17°

30°

Società

Bimbi emotivi? Valorizzarli

Bimbi emotivi? Valorizzarli

I bimbi ipersensibili vivono intensamente la propria affettività

0
 

«L'ipersensibilità non è una malattia, né una carenza, né un difetto. Nessun terapeuta è in grado di ''eliminare'' l’ipersensibilità di un bambino. L’ipersensibilità è una caratteristica ereditata, un elemento distintivo e, più propriamente, un talento». Lo afferma l’autore bestseller Rolf Sellin nel suo libro «I bambini sensibili hanno una marcia in più» (Feltrinelli, pag. 180, € 13,00), sorta di manuale per comprendere a fondo l’ipersensibilità nell’infanzia e scritto per dare a genitori e insegnanti le chiavi per fare di questa qualità un importante punto di forza. Consulente e psicoterapeuta (formatosi in coaching sistemico), Sellin spiega attraverso le pagine di questo prezioso volume come i bambini dotati di grande sensibilità vivano il mondo in maniera più intensa e diversa rispetto ai coetanei. Alcuni timidi, paurosi, altri aggressivi o nervosi, altri ancora particolarmente empatici, i bimbi ipersensibili percepiscono il mondo esterno differentemente da come lo percepiscono gli altri e necessitano di aiuto per farsi rispettare ed accettare. «Se un bambino viene definito ipersensibile, significa che percepisce più stimoli e informazioni di altri, oltre che con maggiore intensità e coinvolgimento interiore. E’ come se guardasse ben oltre il proprio naso e si proiettasse verso chi gli sta di fronte, molte volte anche andando in profondità. Questo gli permette di immedesimarsi nel prossimo e, spesso, di sviluppare fin da piccolo la capacità di comprendere chi ha accanto. Ciò lo porta, ovviamente, a dover anche elaborare a livello psichico e mentale stimoli in numero e intensità maggiori, un processo che gli richiede più impegno rispetto a quello necessario a un bambino meno sensibile», spiega l’autore, che sottolinea, pagina dopo pagina, come ipersensibilità non significhi debolezza, o introversione o sofferenza e come essa possa abbinarsi a qualsiasi grado di intelligenza, predisposizione o limite. Sull’argomento interviene Paola Mendogni, psicologa parmigiana esperta in psicologia infantile: «I bambini ipersensibili sono particolarmente reattivi agli stimoli esterni, a ciò che accade loro intorno. L’ipersensibilità non è una malattia, ma è una caratteristica del bambino che lo porta a reagire con maggiore intensità a determinati stimoli. Questa caratteristica fa in genere parte della loro costituzione di base ed è un tratto distintivo della loro personalità, sebbene crescendo imparino in genere a controllarla maggiormente e a mediare la loro risposta istintiva con la razionalità». La Mendogni spiega che anche esperienze traumatiche precoci o certi modelli educativi genitoriali possono generare o incrementare tale ipersensibilità. «L’ipersensibilità può essere sia uno svantaggio che un vantaggio. I piccoli che ne manifestano i ''sintomi'' presentano, infatti, una maggiore sensibilità e profondità nel leggere il mondo esterno, ma ne sono anche maggiormente condizionati; ciò può portare benefici se gli input sono buoni e positivi, ma può accadere anche il contrario. Vivendo tutto in modo emotivamente più intenso possono sia soffrire che gioire di più. Da un parte, infatti, reagiscono con maggiore impulsività agli stimoli esterni, hanno in genere una bassa tolleranza alle frustrazioni, si irritano facilmente, sono bambini meno pronti e protetti nei confronti delle avversità e degli eventi negativi. Dall’altra, però, sono bambini in grado di cogliere più facilmente e profondamente le sfumature e le caratteristiche delle cose e delle situazioni, sono anche più pronti a ricevere il sostegno ambientale in quanto maggiormente in grado di cogliere e reagire a stimoli positivi dati per esempio dai genitori, dai pari o in generale dal mondo esterno - continua l’esperta -. Sono bambini per lo più molto sensibili, che hanno reazioni forti, spesso eccessive rispetto alla media dei loro coetanei, sia in positivo che in negativo. L’ipersensibilità li rende più vulnerabili ma anche più attenti e capaci di cogliere le cose con maggiore profondità e ricchezza e di farne tesoro. Poiché questi sono bimbi emotivamente molto reattivi e sensibili agli stimoli, anche relazionali, provenienti dall’esterno, i genitori e gli educatori devono essere in grado di capire e cogliere tale aspetto, di non banalizzarlo o minimizzarlo, ma di relazionarsi con loro con attenzione e delicatezza, tenendo conto che un’esperienza nuova, ambienti e relazioni diverse, un successo o un insuccesso, possono produrre effetti e reazioni importanti nel bambino. L’adulto deve fungere da mediatore sia emotivo che cognitivo aiutando il piccolo a leggere e a decodificare gli stimoli e le sue reazioni con maggiore serenità, razionalità e controllo emotivo. Poiché gli stimoli esterni risuonano dentro di lui con un eco maggiore, vanno aiutati ad imparare a regolarne il volume su un tono che dia benessere». Nel volume di Sellin vengono trattati temi quali: riconoscere quando nostro figlio è ipersensibile; evitare gli errori tipici con i bimbi sensibili; definire limiti, regole e aspettative per trasformare la sensibilità in un vantaggio e scegliere la scuola più adatta per questi bambini con una marcia in più, ricchi di enormi potenzialità.

I bambini sensibili hanno una marcia in più

di Rolf Sellin

Feltrinelli, pag. 180, euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Vangelo di don Cocconiora diventa un libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Vangelo di don Cocconi ora diventa un libro

Lealtrenotizie

Ordinanza di riduzione dell’orario di vendita per asporto di bevande alcooliche e superalcooliche, nei confronti dell’esercizio commerciale ubicato in Parma, Via Trento n. 15/E.“

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

3commenti

lega pro

Parma, non far lo stupido stasera - Probabili formazioni

Play-off: alle 20.30 al Tardini arriva il Piacenza per il match di ritorno degli ottavi. Ai crociati basta non perdere

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

CALCIO

Parma-Piacenza: le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

9commenti

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

13commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

1commento

motori

Abarth Day, a Varano oltre 5 mila fan dello Scorpione

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Italia

Melania Trump fa autografi e selfie con i bambini

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

1commento

SOCIETA'

SEMBRA IERI

Sembra ieri: taglio del nastro per la nuova Curva Nord (1992)

1commento

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

7commenti

SPORT

calcio

Torna a splendere il "Filadelfia", qui giocava il Grande Torino Gallery

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare