35 anni fa

"Metropolis", un viaggio nelle città di Guccini

"Metropolis", un viaggio nelle città di Guccini
0

“Metropolis” è un viaggio che Francesco Guccini ha intrapreso trentacinque anni fa. Nelle e attraverso le città. Quelle di oggi (o del 1981, anno dell'uscita del lavoro), ma anche quelle della storia, come Bisanzio. Un viaggio inteso nel senso antico, a partire dal titolo che è in greco. Un'avventura come quella di Ulisse. Perché il viaggio in Guccini è sempre metafora, è ricercare e scoprire. Prendendo a prestito un termine caro al rock progressivo – che nell'opera del cantautore modenese comunque non c'entra nulla – si può dire che “Metropolis” è un concept album. E' infatti una storia lunga sette canzoni. Il decimo lavoro di Guccini è un lavoro corposo che si potrebbe perfino definire mitico. Una “summa” di tanti viaggi e saperi, nella vita di un uomo che ha comunque cercato di affascinare l'ascoltatore usando proprio l'arma della cultura, della citazione, della letteratura. Il viaggio inizia da “Bisanzio”, vista con gli occhi di Filemazio, “protomedico, matematico, astronomo, forse saggio”. Profuma di struggente decadenza - l'impero romano è infatti destinato a crollare - ed è una poesia dura, terribile, notturna, disperata. Forse - sia consentito dirlo - la più bella del disco. Il viaggio prosegue con “Venezia”, lirica e tristissima, diventata col tempo un pezzo da gita scolastica, da strimpellare in pullman. Qualcosa che offende i “gucciniani” duri e puri. “Antenòr” è invece più gucciniana che mai. E' la storia di un duello rusticano in cui il protagonista, sfidato, deve uccidere l'avversario anche se non trova un motivo per farlo. Di “Bologna”, come di “Venezia”, è già stato detto tutto o quasi. Assieme alla canzone sulla città lagunare, è la più famosa del disco. E' dedicata a uno dei luoghi d'adozione di Guccini, che all'ombra delle due torri ha vissuto un periodo importante di vita e carriera, tanto - lui “modenese volgare” - da essere considerato nell'immaginario collettivo proprio bolognese. “Lager”, incisa due anni prima assieme a Venezia dall'”Assemblea musicale teatrale”, gruppo attivo negli anni Settanta, non è una città in particolare, ma un luogo in cui la ragione lascia il posto alla follia. Un luogo in cui “spesso la gente muore” o “in cui, peggio, la gente nasce”. “Black-out” è una sorta di “divertissement”, dopo le atmosfere così cupe di “Lager”, quasi a volersi rilassare qualche minuto prima del gran finale. Che è rappresentato da “Milano (Poveri bimbi di”). Per Guccini - modenese, bolognese, tanto innamorato dell'appenino tosco-emiliano da trasferirvisi - Milano rappresenta gli antipodi. Anche questa canzone, però, al pari di tutto l'album, 35 anni dopo rimane graffiante come la prima volta. In “Metropolis” manca Modena. Ma la “piccola città, bastardo posto”, città natale del settantacinquenne cantautore, era già stata protagonista in “Radici”, altro capolavoro del 1972.

"Bologna", guarda il video 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti