-3°

FORTUNA E GLI ALTRI

La voce degli innocenti, il silenzio degli omertosi

Fortuna Loffredo

Fortuna Loffredo

Ricevi gratis le news
1

Ormai qualcuno se lo starà già dimenticando a causa del quotidiano bombardamento di notizie drammatiche. Sto parlando dell’ultimo episodio di pedofila e violenza accaduto in un quartiere periferico di Napoli. Della morte dell’ennesima vittima innocente, Fortuna Loffredo, una bambina segnata, nonostante il suo nome, da un crudelissimo destino fatto di abusi sessuali e di una morte violenta per essersi ribellata ai desideri di un orco.

Questo è il fatto che ha inevitabilmente portato alla luce una serie di altri atroci episodi di gente malata che approfittava di bambini indifesi. Una tragedia che ha innescato la scoperta di altre atrocità come la “morte casuale” di un bambino volato giù, guarda caso dallo stesso palazzo, dove viveva la piccola Fortuna. Ma ciò che sconvolge di più, al di là del fatto che non ha aggettivi per essere descritto, è l’omertà della gente che sapeva, ma soprattutto di madri e padri che tacevano di fronte a questi episodi di, ormai non più, straordinaria follia. E follia è proprio la paura di parlare, il far finta di nulla, per chissà quale motivo. Questa è la vera tragicità dell’accaduto: il silenzio degli omertosi e la voce di bambini innocenti che, attraverso disegni e con l’aiuto di psicologi, poliziotti ed altri esperti, hanno potuto alzare la mano e gridare aiuto, raccontando gli episodi accaduti.

E così, dai quaderni della piccola Fortuna Loffredo, a seguito delle analisi di grafologi, sono emersi altri spaventosi dettagli su quello che la bimba stava subendo nel palazzo degli orchi al Parco Verde di Caivano. Nei disegni della piccola infatti c’erano colori forti con tratti molto marcati, espressione di rabbia ed aggressività; figure femminili, viste come una minaccia, finestre con le sbarre, case inaccessibili senza porte e tanti altri elementi che denotavano paura della separazione, ricatti, e il divieto di raccontare il segreto. L’orco, a quanto pare non è altro che il vicino di casa, adesso si trova agli arresti in carcere con l’accusa di  omicidio colposo e abusi sessuali. Non voglio soffermarmi sul fatto e sulla pena che sarà scelta per il colpevole e magari per chi ha consapevolmente taciuto, ma vorrei fare un invito a riflettere su quello che è successo e soprattutto sulla situazione di degrado, viltà e indifferenza che mette in luce una società che si potrebbe definire “bestiale”. “Poi passa” diceva una mamma, che faceva finta di nulla e rimaneva in silenzio! Ed era proprio la stessa mamma alla quale, qualche anno prima, era morto un bambino nello stesso modo.

Poi passa cosa?” Si chiedeva forse la piccola Fortuna. La rabbia? L’infanzia? L’innocenza? Il dolore? La paura? La vergogna? E proprio la vergogna dovrebbero provare le persone che sono rimaste in silenzio, persone che a quanto pare non provano nemmeno un briciolo di pietà. Possibile che non ci fosse nessuna voce fuori dal coro? Questa è la vera tragedia. La bestialità del “branco” e la totale mancanza di controllo sociale. Della pena se ne occuperanno gli avvocati e i magistrati e, chissà, forse anche i carcerati che, a loro modo, hanno comunque un codice etico e già hanno tentato di fare giustizia con la bestia in questione. Uno spiraglio di luce però c’è nei bambini salvati dal parco degli orrori, innocenti che magari cresceranno zoppi, ma hanno già vinto la loro prima dura battaglia della vita portando alla luce questi fatti. Bambini che hanno ancora tempo per imparare che non tutti gli esseri umani sono uguali e che esistono anche altri sentimenti, tra cui l’amore. Perché oltre agli orchi esistono anche le fate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Aldo

    09 Maggio @ 15.39

    Una analisi attenta , semplice nella sua complessita....ovvero poche parole per definire che piu della stessa violenza il peggio e' infatti il contorno a cio che e' accaduto. Il silenzio e la collusione di molti . La violenza puo' essere privata , circoscritta all'orco ed alla bambina , e' fisica , bestiale ma la violenza piu grave e' la condivisione della violenza privata e "socializzarla" per farla diventare una violenza di gruppo dove piu' condomini si scambiavano i bambini da abusare. Una violenza " condominiale" , il problema a questo punto e' : la violenza si era concentrata in quel condominio solamente o la violenza era generalizzata ad altri bambini di altri palazzi ??? E' l'intero quartiere degradato o solamente il gioco perverso di poche famiglie ? E poi chi e' piu colpevole, i diretti interessati o chi sapendo ha taciuto ? Ogni giorno assistiamo a violenze su persone inabili, vecchi , malati in case di cura od in ospedali....fatti di cronaca dove "colleghi" dei violenti condividono gli stessi spazi e nessuno parla......personalmente non mi pongo a giudice ma colpevoli diretti e "chi sapeva ma taceva" devono essere messi sullo stesso piano.... Nessuna pieta'

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

4commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

AGROINDUSTRIA

Accordo "salva granai" tra 100 pastifici, 85 molini e oltre 1 milione di imprese agricole

Resta fuori in polemica Coldiretti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

genova

Aggredisce una donna per rapinarla, "arrestato" dai boyscout

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Voci di dimissioni per Gattuso, il Milan smentisce

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento