musica

Dr. Rock - StereoEquipe

Schede di archeologia pop, di Riccardo Venturella

Dr. Rock - StereoEquipe
Ricevi gratis le news
0

Riccardo Venturella è un filologo musicale parmigiano, che al suo lavoro a Radio-Tv parma ha via via aggiunto nel tempo una serie di apprezzatissime iniziative anche pubbliche (come Controtempi) con un unico filo comune: lo studio e la passione per la musica, rock-beat-pop...... Ora ha accettato di aricchire il nostro sito con alcune "schede di archeologia musicale pop", per la rubrica "Dr. Rock".    Ecco  quindi la nuova scheda di Dr. Rock:

 

STEREOEQUIPE

Il beat sinfonico concettuale dell'Equipe 84

Che l'Equipe 84, di Maurizio Vandelli fosse un gruppo al top negli anni sessanta è un dato di fatto, pochi però ricordano quanto l'opera musicale del gruppo sia stata importantissima all'interno del contesto musicale italico, svolgendo quella funzione evolutiva che ha permesso di fatto anche da noi un filone musicale piu moderno e all'avanguardia per i tempi e che ancora oggi mostra la sua validità. Accanto al "principe" Vandelli c'erano il bassista Victor Soliani,il chitarrista Franco Ceccarelli (si proprio il papà della bravissima Sandra) e il batterista Alfio Cantarella (che potremmo definire il Keith Moon nostrano!) a mostrare fin dall'esordio su vinile (il primo lp del 1965) la capacità di rileggere gente come i Rolling Stones, Kinks, Beach boys e Moody Blues, con gusto personale e inventiva.

Ma è nel 1966 che comincia la vera rivoluzione sonora, che porterà il gruppo ad essere un vero e proprio faro musicale, e il primo passo è il cambio d'etichetta, dopo la fallimentare partecipazione a San Remo ("Un giorno tu mi cercherai", accoppiata su 45 giri con "L'antisociale" che è di fatto l'esordio di Franceasco Guccini come autore non accreditato) l'Equipe passa dalla Vedette alla Ricordi e licenzia il primo capolavoro, il Lp "Io ho in mente te" che mostra una band lontana anni luce dall'album d'esordio. Inciso con apparecchiature d'avanguardia e una variegata strumentazione (tutta indicata nei credit di copertina) il disco si apre subito alla grande con "Alti nel cielo" dove un banale folk rock dei Mamas & Papas (I need somebody groovy) viene trasformato in una delizia psichedelica che unisce l'innovativo sound dei Byrds alle intuizioni dei Beatles, con un testo che poco ha a che vedere con i "viaggi" in aereo (è la scusa che prenderanno anche i Byrds per spiegare "Eigh Miles High"!!) vedere per credere (video). 


Si prosegue ad altissimo livello tra riuscite rielaborazioni di cover poco note, come "Spiegami come mai" e "Resta" (è quella "Stay" che Jackson Brown renderà popolarissima nei 70 ) e le più conosciute Bang Bang (anche su 45 giri) e la title track che trasforma un'incolore "You were on my mind" di Berry McGuire, in un gioiellino pop , fatto di di deliziosi intarsi canori e un crescendo trascinante, che a breve. vince il Cantagiro e diventa un classico(video) . Il resto non è da meno, e la voglia di superare la dimensione provinciale italiana è esplicitata anche nell'uso dell'inglese (vera eresia per una band italiana all'epoca) in ben due pezzi: l'eterea "Floating" e l'autocover "Wanna pray" (aggiornamento musicale del brano sanremese) ma la vera bomba arriva alla fine dell'album quando smessi i panni elettrici, i quattro si buttano in un intensa ed emozionante lettura folk di "Auschwitz" del grande Guccini(che è bene ricordarlo era in formazione agli inizi della storia e che provoca subito un pandemonio con la censura!! ).(video)

Mentre i singoli dominano la Hit parade del compianto Lelio Luttazzi (ma anche il Lp vende molto bene, tant'è che oggi lo si trova facilmente) la band si prepara per un biennio di fuoco. Il 1967 è all'insegna di una coraggiosa quanto riuscita avanguardia sonora che li porta in breve a licenziare due singoli stratosferici, oltre che scoprire e lanciare il talento di Lucio Battisti. Il primo è la celeberrima "29 settembre" che viene tolta dalla dimensione folk originaria (sentite la versione dell'autore sull'album d'esordio) e trasformata in tour de force musicale con vorticose chitarre psichedeliche, batteria ipercompressa e pianoforti martellanti (dico una follia, ma mi fa pensare ai Velvet U. di "I'm waiting for my man") e dulcis in fondo il titolo recitato da uno speaker del notiziario radiofonico nazionale ... (video) a ciò aggiungete uno splendido retro (La gucciniana "E' dall'amore che nasce l'uomo" ovvero quando lo space rock incontra la melodia italiana) e avrete il singolo rock italiano piu bello degli anni sessanta! A seguire ancora Battisti (che partecipa anche alle registrazioni) regala al gruppo la splendida accoppiata "Nel Cuore e Nell'anima/Ladro" che dispiega un'orchestrazione beatlesiana nel lato A e una verve indoetnica nel lato B!


Ed è a questo punto che i nostri baroni calano l'asso, Nel 1968 infatti incidono quello che è il Sgt Pepper italico ovvero (rullino i tamburi) “Stereoequipe”. Prino disco della Ricordi registrato tutto in stereofonia (da qui il titolo), l'album contiene i 4 brani dei singoli del '67 remixati, il resto è un tripudio di sorprese tra i deliri psichedelici di "Tutto è solo colore" (video) ("Every little bit hurt" classico soul irriconoscibile ,date un'occhio all'incredibile video) e la stonatissima "Per un attimo di tempo" (video) , la rilettura di "Intermission riff" (standard jazz di Ray Wetzel, che diverrà sigla del Tg7 della rai!!!) e ancora "Nel ristorante di Alice" che cita la beatlesiana Penny Lane (e pare che Hendrix quando nel 68 venne in Italia ne fosse rimasto molto colpito!!!) o "Una anno" che fa conoscere i Traffic qui da noi (era sigla del programma radiofonico "Gran Varietà)), per tacere della famosa "Un angelo blu" (pubblicata su singolo) e sopratutto "Hey ragazzo" oscuro gioiello battistiano che cita la Harrisoniana "Within you without you" del Pepper. Pensata come un'unicum sonoro (i brani sono uniti da brevi intermezzi orchestrali), ques'opera pop rock,dal respiro sinfonico, è un vero capolavoro che ancora oggi affascina e stupisce, suggellata da una splendida copertina firmata dal genio della Pop art Mario Schifano (gia all'opera per i singoli del '67).

Purtroppo l'album troppo complesso per un pubblico poco avvezzo agli esperimenti sonori, venderà poco e mai più ristampato cadrà nell'oblio,dimenticato anche dai critici, musicicisti e addetti ai lavori, reperibile solo nel mercato collezionistico a prezzi molto alti. Solo recentemente ha avuto una degna riedizione sia in vinile che in cd (on sale music), con i singoli del 1969 come bonus ,tra i quali “Tutta mia la città” bella e nota rilettura sinfo pop dei Move di “Blackberry way”. Non mi resta che dirvi “Accattatevillo”!





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Congregazione delle Domenicane per Scuole Luigine

SCUOLA

Porta, c'è l'accordo con la Proges: si va avanti

meteo

Parma, allerta a livello giallo

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

3commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

TRAFFICO

Tamponamento risolto sulla tangenziale nord. Il traffico scorre

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

15commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

ITALIA/MONDO

Giustizia

Gli stupratori di Rimini "come iene sulla preda"

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

SPORT

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

3commenti

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

Spettacolo

Gibson, la storia del rock è sommersa dai debiti Video

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

MOTORI

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato