18°

feste

Buon compleanno Albazzano

La sagra compie 25 anni. Paolo Manfredi sfoglia l'album dei ricordi. Ma il meglio deve ancora venire

Buon compleanno Albazzano
0

Venticinque anni di sagra tra amicizie e divertimenti, fatiche e oneri, risate e qualche pensiero un po’ così per quei compagni di viaggio che non ci sono più. E’ lunga, invidiabile e parecchio vissuta la storia che lega Paolo Manfredi alla Sagra di Albazzano, la festa che anche quest’anno (fino al 25 agosto), alla guida del comitato organizzatore, ha preparato con una cura e una passione fuori dall’ordinario, rimaste intatte nel corso di un quarto di secolo di queste particolari «nozze d’argento» nonostante i – tanti – problemi organizzativi da affrontare e risolvere.
«Fu proprio nel 1989 - il parmigiano Manfredi inizia così a sfogliare l’album dei ricordi - che alcuni di noi si adoperarono affinché il rito della nostra festa riprendesse dopo una trentina d’anni di assenza da Albazzano. Prima, semplicemente, ne parlarono e poi venne organizzata una raccolta fondi tra alcune famiglie. La cosa bella è che, qualche tempo dopo, quando si decise di restituire questo denaro ai “soci” quasi tutti non li rivollero». Erano gli anni dei pionieri di questa festa, delle estati in cui tutte le attrezzature della fiera venivano caricate su carri bestiame ripuliti che, trainati dal trattore, ripetevano il breve ma accidentato tragitto dalla canonica al prato (lasciato completamente libero per il resto dell’anno), trasportando cucine professionali da diversi quintali e tavolacci d’acciaio così pesanti che più di una volta ti facevano dire: ma perché? «Perché la sagra è anche questo. E’ sì sacrificio e un po’ di fatica, ma alla fine, godendoti la vista sulla Val Parma e soprattutto vivendo tutto questo insieme a tanti amici o conoscenti, ti fa dire: pure quest’anno ne è valsa la pena».
Dai suoi principali collaboratori agli amici che purtroppo non ci sono più (Franca, Giancarlo e Rudy, dai bambini che si divertono con i Giochi nel Prato (come le sue tre figlie e, oggi, i suoi cinque nipoti), il settantenne Manfredi – un finto burbero con un cuore grande così – snocciolerebbe nomi, episodi e ricordi all’infinito. Sfogliando questo grande libro per lui ancora non ingiallito, spazia dagli aneddoti più divertenti («Non male quando una trentina di ragazzini-camerieri si litigavano la priorità della loro ordinazione da servire ai tavoli») a quelli di cui avrebbe fatto volentieri a meno («Quante volte, dopo un acquazzone, abbiamo dovuto chiamare il trattore per trainare a mezzanotte le macchine parcheggiate nel prato…»), senza dimenticare la gioia per i «tutto esaurito» dei 25 agosto illuminati dai fuochi d’artificio, le risate genuine delle commedie della Famija Pramzana, le mostre e i concorsi di pittura allestiti, fino alla crescente popolarità dei tornei di burraco di cui è – per ammissione propria… – un buon giocatore.
In attesa che realizzi il sogno di allestire la sera di San Lorenzo un’opera vera e propria («Una di Giuseppe Verdi, ovviamente»), Manfredi esprime tutto il suo orgoglio pensando a quanti eventi sono stati organizzati ad Albazzano: «A un certo punto abbiamo capito che la sola serata danzante da “balera” non bastava più, quindi abbiamo cercato, e ancora ci proviamo oggi, di proporre qualcosa di diverso. Per questo abbiamo ospitato le serate jazz con Paolo Tomelleri e la sua band e poi la splendida voce di Stefania Rava. Ma penso anche ai raduni storici delle Fiat 500, alle giornate per i bambini e, più di recente, agli artisti di strada in collaborazione con quelli del Teatro Necessario. Dei primi anni, invece, ricorderei le passeggiate ecologiche, la caccia al tesoro, i tornei di pallavolo sull’erba. Insomma, tutte giornate che hanno animato il nostro prato e che hanno inorgoglito chi come noi, pur avendo qui la seconda casa, si sente “cittadino” di Albazzano fino in fondo».
I problemi e i pensieri, quando in ballo c’è una festa per migliaia, non mancano, ma se Manfredi è ancora oggi, dopo 25 anni, il «papà» della sagra è perché il suo amore per Albazzano è più forte di qualsiasi contrattempo o delusione. Allora i suoi amici-collaboratori, durante i giorni della festa, potranno ancora e senza sosta continuare a rivolgersi a lui per avere un’informazione, un ordine, un consiglio. O più semplicemente anche solo un sorriso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: oggi si visita l'Università

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

14commenti

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa