19°

Società

Bimbi emotivi? Valorizzarli

Bimbi emotivi? Valorizzarli

I bimbi ipersensibili vivono intensamente la propria affettività

0
 

«L'ipersensibilità non è una malattia, né una carenza, né un difetto. Nessun terapeuta è in grado di ''eliminare'' l’ipersensibilità di un bambino. L’ipersensibilità è una caratteristica ereditata, un elemento distintivo e, più propriamente, un talento». Lo afferma l’autore bestseller Rolf Sellin nel suo libro «I bambini sensibili hanno una marcia in più» (Feltrinelli, pag. 180, € 13,00), sorta di manuale per comprendere a fondo l’ipersensibilità nell’infanzia e scritto per dare a genitori e insegnanti le chiavi per fare di questa qualità un importante punto di forza. Consulente e psicoterapeuta (formatosi in coaching sistemico), Sellin spiega attraverso le pagine di questo prezioso volume come i bambini dotati di grande sensibilità vivano il mondo in maniera più intensa e diversa rispetto ai coetanei. Alcuni timidi, paurosi, altri aggressivi o nervosi, altri ancora particolarmente empatici, i bimbi ipersensibili percepiscono il mondo esterno differentemente da come lo percepiscono gli altri e necessitano di aiuto per farsi rispettare ed accettare. «Se un bambino viene definito ipersensibile, significa che percepisce più stimoli e informazioni di altri, oltre che con maggiore intensità e coinvolgimento interiore. E’ come se guardasse ben oltre il proprio naso e si proiettasse verso chi gli sta di fronte, molte volte anche andando in profondità. Questo gli permette di immedesimarsi nel prossimo e, spesso, di sviluppare fin da piccolo la capacità di comprendere chi ha accanto. Ciò lo porta, ovviamente, a dover anche elaborare a livello psichico e mentale stimoli in numero e intensità maggiori, un processo che gli richiede più impegno rispetto a quello necessario a un bambino meno sensibile», spiega l’autore, che sottolinea, pagina dopo pagina, come ipersensibilità non significhi debolezza, o introversione o sofferenza e come essa possa abbinarsi a qualsiasi grado di intelligenza, predisposizione o limite. Sull’argomento interviene Paola Mendogni, psicologa parmigiana esperta in psicologia infantile: «I bambini ipersensibili sono particolarmente reattivi agli stimoli esterni, a ciò che accade loro intorno. L’ipersensibilità non è una malattia, ma è una caratteristica del bambino che lo porta a reagire con maggiore intensità a determinati stimoli. Questa caratteristica fa in genere parte della loro costituzione di base ed è un tratto distintivo della loro personalità, sebbene crescendo imparino in genere a controllarla maggiormente e a mediare la loro risposta istintiva con la razionalità». La Mendogni spiega che anche esperienze traumatiche precoci o certi modelli educativi genitoriali possono generare o incrementare tale ipersensibilità. «L’ipersensibilità può essere sia uno svantaggio che un vantaggio. I piccoli che ne manifestano i ''sintomi'' presentano, infatti, una maggiore sensibilità e profondità nel leggere il mondo esterno, ma ne sono anche maggiormente condizionati; ciò può portare benefici se gli input sono buoni e positivi, ma può accadere anche il contrario. Vivendo tutto in modo emotivamente più intenso possono sia soffrire che gioire di più. Da un parte, infatti, reagiscono con maggiore impulsività agli stimoli esterni, hanno in genere una bassa tolleranza alle frustrazioni, si irritano facilmente, sono bambini meno pronti e protetti nei confronti delle avversità e degli eventi negativi. Dall’altra, però, sono bambini in grado di cogliere più facilmente e profondamente le sfumature e le caratteristiche delle cose e delle situazioni, sono anche più pronti a ricevere il sostegno ambientale in quanto maggiormente in grado di cogliere e reagire a stimoli positivi dati per esempio dai genitori, dai pari o in generale dal mondo esterno - continua l’esperta -. Sono bambini per lo più molto sensibili, che hanno reazioni forti, spesso eccessive rispetto alla media dei loro coetanei, sia in positivo che in negativo. L’ipersensibilità li rende più vulnerabili ma anche più attenti e capaci di cogliere le cose con maggiore profondità e ricchezza e di farne tesoro. Poiché questi sono bimbi emotivamente molto reattivi e sensibili agli stimoli, anche relazionali, provenienti dall’esterno, i genitori e gli educatori devono essere in grado di capire e cogliere tale aspetto, di non banalizzarlo o minimizzarlo, ma di relazionarsi con loro con attenzione e delicatezza, tenendo conto che un’esperienza nuova, ambienti e relazioni diverse, un successo o un insuccesso, possono produrre effetti e reazioni importanti nel bambino. L’adulto deve fungere da mediatore sia emotivo che cognitivo aiutando il piccolo a leggere e a decodificare gli stimoli e le sue reazioni con maggiore serenità, razionalità e controllo emotivo. Poiché gli stimoli esterni risuonano dentro di lui con un eco maggiore, vanno aiutati ad imparare a regolarne il volume su un tono che dia benessere». Nel volume di Sellin vengono trattati temi quali: riconoscere quando nostro figlio è ipersensibile; evitare gli errori tipici con i bimbi sensibili; definire limiti, regole e aspettative per trasformare la sensibilità in un vantaggio e scegliere la scuola più adatta per questi bambini con una marcia in più, ricchi di enormi potenzialità.

I bambini sensibili hanno una marcia in più

di Rolf Sellin

Feltrinelli, pag. 180, euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Piazzale Pablo e parco Falcone: scatta il divieto

ALCOLICI

Piazzale Pablo e parco Falcone: scatta il divieto

Pieveottoville

Schianto all'incrocio, muore un 55enne

Tornolo

Addio a Chiara Lusardi, una «roccia» di 103 anni

LIRICA

«Masnadieri» snobbati

CONCERTO

Brunori Sas, in Pilotta tutto bene

Lutto

Il Montanara piange Pessina

BORGO DELLE COLONNE

Assalto dei ladri al bar Portici

VENDITA DELLE AZIONI

Fiere, più sviluppo grazie al privato

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"