12°

19°

FORTUNA E GLI ALTRI

La voce degli innocenti, il silenzio degli omertosi

Fortuna Loffredo

Fortuna Loffredo

Ricevi gratis le news
1

Ormai qualcuno se lo starà già dimenticando a causa del quotidiano bombardamento di notizie drammatiche. Sto parlando dell’ultimo episodio di pedofila e violenza accaduto in un quartiere periferico di Napoli. Della morte dell’ennesima vittima innocente, Fortuna Loffredo, una bambina segnata, nonostante il suo nome, da un crudelissimo destino fatto di abusi sessuali e di una morte violenta per essersi ribellata ai desideri di un orco.

Questo è il fatto che ha inevitabilmente portato alla luce una serie di altri atroci episodi di gente malata che approfittava di bambini indifesi. Una tragedia che ha innescato la scoperta di altre atrocità come la “morte casuale” di un bambino volato giù, guarda caso dallo stesso palazzo, dove viveva la piccola Fortuna. Ma ciò che sconvolge di più, al di là del fatto che non ha aggettivi per essere descritto, è l’omertà della gente che sapeva, ma soprattutto di madri e padri che tacevano di fronte a questi episodi di, ormai non più, straordinaria follia. E follia è proprio la paura di parlare, il far finta di nulla, per chissà quale motivo. Questa è la vera tragicità dell’accaduto: il silenzio degli omertosi e la voce di bambini innocenti che, attraverso disegni e con l’aiuto di psicologi, poliziotti ed altri esperti, hanno potuto alzare la mano e gridare aiuto, raccontando gli episodi accaduti.

E così, dai quaderni della piccola Fortuna Loffredo, a seguito delle analisi di grafologi, sono emersi altri spaventosi dettagli su quello che la bimba stava subendo nel palazzo degli orchi al Parco Verde di Caivano. Nei disegni della piccola infatti c’erano colori forti con tratti molto marcati, espressione di rabbia ed aggressività; figure femminili, viste come una minaccia, finestre con le sbarre, case inaccessibili senza porte e tanti altri elementi che denotavano paura della separazione, ricatti, e il divieto di raccontare il segreto. L’orco, a quanto pare non è altro che il vicino di casa, adesso si trova agli arresti in carcere con l’accusa di  omicidio colposo e abusi sessuali. Non voglio soffermarmi sul fatto e sulla pena che sarà scelta per il colpevole e magari per chi ha consapevolmente taciuto, ma vorrei fare un invito a riflettere su quello che è successo e soprattutto sulla situazione di degrado, viltà e indifferenza che mette in luce una società che si potrebbe definire “bestiale”. “Poi passa” diceva una mamma, che faceva finta di nulla e rimaneva in silenzio! Ed era proprio la stessa mamma alla quale, qualche anno prima, era morto un bambino nello stesso modo.

Poi passa cosa?” Si chiedeva forse la piccola Fortuna. La rabbia? L’infanzia? L’innocenza? Il dolore? La paura? La vergogna? E proprio la vergogna dovrebbero provare le persone che sono rimaste in silenzio, persone che a quanto pare non provano nemmeno un briciolo di pietà. Possibile che non ci fosse nessuna voce fuori dal coro? Questa è la vera tragedia. La bestialità del “branco” e la totale mancanza di controllo sociale. Della pena se ne occuperanno gli avvocati e i magistrati e, chissà, forse anche i carcerati che, a loro modo, hanno comunque un codice etico e già hanno tentato di fare giustizia con la bestia in questione. Uno spiraglio di luce però c’è nei bambini salvati dal parco degli orrori, innocenti che magari cresceranno zoppi, ma hanno già vinto la loro prima dura battaglia della vita portando alla luce questi fatti. Bambini che hanno ancora tempo per imparare che non tutti gli esseri umani sono uguali e che esistono anche altri sentimenti, tra cui l’amore. Perché oltre agli orchi esistono anche le fate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Aldo

    09 Maggio @ 15.39

    Una analisi attenta , semplice nella sua complessita....ovvero poche parole per definire che piu della stessa violenza il peggio e' infatti il contorno a cio che e' accaduto. Il silenzio e la collusione di molti . La violenza puo' essere privata , circoscritta all'orco ed alla bambina , e' fisica , bestiale ma la violenza piu grave e' la condivisione della violenza privata e "socializzarla" per farla diventare una violenza di gruppo dove piu' condomini si scambiavano i bambini da abusare. Una violenza " condominiale" , il problema a questo punto e' : la violenza si era concentrata in quel condominio solamente o la violenza era generalizzata ad altri bambini di altri palazzi ??? E' l'intero quartiere degradato o solamente il gioco perverso di poche famiglie ? E poi chi e' piu colpevole, i diretti interessati o chi sapendo ha taciuto ? Ogni giorno assistiamo a violenze su persone inabili, vecchi , malati in case di cura od in ospedali....fatti di cronaca dove "colleghi" dei violenti condividono gli stessi spazi e nessuno parla......personalmente non mi pongo a giudice ma colpevoli diretti e "chi sapeva ma taceva" devono essere messi sullo stesso piano.... Nessuna pieta'

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

Lunedì

A1, chiusura casello di Parma in entrata per MI e uscita per BO 4 notti Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va