, brillante, le ultime pagine quasi ascoltando la bella voce di Lanfranchi mentre racconta della villa, il giardino all’italiana, le feste... Prodigiosa la sua capacità di saper riconoscere il valore delle persone e farle crescere con la sua stima, la fiducia. E se questo è vero infinite volte per cantanti e attrici, per le professioni dello spettacolo, o, a mo’ d’esempio in altri territori, per Ron Arad, scoperto alle origini, quando «in tuta da operaio saldava personalmente i suoi pezzi unici» (magnifiche le due ampie poltrone in alluminio), sono tanti anche ora intorno al Maestro a vedere valorizzato il proprio impegno, per il giardino, i restauri, le sculture... come per un’aura singolare che, da Mario Lanfranchi, si diffonde e si trasmette mirabilmente ad altri. Un altro dono sorprendente questo ascolto nascosto e generoso, al di là delle battute a volte gustosamente beffarde, quasi ciniche, sempre comunque di inestimabile, stuzzicante intelligenza.
Mario Lanfranchi, un regista per tutte le stagioni di Roberta Reganati Ebnet - Santa Croce, pag. 203, euro 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti