10°

22°

gita fuori porta

Gonzaga. Antiquariato da principi

Il 2 giugno, dall'alba al tramonto, centinaia di bancarelle nelle piazze: dagli abiti vintage ai dischi, alle ceramiche

Gonzaga. Antiquariato da principi
Ricevi gratis le news
0

In viaggio nella Bassa mantovana, nel paese che ha dato origine al più famoso casato di questa terra: stiamo parlando dei Gonzaga, il cui nome viene proprio da questa cittadina. E Gonzaga giovedì 2 giugno, festa della Repubblica, ospita il tradizionale mercato «C'era una volta», antiquariato e non solo. Le bancarelle invadono piazza Matteotti, il salotto di Gonzaga, la confinante piazza della Vittoria, piazza Castello e il dedalo di vie che portano a questi luoghi.
MERCANZIE DI OGNI GENERE
Ambulanti dappertutto e con mercanzie di ogni genere: dai mobili alle ceramiche, dai giornali alle riviste d'antan, alle locandine delle pellicole, meglio se degli anni '50 o '60, per continuare con i dischi in vinile - proprio curiosando tra queste bancarelle non è difficile incontrare artisti famosi in passato a caccia dei loro successi - e la bigiotteria, ma di qualità (c'è una signora che la fa arrivare addirittura da Parigi), che strizza l'occhio agli anni Sessanta e Settanta. Come per l'abbigliamento: anche fuori stagione, come può essere per l'evento del 2 giugno, è possibile trovare pellicce. E, naturalmente, borse griffate, abiti vintage, scarpe. Insomma proprio tutto per rifarsi il guardaroba. Certo al visitatore occorrerà tempo e soprattutto molta pazienza per girare tra i numerosi banchi a caccia dell'oggetto che sogna da tempo: ma, alla fine, qualcosa di unico lo troverà certamente. Parola di chi ha già vissuto questa situazione.
ARRIVO IN PIENA NOTTE
Gli ambulanti arrivano da tutta Italia, addirittura in piena notte. «Sono arrivata una volta alle tre del mattino - racconta una signora che, con la sua bancarella, è un'habituée di Gonzaga - e alcuni erano qui. La dislocazione, lo ricordo, è fondamentale: per essere visibili e soprattutto facilmente individuabili. Visto che, certamente ognuno di noi, può contare su una clientela affezionata».
NUCLEO STORICO
E' proprio così perché l'appuntamento di Gonzaga - che si tiene nelle festività come il lunedì di Pasqua, il 25 aprile, il 1° maggio, il 2 giugno e tornerà domenica 24 luglio - può contare su un nucleo storico di visitatori: persone che non si perdono nessuna edizione del mercatino e stabiliscono con gli ambulanti un contatto continuo. Con promesse di acquisto anche post-datate.
«C'era una volta», lo ricordiamo, è organizzato dal Circolo filatelico, numismatico e hobbistico di Gonzaga che ha disciplinato con un regolamento lo svolgimento della manifestazione, i cui proventi vanno in beneficenza.
FIERA MILLENARIA
Ma Gonzaga, prima del mercatino dell'antiquariato, era già conosciuta in tutta Italia per la sua Fiera millenaria, le cui origini risalgono al IX secolo, appuntamento di rilevanza nazionale che richiama, a settembre, allevatori e agricoltori da ogni parte del nostro Paese e anche dall'estero. Gonzaga, come già detto, è nota anche per avere dato i natali a quella famiglia Corradi che, una volta conquistato il potere a Mantova, cambiò il proprio nome con quello del paese d'origine: i Gonzaga.
Una cittadina ricca di storia, non solo per il glorioso nome del casato. Gonzaga, infatti, aveva un castello di origine medievale: venne edificato nel XIII secolo dai conti Casalodi per proteggere la popolazione dalle scorrerie degli Ungari e passò quindi ai Gonzaga che lo dotarono di sette torri e contrafforti. Come abbiamo già accennato la bella piazza porticata domina il «cuore» della cittadina, in fondo alla quale dominano le due torri quattrocentesche, unici resti dell'antico castello: la maggiore, con sopraelevazione cinquecentesca, è una delle più belle di tutto il Mantovano. Di pregevole bellezza anche il convento di Santa Maria, fondato dal religioso Gerolamo Redini di Castel Goffredo e appartenne alla Congregazione degli Eremiti di Santa Maria in Gonzaga. E' datato attorno al 1490. Proprio quest'anno, inoltre, Gonzaga festeggia i 150 anni dall'ingresso nel Regno d'Italia (poi diventato Repubblica) dopo la vittoria nella Terza guerra d'Indipendenza.
QUI GIRO' ANCHE PASOLINI
Infine una curiosità cinematografica: nel 1975 Pier Paolo Pasolini girò proprio a Gonzaga, nella piazza principale e in quelle vicine, alcune scene del suo film «Salò o le 120 giornate di Sodoma»: prima la drammatica uccisione di una donna e poi i rastrellamenti effettuati dai tedeschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'Oltretorrente continua a scendere in strada: passeggiata e giochi con i gessetti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Spray al peperoncino a scuola. In cinque al pronto soccorso

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Bari

La Finanza ferma un gommone con 1,5 tonnellate di marijuana

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto