libri

Donald Trump, un fenomeno a stelle e strisce

"E' populista e demagogico, ma fa leva su paure e desideri che assillano il popolo americano"

Donald Trump, un fenomeno a stelle e strisce
Ricevi gratis le news
0

 

Donald Trump «figlio di un rispettabile tycoon tramutato in celebrità da tabloid e poi in sensazione di reality show» promette un Rinascimento americano: come non dargli credito quando molte delle “navi” varate dall’amministrazione Obama sono naufragate nei flutti della disoccupazione e dell’opposizione? Un prezioso saggio del giornalista e scrittore Mattia Ferraresi, corrispondente dall’America di varie testate, partendo dalle origini percorre vita passata e presente di «Un fenomeno americano» e cerca di dare una spiegazione alla smania collettiva che ha contagiato gli Stati Uniti con «La febbre di Trump» (Marsilio): un imprevisto aumento di temperatura che ha fatto del magnate il candidato alle presidenziali del partito di Abramo Lincoln alle elezioni del prossimo novembre.

Ferraresi, che cosa ha giocato a favore di Trump nelle primarie? Che cosa ha convinto chi l’ha votato?

Sicuramente il suo essere un outsider, non parlare il linguaggio della politica in questo momento storico soprattutto in America, attira molto. Un altro aspetto risale a un filone politico americano: non è una anomalia, non è un personaggio che non c’entra nulla col sistema come se fosse un errore. Credo ci sia una tradizione politica molto antica risalente a prima della seconda guerra mondiale in cui il conservatorismo repubblicano, aveva caratteristiche molto simili al comportamento di Trump. Non c’entra nulla con i conservatori alla Reagan, ma ha pur sempre una sua tradizione, e quando si è presentato sulla scena ha suscitato l’emotività dell’elettorato.

Quali sono le potenziali virtù che potrebbero favorirlo alle urne?

Penso che abbia degli argomenti molto forti e propone tante cose, ma tutte hanno come idea di fondo la protezione e la sicurezza. Quando parla dell’immigrazione, o del muro al confine con il Messico, sta assicurando protezione dal punto di vista economico e anche dal punto di vista della difesa personale, perché dal Messico – dice lui – arrivano non solo dei messicani stupratori e assassini ma anche lavoratori clandestini che prendono i posti della manovalanza medio bassa americana. E per il lavoratore statunitense che si sente poco protetto nella competizione con la manodopera straniera, Trump è convincente. Poi, che tutto ciò che dice e fa sia demagogico, populista o meno, ha poca importanza: funziona nei confronti dell’elettorato perché fa leva su paure e desideri che assillano il popolo americano.

Trump sarà in grado di dare a chi lo sostiene quello che promette, considerato che i suoi proclami elettorali sono in contrasto con molte direttive del Paese più democratico del mondo?

Per il momento storico che sta vivendo, in America è forte il desiderio di alcuni cambiamenti radicali per combattere la fortissima crisi dell’élite del partito che per sessant’anni è stato il più disciplinato d’Occidente. Trovo che il vuoto di potere della destra americana, abbia una parte gigantesca nel successo di Trump. Ma non è un incidente di percorso: questa crisi del totalitarismo è stata creata negli ultimi vent’anni, è stata cercata, coltivata, non s’è fatto nulla per raddrizzarla, e quando si crea un vuoto, prima o poi qualcuno lo riempie.

Che cosa si muove all’interno del retroterra ideologico di Trump?

Quello di Trump è un retroterra ideologico che lui interpreta in modo istintivo, incosciente. Non è un ideologo, ma esprime gli interessi della vecchia destra con al centro la preminenza dell’interesse americano sul resto del mondo. Per Trump l’America non rappresenta la democrazia occidentale da esportare in tutti i paesi, faro per tutte le nazioni. Quella di Trump è un’America isolazionista, fortemente protezionista, non universalista, non disponibile ad andare in giro per il mondo a dare lezioni di democrazia né di ideali di alcun tipo. Trump vuole stare a casa propria a far l’America grande come dice sempre, e con l’idea di negoziare con chiunque - pare che voglia fare affari con Putin e con la Corea del Nord - e non ci sono precondizioni per il dialogo perché non c’è un ideale democratico cui devono adeguarsi per parlare con gli Stati Uniti. Questa ideologia, che è quella della vecchia destra, è sicuramente interpretata da Trump in modo chiaro.

Quando si è formata in Trump questa ideologia?

Negli anni cinquanta, che sono quelli decisivi per la sua formazione ideologica. Era molto giovane, e quello è il decennio decisivo per inquadrare il “trumpismo”: e stato l’ultimo momento storico in cui questo tipo di ideologia ancora era una moneta corrente all’interno del partito repubblicano. Dopo di che le cose sono cambiate, ma Trump ha nostalgia del nazionalismo.

Sono vere le voci e le illazioni che vorrebbero i russi schierati  al fianco di Trump contro la  Clinton?

Non sappiamo se Putin e Trump stanno orchestrando un’operazione di sabotaggio del partito democratico. Ci sono chiacchiere ma non ci sono prove. Quello che possiamo dire senza nessun dubbio è l’esistenza di una convergenza ideologica di comodo. Putin ha tutto l’interesse che alla presidenza degli Stati Uniti ci sia una persona che giudica la Nato obsoleta, che ha pochi riguardi per le alleanze internazionali ed ha un concetto nazionalista come il suo anche se in salsa diversa. I due s’incontrano sul piano ideologico in modo chiaro: Putin ha la possibilità di avere un partner con cui negoziare invece che un mastino democratico al quale rispondere che usa la politica e la Nato come strumento di pressione e di isolamento della Russia sottoposta a sanzioni.

La febbre di Trump di Mattia Ferraresi - Marsilio, pag. 159,  euro 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

allarme maltempo

L'Enza e il Taro fanno paura: vertice notturno. Sorbolo, ponte chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

anteprima Gazzetta

Un altro grave incidente sulla Massese

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

Ladri, rifiuti, droga: non c'è pace. Ma qualcuno "resiste". Parlano i commercianti

4commenti

autostrada

Auto si capovolge in A1 a Campegine: conducente illeso Foto

ieri sera

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

28commenti

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

3commenti

legambiente

La Brescia-Parma tra le peggiori linee ferroviarie d'Italia con la Circumvesuviana e l'Agrigento-Palermo

3commenti

GAZZAFUN

Dagli ex alle coppe vinte: 10 quiz per sapere tutto del Parma

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

1commento

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS