14°

Libri

Aiace non abita più qui

Aiace non abita più qui

Roberto Vecchioni

0

«Il poeta tragico» – ci dice il nuovo romanzo di Roberto Vecchioni, «Il mercante di luce» - «è legato a un’unica verità, a un solo destino, a una sola guerra. (…) O quello o il nulla: svanito il sogno non c’è altro che valga vivere, non c’è alternativa: svanisce il loro mondo, svanisce il mondo. L’eroe tragico non può giocare, non può far finta né tornare indietro. L’eroe lirico, invece, dalle sue quinte vede, magari si distrugge, ma comanda a se stesso l’illusione della poesia che lo salva: trova le scappatoie, si placa nell’eros consumato in una notte di lampade, per tormentarsi e consolarsi (…). Ma non gli crolla addosso l’universo: lo riadatta a punta di stilo, di penna, lo ricomincia». Da quale di queste quinte, a quale di questi due sguardi risponderà «Il mercante di luce» (titolo che suona involontariamente e fastidiosamente new age, e invece riprende – altrettanto involontariamente, non certo fastidiosamente – un sintagma del «collega cantautore» Fabrizio De André, da «Un ottico» nell’album su Spoon River)? A prima vista, verrebbe fatto di pensare alla stella nera del tragico: il protagonista, Stefano Quondam Valerio, è un uomo in rotta: con se stesso, anzitutto, e col mondo – cui sente di appartenere sempre meno. Gli è andata male come professore di Greco (i colleghi gli fanno impunemente le scarpe) e come marito (ha un matrimonio naufragato alle spalle, anche se la moglie non lo ha dimenticato): ma questo è niente rispetto alla malattia che ha aggredito il figlio Marco, ora diciassettenne, e lo ha scagliato, fin dai primi mesi di vita, in un tempo che procede a precipizio verso l’invecchiamento precoce e la morte. Ecco, la stella nera della tragedia sembra aver contratto, e spezzato, l’intero corso del tempo, annunciando per tutti la fine del futuro: ma se a gran parte delle giovani generazioni non resta che stordirsi in un rumore continuo in cui annullare la consapevolezza della caduta di ogni prospettiva (si vedano le pagine, di un grottesco già post-apocalittico, ambientate al «Monster Hole»), il futuro di Marco è solo quello falciato via dai pochi giorni, dalle poche ore che gli restano. Eppure Stefano non è un eroe tragico, giacché non è più possibile esserlo in un’epoca che, del tragico, ha ottuso, se non addirittura bandito, la percezione – e che di conseguenza rischia a ogni passo di svilire «l’atto tragico, che è il sublime attimo per cui si vive, in una ridicola farsa da villani» (nessuno si illuda: Aiace non abita più qui). Così Quondam non può che reinventarsi eroe lirico: sta forse scritto da qualche parte che il lirismo non riesca a sopportare i sogni degli eroi? Non ha nulla da regalare a Marco, salvo le cose in cui ha creduto per tutta una vita: e si prodiga per accendergli dentro, dentro i suoi attimi predati dall’imminenza della notte, quelle minuscole fiaccole che hanno superato il buio dei secoli, e vinceranno forse anche questo collasso del presente e del futuro, coniugando istante ed eterno: i versi di Saffo, Alceo, Anacreonte, Archiloco, Ibico, Meleagro, Paolo Silenziario, frammenti nella cui superstite armonia si riflettono, come in uno specchio infranto, i bagliori della perduta bellezza del mondo. E’ un tema classico dell’autore di «Luci a San Siro»: risillabare la bellezza, giocarsi e capovolgere il cielo a dadi di parole (come sappiamo dai tempi de «L'ultimo spettacolo», non c'è altro modo di illudersi – se possiamo ancora dire illudersi – di aggirare il destino), allora significherà, davvero, ricominciare l’universo. Ed essere già un passo oltre la paura. La produzione narrativa di Vecchioni si divide in due: da un lato ci sono le storie borgesiane («Viaggi del tempo immobile», «Diario di un gatto con gli stivali», «Scacco a Dio»…), perfetti meccanismi ad orologeria in cui la «menzogna» e il «gioco del rovescio» costituiscono le uniche armi capaci di portare l’assalto al cielo della Verità che ci sfugge; dall’altro, le opere che non saprei definire altrimenti che didattiche (o maieutiche), come questa o «Il libraio di Selinunte». Ma il miracolo è ancora una volta quello di non lasciare che il didattico si umili nel didascalico: perché, come nel Nolan di «Interstellar» (con cui, mutatis mutandis, «Il mercante di luce» rivela imprevedibili ma inoppugnabili consonanze), l’eleganza, la freschezza, il rigore e la potenza dell’immaginazione, immaginazione ovviamente anche lessicale e figurale, son sempre tali da scongiurare il pericolo di incagliarsi nelle esecrabili secche dell’eloquenza predicatoria. E fanno in modo che «il Professore» - a differenza di certi scolaretti che si vagheggiano salvatori delle patrie lettere limitandosi a scoprire e pasticciare l’acqua calda della «ferocia» o del «peso della grazia» - riesca a riconfermarsi uno dei narratori più sicuri di questi nostri anni così avari.
Il mercante di luce di Roberto Vecchioni  - Einaudi, pag. 123 euro 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia