-3°

IL CASO

Gli ospiti della Rems: «Veniteci a trovare, poi ci giudicherete»

Gli ospiti della Rems: «Veniteci a trovare, poi ci giudicherete»

Ospiti e operatori della Rems con il sindaco Azzali e i consiglieri Bertoli e Pellegri

0
 

Una merenda con torta salata, aranciata e dolci per stemperare le tensioni, esterne, degli ultimi giorni. Una lunga chiacchierata in giardino sotto il sole, disposti in cerchio, insieme agli ospiti della Rems – tra loro anche l’uomo che si era allontanato il primo maggio - per raccontarsi, conoscersi meglio e gettare le basi di progetti da portare avanti insieme per una struttura in dialogo con il territorio.

Dopo le polemiche per i due allontanamenti i consiglieri comunali di Mezzani Alfio Bertoli, per la minoranza, e Giovanni Pellegri, per la maggioranza – insieme al sindaco Romeo Azzali – sono stati accolti all’interno della Rems di Casale.

Per loro un paio di ore a diretto contatto con gli ospiti, visitando le stanze della struttura. Poi una lunga chiacchierata in giardino.

«I cittadini di Mezzani e non solo – ha spiegato il direttore del dipartimento di salute mentale Pietro Pellegrini – potranno visitare la Rems quando vorranno. Basterà prendere accordi con la struttura per entrare all’interno, conoscere gli ospiti e vedere da vicino, con i propri occhi, le attività che vengono organizzate. La Rems vuole essere un acquario, trasparente per i cittadini. L’attenzione dimostrata dai cittadini di Mezzani in queste settimane è per noi un fatto positivo. Dimostra che siamo in un territorio responsivo, in una realtà di paese ancora attenta a quello che accade sul proprio territorio. Già solo in città la situazione è ben diversa. A Parma nessuno si sarebbe accorto degli allontanamenti, qui invece c’è un tessuto sociale attivo ed attento e per noi questo è un valore aggiunto».

La responsabile della struttura Giuseppina Paulillo e gli operatori hanno poi illustrato il calendario di attività che vengono svolte ogni settimana: dalle attività di gruppo a quelle individuali tra corsi di teatro, cineforum, momenti ludici e di attività terapeutica, cura del verde e dell’orto della struttura e poi ancora cucina ed attività musicali oltre ad uscite in gruppo o individuali.

«Il concetto primario è quello della dignità umana – hanno spiegato gli operatori - Noi parliamo di ospiti proprio perché vogliamo che la loro presenza in struttura sia transitoria. La Rems non è un carcere, ma una struttura sanitaria dalla quale le persone non devono scappare, ma compiere un percorso per uscire a testa alta dalla porta principale. Stiamo compiendo un passaggio storico che un domani potrebbe essere ricordato come l’epoca di Basaglia per gli ospedali psichiatrici. L’aspetto fondamentale, anche per evitare allontanamenti che restano sempre possibili, è quello di prevedere adeguati percorsi di cura. Gli invii in struttura devono essere valutati attentamente e gestiti nel modo adeguato e l’ospite deve essere preparato ad iniziare un percorso di cura con noi».

«Qui si sta bene – confermano gli ospiti - Come abbiamo scritto in un testo vogliamo stupire, in positivo, i cittadini. Chiediamo alla gente di non essere giudicati per sentito dire, ma solo dopo averci conosciuto».

Ora nuovo slancio ai progetti verso l’esterno. Tra questi anche quello di istituire un premio letterario, aperto a tutti, dal titolo «Potremmo stupirvi in positivo» nel quale affrontare i temi dell’inclusione. C’è poi l’idea di coinvolgere i consiglieri comunali per favorire il dialogo con i territori di provenienza degli ospiti della Rems per non far cadere nel vuoto il lavoro svolto nella struttura di Mezzani.

Al termine della visita positivo il commento del consigliere di opposizione Bertoli: «la struttura sembra del tutto idonea al proprio scopo – ha commentato il consigliere che tra l’altro ha lavorato per dieci anni nel settore psichiatrico -. Gli allontanamenti, purtroppo, fanno parte dei rischi di queste strutture. Qualche dubbio mi resta in merito alla scelta di un paese piccolo come Casale. Prevedere una struttura simile in una realtà più grande, come Colorno o Sorbolo, avrebbe forse offerto qualche opportunità di inclusione in più agli ospiti potendo contare su una rete di servizi più ampia».

«Non c’è da spaventarsi – ha aggiunto Pellegri – è importante conoscere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

allarme

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

1commento

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

5commenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

5commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Comune

Bilancio: tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift