16°

libri

Stevens, le parole e l'infinito

«Tutte le poesie» nella traduzione di Massimo Bacigalupo. L'opera omnia del grande poeta americano viene ora pubblicata nei Meridiani Mondadori. Ricchezza di immagini e un messaggio: vivere senza cercare di rendere suprema e inimitabile la vita

Stevens, le parole e l'infinito
0
 

I Meridiani Mondadori rendono omaggio al più appartato e nascosto poeta americano pubblicando «Tutte le poesie» di Wallace Stevens, a cura e con un saggio introduttivo di Massimo Bacigalupo. L'ottimo volume ci porta, ancora vivacissima e provocatoria, la voce di Wallace Stevens nato a Reading in Pennsylvania nell'ottobre del 1879 e morto ad Hartford nel Connecticut nel 1955.

Singolare è la vicenda di Steven che, laureato in Giurisprudenza nel 1916, entrò poi in una compagnia di assicuratori della quale fu prima impiegato e poi vicepresidente dal 1934 sino alla morte. Intanto, componeva poesie. È tipico dello scrittore americano del primo Novecento proprio questo concetto «riduttivo», si dice allora, della poesia quale arma liberatoria per sfuggire alla routine degli impegni di lavoro, al ritmo degli orari, degli incarichi pubblici, privati e d'impiego. O si fuggiva all'estero (lo fece, ad esempio, Pound) finendo inevitabilmente a Londra o a Parigi; o ci si rifugiava in un consolatorio nido di casa che raccogliesse, assieme ai temi della famiglia, delle amicizie e delle ricerche letterarie, uno spirito di pace e di contemplazione liberatorio e molto individualista.

Emily Dickinson fu maestra in questo senso specialissimo e personalissimo. Ancora da studente, Stevens aveva pubblicato i suoi primi versi, ma fu con «Harmonium» del '23 che il suo nome cominciò a farsi noto nel piccolo cerchio degli scrittori di «Poetry», mentre il mondo correva in un agitato e scomposto itinerario di ricerche, di emozioni e di rivelazioni che il primo dopoguerra in Europa e negli Stati Uniti caratterizzava dal profondo.

Massimo Bacigalupo ha raccolto, con testo a fronte, per questa sua edizione, «Harmonium», «Idee dell'ordine», «L'uomo con la chitarra blu», «Parti di un mondo», «Trasporto all'estate», «Le aurore d'autunno», «La roccia», «Opus postumum» e «Adagi»: e così abbiamo ora un completo panorama di questo complesso di realtà e immaginazione che fino dall'inizio di «Harmonium» prende corpo con una solidità espressiva e stilistica sorprendente. Citiamo dal poemetto che dà il titolo alla raccolta: «Alta a occidente brucia una stella furiosa:/ fu posta in cielo per ragazzi focosi/ e per vergini profumate a loro strette./ Ciò che misura l'intensità dell'amore/ misura anche il vigore della terra./ Per me il ticchettio elettrico delle lucciole/ batte stancamente il tempo di un altro anno./ E tu? Ricorda come i grilli vennero/ dall'erba loro madre, parenti piccoli,/ nelle notti pallide, quando le tue prime immagini/ trovarono indizi del tuo legame con quella polvere». Proprio questo poemetto chiarisce esaurientemente sia i ruoli delle metafore che Stevens usa, sia i richiami della «forma dichiarativa» - scrive il curatore - che anima l'intensa e mobilissima percezione da lui introdotta nel discorso poetico intimo e universale nello stesso tempo. Ecco perché Bacigalupo può osservare che «conosciamo lui, figura possente e inavvicinabile (ma anche nascostamente molto umana e generosa), che vive nella nostra fantasia di lettori come altri grandi poeti-personaggi del suo tempo, Eliot, Pound, Hemingway , Marianne Moore, o anche Whitman e Dickinson».

Così abbiamo tutti i nomi che contano; così si possono instaurare infiniti confronti, così la straordinaria lezione della poesia dilaga come un universo di voci che Steven raccoglie in questi mirabili versi: «Poeta che carezzi altri nonnulla di schiuma/ di mare, concepisci per i chiostri/ di queste accademie la più divina salute/ svelata in forme comuni. Dispiega/ il nero bruto l'immagine. Disegna/ il tutto. Fissa la quiete. Prendi il posto/ dei genitori, gli antenati più lascivi./ Noi siamo concepiti nei tuoi concetti». (da «Parti di un mondo», 1942). Questa visione drammatica, questo «centro delle nostre vite» che ripete incessantemente il proprio refrain come un'ammonizione e insieme una preghiera, in Stevens si innalza spesso in paradosso «con pazienza e senza eccessive pretese di rivelazioni», sottolinea Bacigalupo. Ma una delle convinzioni del poeta, anzi della sua modernità, è esattamente questa: di saper vivere una vita senza cercare di renderla inimitabile e suprema: «la massima eleganza è non di consolare/ Né di santificare, ma semplicemente di proporre», di testimoniare per tutti gli altri uomini «fatti di parole». In questo senso «Le aurore d'autunno» ('52) uno dei capolavori di Stevens, ci fa comprendere l'intenso dramma del poeta di Reading, il suo stupirsi, quel segreto che lui definisce «l'infinito dell'attuale percepito/ una libertà rivelata, una realizzazione toccata,/ una realtà resa più acuta di un'irrealtà».

Tutte le poesie di Wallace Stevens - Meridiano Mondadori, pag. 1325, euro 80,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Salso: rogo in un garage, distrutte 4 auto; non si esclude natura dolosa

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

crisi

Copador: sciopero di due ore in vista dell'assemblea soci Video

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

14commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

storie di ex

Turchia: legami con Gulen, il Galatasaray caccia Hakan Sukur

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

27commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017