19°

Auto

Yeti, il Suv secondo Skoda

Yeti, il Suv secondo Skoda
Ricevi gratis le news
1

di Aldo Tagliaferro

Quel nome, Yeti,  evoca scenari selvaggi. Eppure il primo Suv della Skoda ha i tratti gentili: pur partendo dalla stessa base del Tiguan,  ha preferito la leggerezza ai muscoli. Aiutata da ampie vetrate ben armonizzate negli agili montanti e senza sfoggiare nervature e bicipiti eccessivi come va tanto di moda, la Yeti segna un'evoluzione importante nella storia di Skoda, che ha smesso da tempo i panni del cugino povero di Volkswagen.
Più che l'etichetta di Suv evoca quella del crossover, perché riesce a coordinare la vocazione stradale e quella dell'off-road senza dimenticare la generosità degli spazi e la funzionalità, tipiche del multispace.
Insomma, Skoda sembra aver trovato l'arma giusta per risalire la china del mercato: il 2009, dominato dalla precipitosa corsa al Gpl, ha penalizzato il marchio che aveva scelto da tempo strade diverse dal gas. Ma il discorso vale solo per l'Italia (quota scesa allo 0,7% con poco meno di 15mila auto), perché nel mondo la performance di Skoda è stata molto positiva.
Proviamo a dare una carta d'identità a questo simpatico Yeti: lunga 4,22 metri e alta 1,69,  la neonata Skoda ha un frontale reso originale dallo sdoppiamento dei fari, un profilo sobrio e il posteriore verticale; balza subito all'occhio la lunga linea vetrata che alleggerisce la vettura e al tempo stesso consente un'ottima visibilità a tutti i passeggeri. L'interno è curato, razionale nella sua semplicità, con una plancia pulita e i comandi ben visibili. La seduta è leggermente rigida, così come lo sterzo è un po' troppo duro (almeno nella versione 4x4) e la posizione del volante potrebbe essere più verticale. Ma trovare la giusta posizione non è un problema nemmeno se si è molto alti mentre i sedili posteriori offrono un ottimo comfort.
Uno dei punti di forza della Yeti è la modularità dello spazio: con i sedili si fa quello che si vuole, si spostano avanti e indietro quelli posteriori, se ne utilizzano indifferentemente da due a cinque visto che ogni unità fa storia a sé e di conseguenza il bagagliaio ha numeri importanti, da 416 a 1760 litri.
Tre versioni, cinque motori e una dotazione che fin dal livello d'ingresso è molto generosa sono le coordinate all'interno delle quali scegliere la Yeti: piacciono in particolare le tre declinazioni del 2.0 litri diesel (da 110 a 170 Cv) ma  soprattutto è intrigante la versione a quattro ruote motrici. Certo, la Yeti a sola trazione anteriore dovrebbe avere un po' più di metà dei consensi in un paese come il nostro dove il Suv è più da sfoggiare che da frustare, ma la trazione integrale che utilizza la frizione Haldex di quarta generazione è un sistema intelligente che fa rendere al massimo la vettura adeguandosi alle condizioni del terreno. Non solo: il tasto off-road (nelle versioni 4x4 ovviamente) comprende una serie di interventi  che vanno dal controllo automatico della discesa alla diversa taratura di Abs, acceleratore e trazione.
Ma proprio la dimensione “umana” di questo piccolo Suv lo rende adatto anche alle vie cittadine, dove si apprezzano visibilità e  insonorizzazione e - per chi sceglierà la 1.2 DSG - il cambio a doppia frizione.
Quanto alla sicurezza, mamma Volkswagen sorveglia premurosa e la Yeti ha fatto il pieno di stelle EuroNcap oltre ad essere imbottita di airbag (dalla versione Adventure c'è anche quello per le ginocchia del conducente).
I prezzi partono da 18.830 euro, ma come al solito lo spettro è gigantesco: la pubblicità strombazza già un 16.690 grazie al contributo dei consessionari fino al 31 marzo, mentre la Experience da 170 Cv 4x4 supera i 30mila euro.

  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • paolo

    14 Febbraio @ 21.22

    e' un bellessimo compromesso

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro