-5°

IL DISCO

“Pictures at an exhibition” di Emerson, Lake and Palmer

disco michele ceparano
1

Più che un disco è una raccolta di quadri. Quadri magnifici. Pittura o musica, “Pictures at an exhibition”, terzo lavoro di Emerson, Lake and Palmer, mitica band inglese di rock progressivo, è un capolavoro. Da scoprire o riscoprire. Registrato dal vivo in Inghilterra, alla Newcastle City Hall 45 anni fa, è la rielaborazione rock di alcuni brani dell'omonima composizione del 1874 di Modest Musorgskij. Il titolo dell'opera del grande compositore russo era “Quadri da un'esposizione”; in inglese, appunto, “Pictures at an exhibition”. Un lp che è anche un “manifesto” del progressive rock, nei primi anni Settanta ancora saldissimo in sella. Il disco infatti, sull'onda del successo di “Tarkus”, da molti considerato il capolavoro del trio, fu apprezzatissimo da critica e pubblico. Un'opera capace di unire classico e moderno, nel solco del prog più puro. Dei dieci “quadri” di Musorgskij, la band ne sceglie quattro (“The gnome”, “The old castle”, “The hut of Baba Yaga” e “The great gates of Kiev”) accompagnati da tre Promenades, che guidano l'ascoltatore - o il visitatore - tra un quadro e l'altro. Proprio come in un museo. Nel disco ci sono anche alcuni brani scritti dal gruppo, ma il gran finale è ancora “sul classico” dal momento che “Nutrocker” è una rielaborazione rock dello Schiaccianoci di Ciajkovski. Città lontane, vecchi castelli, streghe e creature fantastiche, com'è nella tradizione di Emerson Lake & Palmer. Oltre a tanta ottima musica.

P. S. Il 10 marzo di quest'anno se n'è andato uno dei tre componenti della band: Keith Emerson. Il grande pianista inglese si è infatti ucciso nella sua casa di Santa Monica, in California. Era malato e non poteva più suonare come voleva. Emerson, prima enfant prodige del piano e poi virtuoso delle tastiere (oltre a essere un “drago” al piano e all'organo hammond, sdoganò il moog), in Italia si era fatto conoscere per la sigla (“Honky Tonk Train Blues”, brano degli ani Trenta da lui rielaborato e inserito in “Works” Volume 2) di “Odeon-Tutto quanto fa spettacolo”, programma di grande successo della Rai firmato da Brando Giordani ed Emilo Ravel che impazzò dal 1976 al 1978, e di Variety (1980, sorta di continuazione di “Odeon”), in cui l'artista britannico eseguiva “Salt Cay” tra le onde dei caraibi. Di lui va anche ricordata la collaborazione e l'amicizia con Dario Argento. Aveva infatti firmato la colonna sonora di “Inferno” (1980), settimo lungometraggio del maestro del brivido. Ma Emerson - alla cui scomparsa non è seguita un'adeguata celebrazione (come è invece accaduto per tanti altri) - e i suoi due compagni d'avventura, Greg Lake e Carl Palmer, tra scioglimenti della band e ricomposizioni, ottennero un successo planetario. A “Pictures at an exhibition” Emerson era però rimasto particolarmente affezionato tanto da intitolare la sua autobiografia “Pictures of an exhibitionist”, con uno di quei giochi di parole tanto amati dagli inglesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alvermann

    27 Agosto @ 13.48

    Bravo Ceparano, sento anch'io che questi tre artisti non sono stati riconosciuti per il talento espresso negli anni del progr, almeno fino a Trilogy. Così, per scambiare opinioni, trovo però che il capolavoro sia il primo LP omonimo, inarrivabile per raffinatezza e originalità. Curiosa e affascinante, infine, l'opinione di un mio coetaneo ammiratore del trio: solo uno straordinario bassista come Lake poteva far suonare insieme due geni come Emerson e Palmer.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Bertolucci

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

5commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto