Torrente Baganza

Alluvione Parma: al via l'Iter per cassa espansione Burla

Tavolo tecnico interistituzionale comunale al lavoro: primo bilancio

Alluvione Parma: al via l'Iter per cassa espansione Burla
Ricevi gratis le news
3

Il progetto completo per la realizzazione di una cassa di espansione del canale Burla, al centro di polemiche a Parma dopo l’esondazione del torrente Baganza, è stato consegnato alla Regione oggi.
Solo ora potrà partire l’iter della Valutazione di impatto ambientale (Via) per la realizzazione della cassa di espansione delle piene che metta in sicurezza Ravadese. Il Consorzio di Bonifica Parmense aveva, infatti, presentato lo scorso 4 agosto un progetto con grandi lacune, emerse nel corso della verifica di completezza che precede l’avvio della Via. Come previsto dalla legge, gli uffici della Regione hanno chiesto le integrazioni (il 12 settembre) e sollecitato il Consorzio affinchè inviasse i documenti mancanti, che sono appunto giunti solo oggi. Ciò comporta l’avvio della procedura di Via.

 

Tavolo tecnico interistituzionale in municipio per concordare una strategia comune contro i rischi legati a possibili esondazioni del torrente Baganza

Tavolo tecnico interistituzionale in municipio per affrontare in modo coordinato tra Enti i problemi emersi in occasione dell’esondazione del torrente Baganza di lunedì 13 ottobre. L’obiettivo è quello di definire un percorso condiviso che preveda la revisione del protocollo relativo all’allerta meteo, una revisione del sistema pluviometrico, la sottoscrizione di un nuovo protocollo di intesa, dopo quello del 2011, che coinvolga tutti i soggetti che insistono nel bacino idrografico del Baganza, le misure da adottare in ambito di programmazione degli strumenti di pianificazione territoriale dei singoli Comuni che garantiscano la sicurezza idraulica e il progetto della nuova Cassa di Espansione.
Tanti sono stati gli argomenti al centro dell’incontro a cui hanno partecipato il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, il presidente della Provincia Filippo Fritelli, gli assessori del Comune di Parma Gabriele Folli e Michele Alinovi, i sindaci di Sala Baganza Cristina Merusi e di Felino Maurizio Bertani, tecnici e amministratori dei Comuni di Collecchio, Calestano, Terenzo, Berceto, rappresentanti della Prefettura di Parma, dei Vigili del Fuoco, di Arpa Parma, del Consorzio di Bonifica Parmense, della Protezione Civile e di Aipo. Il tavolo è stato convocato dal Sevizio Tecnico di Bacino rappresentato da Claudio Malaguti e Gianfranco Larini.
Ed è stato proprio l’ingegner Malaguti che ha fatto il punto della situazione a poco più di un mese dall’esondazione del Baganza che, nella zona urbana, è stato interessato dalla pulizia a fondo del letto, e dalla realizzazione di sistemi di difesa spondale laddove è straripato. Sono state rinforzate sia la sponda destra che sinistra del torrente. C’è in previsione, con costi pari a 300 mila euro, la pulizia ed il ripristino di tutte le arcate del ponte dei Carrettieri, in modo da agevolare il passaggio delle acque in caso di piena.
Fino ad oggi sono stati spesi circa 2 milioni e 500 mila euro per gli interventi di somma urgenza nella zona dell’esondazione. Tali interventi dovrebbero essere finanziati nell’ambito dei 14 milioni di euro derivanti dal riconoscimento dello stato di calamità.
Tutto questo per mettere in sicurezza la città. Ma la soluzione radicale per fare in modo che Parma sia tutelata per sempre è la realizzazione della Casse di Espansione. Ne ha parlato l’ingegner Mioni di Aipo, dicendo che l’ultimo progetto, che prevede una unica grande cassa, è stato pensato per mettere in sicurezza sia la città di Parma che Colorno. La cassa ha una capacità di 4.6 milioni di metri cubi di acqua, pari alla metà della cassa di espansione del torrente Parma.
Il tavolo è stato l’occasione per approfondire alcuni temi tra cui quello della raccolta del legname trasportato dalle acque e lasciato sul greto del torrente, ma anche per capire come sia meglio muoversi sul versante della manutenzione delle golene e del torrente stesso. “Vogliamo mettere a punto un piano per le nuove emergenze – ha spiegato il sindaco Pizzarotti – definendo ruoli e funzioni in uno spirito collaborativo, per fare in modo che quanto avvenuto non si ripeta”. Per questo sarà necessario studiare non solo sistemi di allerta sicuri e rapidi, basati su un potenziamento dei sensori esistenti, ma anche un piano legato alla manutenzione delle vegetazione e interventi sugli strumenti di pianificazione urbanistica dei singoli Comuni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rodolfo

    18 Novembre @ 23.51

    Quelli di prima avevano la fobia delle rotatorie, questi hanno la fobia delle casse di espansione, magari pulire i canali no eh?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS